Lo “storico” piano di ripresa dell’Italia è rivolto alle donne, ai giovani e al Mezzogiorno

L’Italia detiene la quota maggiore dei 750 miliardi di euro (907 miliardi di dollari) per la ripresa nell’Unione Europea, di cui 191,5 miliardi di euro (231,6 miliardi di dollari) dal suo piano semestrale finanziato dai fondi dell’Unione Europea. Draghi, l’ex presidente della Banca centrale europea, è stato assegnato all’ufficio del presidente del Consiglio appositamente per assicurarsi che i soldi non vengano sprecati perché l’Italia ha da tempo uno dei peggiori record nell’Unione europea per quanto riguarda l’utilizzo dei fondi disponibili.

Draghi ha detto ai legislatori lunedì di non vedere il piano solo come una raccolta di numeri e tabelle, ma piuttosto come una ricetta per i valori e le priorità di un paese che è stato traumatizzato dall’epidemia, ha perso vite umane e mezzi di sussistenza e ha bisogno di un affidabile futuro per i suoi figli. .

“Sono sicuro che l’onestà, l’intelligenza e il talento per il futuro prevarranno sulla corruzione, la stupidità e gli interessi speciali”, ha detto.

Il piano è pesante sugli investimenti per modernizzare e digitalizzare l’economia e la burocrazia italiana e incoraggiare uno sviluppo sostenibile dal punto di vista ambientale. Entrambi sono specificamente rivolti all’industria del turismo di fondamentale importanza – si pensi a Venezia, al Colosseo e alla Costiera Amalfitana – che rappresentano il 13% del PIL italiano e sono state devastate dai blocchi legati alla pandemia.

READ  Nuova piattaforma di design che collega Italia ed Egitto - Economia

Le maggiori opzioni di occupazione per donne e giovani hanno la priorità, dato che la disoccupazione giovanile è superiore al 30% e l’Italia è stata a lungo classificata all’ultimo posto dell’Unione europea in termini di percentuale di donne nella forza lavoro. 456.000 posti di lavoro persi in Italia lo scorso anno.

Ecco uno sguardo ai piani dell’Italia, annunciati lo stesso giorno in cui la maggior parte del paese ha iniziato a uscire dal suo ultimo blocco del coronavirus, con la riapertura di musei, ristoranti e bar per il servizio all’aperto.

Trasformazione digitale e lavoro

Circa il 27% del piano è indirizzato alla trasformazione digitale dell’economia e della pubblica amministrazione italiane, ampliando l’accesso al servizio Internet ad alta velocità, soprattutto nelle scuole, e incentivando il settore privato alla digitalizzazione.

Circa 22,4 miliardi di euro (27 miliardi di dollari) mirano a investimenti e programmi di “inclusione sociale” per aumentare le opportunità di formazione e lavoro per le donne e aiutare le città a migliorare l’accesso e le opportunità per le persone con disabilità. L’obiettivo di entrambi, insieme all’aumento dei posti in asili nido, è quello di rimuovere gli ostacoli che tradizionalmente hanno trattenuto le donne italiane a casa nella cura dei giovani, degli anziani, dei malati e dei disabili.

Draghi ha detto che avere donne nel mondo del lavoro “è fondamentale per la ripresa dell’Italia”.

Il piano prevede che l’economia italiana, che ha subito una contrazione dell’8,8% lo scorso anno, crescerà di 3,6 punti percentuali oltre la previsione di base senza il piano 2026 e che il tasso di occupazione crescerà di 3,2 punti percentuali.

Sviluppo sostenibile

L’Unione Europea ha chiesto che almeno il 37% del suo denaro sia destinato a investimenti legati al clima, il che fa parte dell’obiettivo del blocco di tagliare il 55% dei gas serra entro il 2030 e la neutralità del carbonio entro il 2050.

READ  L'Europa ha riaperto ma i malati di virus continuano a travolgere le équipe di terapia intensiva

Il piano italiano dirige il 40% in totale, o 68,6 miliardi di euro (82,9 miliardi di dollari), a investimenti e iniziative legate all’ambiente: aumento del riciclaggio, riforma dei sistemi di trasporto pubblico a favore di veicoli a basse emissioni e riduzione dello spreco d’acqua migliorando i corsi d’acqua.

Il piano prevede un investimento di circa 31,4 miliardi di euro (37,9 miliardi di dollari) nel miglioramento delle infrastrutture di trasporto e nell’espansione delle linee ferroviarie ad alta velocità in tutta la penisola, soprattutto nel sud sottoservito.

In generale, il sud beneficia della metà di tutti gli investimenti infrastrutturali, ha detto Draghi, ribadendo il vecchio detto: “Più cresce il sud, più cresce l’Italia”.

Istruzione e ricerca

Il piano mira, tra le altre cose, a creare altri 152.000 asili nido per bambini e 76.000 posti prescolari, al fine di affrontare il deficit strutturale che da tempo spinge i genitori a scoraggiare le donne dall’avere figli e donne.

Altre destinazioni per gli investimenti di 31,9 miliardi di euro (38,5 miliardi di dollari) nell’istruzione e nella ricerca sono il riscaldamento e il miglioramento degli edifici scolastici fatiscenti e il rinnovamento dei programmi di studio dell’istruzione superiore per incoraggiare più studenti a conseguire titoli di studio più alti.

L’Italia ha sofferto a lungo di una fuga di cervelli, poiché i suoi studenti più brillanti cercano diplomi e lavori avanzati all’estero e non tornano mai più.

Ci si aspetta che i giovani italiani siano i principali beneficiari dei posti di lavoro creati attraverso la trasformazione digitale e ambientale dell’economia, e raccoglieranno anche un aiuto più basilare per ottenere mutui e abbassare i pagamenti in modo che possano acquistare le loro case.

Assistenza sanitaria

La debolezza strutturale del sistema sanitario nazionale italiano era fin troppo evidente durante la pandemia, quando gli ospedali della Lombardia settentrionale erano sovraffollati ei medici di base erano in gran parte lasciati soli a prendersi cura dei pazienti mentre l’Italia diventava l’epicentro dell’epidemia in Europa.

READ  Il primo ministro britannico cerca di rafforzare l'economia e l'unione nel nuovo parlamento

L’investimento di 18,5 miliardi di euro (22,3 miliardi di dollari) in sanità mira a rafforzare la medicina generale e le cure preventive fornite in particolare a livello locale, rafforzando nel contempo l’assistenza domiciliare e la telemedicina. I miglioramenti dell’infrastruttura digitale mirano a migliorare l’analisi dei dati e la connettività in tutto il sistema.

Riforme

Il lento sistema giudiziario italiano e l’ingombrante burocrazia sono stati a lungo accusati di scoraggiare gli investimenti stranieri, perché le azioni legali e i procedimenti penali possono durare per anni e ottenere i permessi per fare qualsiasi cosa può richiedere un tempo altrettanto lungo.

La riforma del sistema giudiziario mira a ridurre l’arretrato di fascicoli giudiziari con nomine temporanee, rivedendo le regole e le procedure per incoraggiare un maggiore ricorso alla mediazione.

Altre riforme si concentrano sulla modernizzazione della vecchia e vecchia amministrazione pubblica in Italia, con l’obiettivo di aumentare il tasso di turnover del personale per assumere più giovani, digitalizzare i sistemi, semplificare le procedure di autorizzazione e rafforzare la concorrenza, soprattutto nei servizi e nelle strutture pubbliche.

———

Segui la copertura epidemiologica AP su:

https://apnews.com/hub/coronavirus-pandemic

https://apnews.com/hub/coronavirus-vaccine

https://apnews.com/UnderstandingtheOutbreak

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Abbiamo ancora bisogno di indossare maschere all’aperto?
Next Post Coronavirus | L’India registra 2.762 nuovi decessi