Lo stallo politico in Francia è un pericolo per l’Europa

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Giove non sta più ascendendo. Le elezioni francesi hanno prodotto un parlamento sospeso, derubando il presidente Emmanuel Macron della sua maggioranza, potere e credibilità come baluardo centrista contro l’estrema destra e l’estrema sinistra. Le fragili alleanze al centro dell’economia n. 2 dell’Eurozona renderanno difficile la governance e le riforme più difficili.

Per un’UE che cerca di rafforzare la difesa, recidere i legami energetici con la Russia e cercare una più stretta integrazione, il pericolo ora è che la Francia si rivolga verso l’interno con scarso appetito per grandi cambiamenti.

La quota di voti peggiore del previsto per la coalizione centrista di Macron – 44 seggi prima della maggioranza – riflette la crescente frustrazione per il suo stile di governo e la salute dell’economia. Da quando ha sconfitto l’avversario di estrema destra Marine Le Pen alle elezioni presidenziali di aprile, Macron ha tenuto la testa sotto un setto, portando un governo tecnocratico che ora è morto in acqua.

Sullo sfondo della deflazione economica e dell’inflazione record del 5%, le politiche fulminee di Macron (come l’innalzamento dell’età pensionabile a 65 anni) hanno dato slancio al voto anti-Macron. La coalizione NUPES dell’estrema sinistra, insieme ad altri partiti di sinistra, ha colpito una corda chiedendo che tariffe e ritiri fossero fissati a 60. Il partito di Le Pen è effettivamente riuscito a ottenere il suo miglior risultato di sempre, con oltre dieci volte il salto nei sedili.

La visita di Macron a Kiev insieme all’italiano Mario Draghi e al tedesco Olaf Schulz non ha cambiato la sua posizione. Il voto sembrava essere una manifestazione della classe media schiacciata dell’economia, come l’ha descritta il capo di Publicis Maurice Levy: un terzo non vota, un altro terzo perché Mélenchon protesti e un altro terzo perché Le Pen votasse perché si sente lasciato indietro .

READ  Il critico gastronomico degli 11 panini invernali preferiti di Robert Setsima

Allo stesso tempo, la mancanza di un unico vincitore riflette la caotica realtà della politica di invasione dell’Ucraina post-Covid. Lo stato francese si è gonfiato durante la pandemia, con un debito al 113% del PIL e un deficit di bilancio al 7%. La rettitudine fiscale potrebbe non essere popolare, ma la richiesta di Melenchon di ulteriori 250 miliardi di euro di spesa annuale non ha nemmeno instillato una fiducia diffusa.

In teoria, questo tipo di stallo presenta opportunità. Senza nessun altro gruppo in grado di controllare, Macron ha la possibilità di concludere un accordo con i repubblicani di centrodestra o di lavorare con altri partiti caso per caso. Violente proteste durante il primo mandato di Macron hanno dimostrato i pericoli di indebolire l’opposizione e la storia mostra che gli ex presidenti sia di destra che di sinistra sono stati in grado di “coesistere” con gli oppositori politici quando costretti dall’aritmetica parlamentare.

Ma in realtà, c’è una grande opportunità per alleanze e coalizioni complesse di arrivare al punto di rottura. Ci sono tanti partiti quante sono le personalità, le prospettive economiche sono fosche e il terreno della mediocrità francese è sempre più angusto. Christopher Dembek di Saxo Bank teme che questo assomigli più alla politica volubile dell’Italia che alla creazione di consenso in Germania. Il primo test saranno le misure pianificate per aumentare il potere d’acquisto che saranno svelate il prossimo mese.

Parlando di Italia e Germania, Macron dovrà fare più sensibilizzazione in Europa per raggiungere i suoi obiettivi se ha problemi in casa. La politica interna ed estera sono campi di battaglia diversi, ma l’influenza e la leadership a Bruxelles si sovrappongono alla credibilità economica e alla capacità di approvare leggi.

READ  IEG: SIGEP & VICENZAORO GENNAIO RINVIATO A MARZO 2022

Quindi, mentre è con sollievo di Macron che Clement Pellon – suo alleato di lunga data e ministro dell’UE – sia riuscito a ottenere un seggio in Parlamento, tutto questo sembra lontano dall’apice dei poteri di Parigi durante il Covid-19, quando ha convinto Berlino a fare marcia indietro per così lungo. – Eliminati i divieti per una più stretta integrazione.

Naturalmente, la pressione sugli incumbent politici non è solo una questione francese: lo spagnolo Pedro Sánchez è stato battuto alle elezioni andaluse, mentre il Regno Unito sta affrontando il suo più grande sciopero ferroviario degli ultimi decenni.

Tuttavia, mentre una volta la prova della forza di Macron era se la Francia potesse riformarsi, ora lo sarà se la Francia potrà autogovernarsi. Uscita da Giove. Entra Marte.

Altro da questo scrittore e altri su Bloomberg Opinion:

Le minacce alla Brexit in tempo di guerra sono doppiamente sbagliate: Lionel Laurent

Draghi rafforza la reputazione di “ventre molle” dell’Italia: Rachel Sanderson

In Germania, Scholz the Bold torna a Scholz the Smurf: Andreas Kluth

Questa colonna non riflette necessariamente l’opinione della redazione o di Bloomberg LP e dei suoi proprietari.

Lionel Laurent è un editorialista di Bloomberg Opinion che si occupa di criptovaluta, Unione Europea e Francia. In precedenza, ha lavorato come reporter per Reuters e Forbes.

Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com/opinion

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Jennifer Lopez usa pronomi neutri rispetto al genere per Emme durante la performance
Next Post I pulcini hanno posticipato il concerto di Cincinnati a causa di un ‘ordine di riposo vocale’