Lo spirito di Virgil Abloh continua a vivere ai Fashion Awards 2021 – WWD

Londra – La notte è toccata a Virgil Abloh.

Il compianto stilista – la cui morte improvvisa è stata annunciata appena 24 ore prima della data prevista per i London Fashion Awards – era nella mente di tutti lunedì sera alla Royal Albert Hall.

C’è stato uno sfogo di amore e affetto per l’uomo che ha scosso il fashion system e ha aperto le porte a molte comunità emarginate.

Prima dell’inizio ufficiale dell’evento, Idris Elba è salito sul palco per onorare Abloh.

Ha detto Elba, che è stato affiancato da schermi con una foto di Abloh, morto domenica dopo una lunga battaglia privata con il cancro.

“Era una delle poche persone con cui potevo avere una conversazione [with] sul multitasking. “Quando cadono grandi alberi”, ha detto l’attore che ha recitato la poesia di Maya Angelou.

“Chi conosce Virgil sa che vuole che ci divertiamo. L’intero spettacolo notturno è dedicato alla vita di Virgil Abloh”.

Abloh, un talento e un creatore di cambiamenti di prima classe, è partito in un momento in cui il cambiamento era in cima alle sue priorità nel tradizionale spazio avverso alla moda.

Oltre alla morte di Abloh, altre cattive notizie hanno gettato un’ombra nella notte: l’emergere di un altro tipo di COVID-19 ha inasprito le misure nel Regno Unito per almeno altre tre settimane.

Tuttavia, lo spettacolo, che raccoglie fondi per la British Fashion Council Foundation, è continuato, almeno per quegli ospiti che possono fornire la prova della doppia vaccinazione o un test COVID-19 negativo.

I partecipanti avrebbero sicuramente colto l’opportunità di vestirsi in stile anni ’20 e sostenere il talento britannico. Dua Lipa ha indossato un abito attillato nero di Maximilian, mentre Kosar Ali, Addison Rae, Ella Balinska e Billy Porter hanno indossato creazioni di Richard Quinn.

Quinn ha davvero rubato i riflettori sul tappeto rosso e sul palco mentre Kylie Minogue e il suo esercito di ballerini si esibivano in abiti floreali caratteristici.

Riconoscendo il panorama in evoluzione, il British Fashion Council si è concentrato sulla premiazione di 15 changemaker nelle categorie Creatività, Ambiente e Persone, un nuovo formato introdotto durante il Video Gala dello scorso anno per evidenziare un gruppo più ampio di individui piuttosto che concentrarsi sui grandi marchi.

READ  Kumkum Bhagya 26 luglio 2021, aggiornamento scritto: Benvenuti a Palavi Riya

“Questi sono i leader che ci ispirano a fare le cose in modo diverso”, ha detto il presentatore della serata, Porter, che è salito sul palco con grandi passi di danza e battute sulla Brexit.

Tuttavia, la categoria Creatività era ancora popolata da giocatori famosi. Abloh è stato premiato per il suo lavoro su Off-White e Louis Vuitton Uomo insieme a Kim Jones di Dior, Alessandro Michele di Gucci, Demna Gvasalia di Balenciaga e Jonathan Anderson di Loewe.

“Queste confessioni mantengono me e i miei colleghi motivati. Abloh ha detto in un messaggio preregistrato per l’evento:

Nella categoria Ambiente, artisti del calibro di Stella McCartney, Gabriella Hearst, Priya Ahluwalia, Phoebe English e Bethany Williams sono stati premiati in riconoscimento degli sforzi di sostenibilità dei designer.

C’era anche una categoria “Persone” che ha dato ai creatori il cui lavoro aiuta a rendere l’industria uno spazio più inclusivo. Tra i vincitori c’erano il redattore capo di British Vogue Edward Enninful, Samuel Ross di A-Cold-Wall, Harris Reed, Telfar Clemens e il vicedirettore capo di Grazia UK, Kenya Hunt.

Molti dei nomi nell’elenco dei vincitori di quest’anno – tra cui Jones, Anderson e McCartney – erano ripetizioni dell’elenco dell’anno scorso, sollevando la questione se l’industria sia tornata ai suoi vecchi modi di concentrarsi su un piccolo gruppo di persone.

L’inclusione di Hunt è sembrata un’aggiunta gradita: ha condotto contenuti di moda in Grazia UK per più di due anni e ha recentemente pubblicato “Girl”, che racconta storie avvincenti di femminilità nera.

“Non prendo alla leggera i ruoli che mi sono stati assegnati. Se hai il potere, devi dare potere a qualcun altro”, ha detto Hunt.

Reed, anche lui vincitore per la prima volta, ha parlato dell’importanza di lavorare al di fuori del sistema.

“Dobbiamo riconoscere che le strutture devono essere ulteriormente smontate. Secondo i libri su questo sistema, non dovrei avere un’attività, eppure sto facendo soldi senza un solo grossista”, ha detto il designer, che ha scelto di apparire all’esterno il tradizionale programma BFC e concentrarsi su un modello di business per sfilate di moda più limitato, qualcosa che ha intenzione di continuare a fare nel 2022. “Dobbiamo copiare i libri di f-king che ti dicono come gestire un’attività e mostrare a queste persone che puoi fare a modo tuo.”

READ  Emilio Delgado ha fatto sentire i bambini latini "Visibili... e pieni di sole"

E le cerimonie di premiazione in generale?

“Questi eventi di alto profilo sono un ottimo modo per riunire tutti a livello globale, per riflettere sugli incredibili risultati e sul duro lavoro che è stato fatto nel settore, ma senza dubbio dobbiamo diversificare i nostri invitati a questi eventi”, ha affermato lo stilista Zadrian Smith, che era dietro il look di Richard Quinn e il look di Gucci di Paul Mescal, insieme alla compagna Sarah Edmiston, così come Lady Amelia Windsor, Arissa e Sinead Harnett della couture londinese Sabina Belenko.

Kim Jones è stato nominato Designer of the Year per il suo lavoro su Dior Men e Fendi, un tempestivo riconoscimento del ritorno a casa dello stilista per mostrare la sua collezione di spa Dior Men la prossima settimana.

Jones era contro Miuccia Prada, Raf Simons, Anderson, Javasalia e l’ex direttore creativo di Bottega Veneta Danielle Lee.

L’ultima volta che l’evento si è tenuto nel 2019, Lee ha stabilito un nuovo record con quattro importanti premi. Ma che differenza potrebbero fare due anni: Lee si è separato dall’etichetta Kering all’inizio di questo mese a causa di uno “scontro” con più membri dello staff, secondo le fonti, e durante la cerimonia non è stato menzionato lo stilista di origine britannica, e lì non si parlava del designer Born in Britain. C’è una scena di Bottega Veneta sul red carpet.

Simone Rocha, il cui marchio ha compiuto 10 anni quest’anno, è stato insignito del British Independent Designer Award, mentre Nensi Dojaka ha portato a casa l’Emerging Talent Award della Fondazione BFC.

Questa è una delle tante grandi vittorie di Dojaca quest’anno, che ha anche evidenziato quando è stata nominata vincitrice del premio LVMH a settembre: ha tenuto la sua prima sfilata durante la London Fashion Week, in collaborazione con Alessandro del Acqua #21 e ha visto il suo caratteristico cut-out gli abiti diventano virali.

L’industria tende a dare la caccia ai giovani talenti semplicemente perché è considerata “calda”. Quindi, anche se ben meritati, i numerosi premi e la maggiore attenzione della stampa portano anche a chiedersi se questo crei troppa pressione e troppe aspettative per il giovane laureato in design che lavora ancora in un team di due persone.

READ  Chrissy Teigen "sorpresa" dalle accuse di Michael Costello

“Questa è probabilmente la cosa più difficile che ho fatto”, ha detto un emozionato Dogaka, esprimendo la sua gratitudine a tutti coloro che l’hanno sostenuta.

Come riportato, l’Isabella Blow Award è andato al designer e caporedattore di Dazed Ibrahim Kamara, la cui visione del mondo e le sue ricche visual novel hanno fatto scalpore nel settore.

Camara, che Abloh ha sostenuto e con cui ha collaborato a stretto contatto nelle campagne e negli spettacoli di Louis Vuitton, ha dedicato il premio alla sua squadra e ad Abloh.

“Sarai sempre unico, puro e così unico. La tua mente, così stimolante per testimoniare. Grazie per aver ispirato i bambini neri di tutto il mondo”, ha detto Camara in una dichiarazione preparata letta per la notte.

Ai partecipanti è stato anche chiesto di presentare una petizione al governo per aumentare gli investimenti nelle arti e negli “immigrati”.

Altri importanti attori del settore premiati durante la serata includono Tommy Hilfiger, che ha ricevuto l’Outstanding Achievement Award, seguendo le orme di Giorgio Armani e Miuccia Prada.

Tommy è a Londra e allo stesso tempo stanno scegliendo un nuovo James Bond. Coincidenza? Porter ha scherzato.

C’è stato un riconoscimento speciale anche per Chanel, per il suo fondo culturale, mentre Michelle si è portata a casa il premio rivoluzionario – ed è stata all’altezza del titolo apparendo sulla piattaforma di gioco Roblox sotto forma di avatar per presentare un premio all’etichetta digitale CSapphire, che ha vinto il nuovo premio di design della cerimonia.

Sinead Burke, che ha consegnato il premio Michele, ha elogiato la sua “leadership tranquilla e fiduciosa” e la capacità di creare uno spazio in cui le persone si sentano al sicuro, sia attraverso la sua iniziativa Gucci Vault. Il suo impegno a sostegno delle persone con disabilità, o la sua critica pubblica alla politica del governo italiano sui diritti LGBT.

Essere un creatore di cambiamento va oltre te stesso [because] “Ci sono ancora molte persone che si sentono escluse, che non sono qui stasera perché sentono di non appartenere”, ha aggiunto Burke.

Guarda anche:

Incontra i candidati ai Fashion Awards di quest’anno

I momenti più memorabili dei Fashion Awards

Notevoli vincitori del Fashion Award nel corso degli anni

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Antiche zanne di mammut scoperte a 10.000 piedi di profondità nell’oceano al largo della costa della California
Next Post L’OMS avverte che la nuova variante virale comporta rischi “estremamente elevati”