Lo spazio esterno offre ai coltivatori di piante alcuni vantaggi peculiari

SLANT dormiva In orbita, e quindi privati ​​della comoda attrazione direzionale della gravità terrestre, di solito faticano a distinguere tra su e giù. Questo rende difficile per loro trasportare acqua e sostanze nutritive intorno a loro. Rovina anche la loro capacità di estrarre dall’aria l’anidride carbonica necessaria per la fotosintesi. Lo stress di tutto questo sembra aumentare il livello di mutazione genetica che viene creata una certa quantità di radiazioni – di cui ce ne sono molte nello spazio, sotto forma di raggi cosmici e un flusso di sole. E le mutazioni sono la linfa vitale dei coltivatori di piante.

Ascolta questa storia

Goditi più audio e podcast iOS o Android.

Sulla terra, gli allevatori li provocano esponendo piante e semi a isotopi radioattivi, XFogli e così via. La maggior parte di loro sono dannosi. Ma alcuni hanno vinto il jackpot, assegnando caratteristiche come resistenza alla siccità, resistenza alla peronospora o steli più corti, favoriti dai coltivatori, e sapori più dolci, colori più brillanti o buccia più sottile, favoriti dai consumatori. Queste mutazioni vengono strappate ai loro antenati dall’allevamento selettivo e aggiunte a varietà per un valore di milioni. Le mutazioni, quindi, sono un affare importante.

È un’azienda che StarLab Oasis, una società con sede ad Abu Dhabi che è nata da un’azienda del Texas chiamata Nanoracks nel 2021, pensa che potrebbe essere in grado di fare di meglio. Come suggerisce il nome dell’azienda, il piano è di svolgere il lavoro utilizzando la radiazione naturale dello spazio. I suoi ricercatori hanno in programma di iniziare a inviare carichi utili di semi alla Stazione Spaziale Internazionale (È) entro quest’anno. Una volta lì, questi semi verranno coltivati ​​dagli astronauti a bordo della stazione e autorizzati a crescere e moltiplicarsi.

Le successive generazioni di semi di questo allevamento verranno restituiti sulla Terra e germinati nelle serre dell’Oasi StarLab. Saranno quindi esposti a malattie tra cui siccità, agenti patogeni, suolo povero, calore eccessivo e insetti onnivori. E coloro che resisteranno meglio a questi assalti nasceranno, a loro volta, nella speranza che emerga qualcosa di valore.

Una versione abbreviata di questo approccio ha avuto un certo successo, sparando fasci di semi ai satelliti e riportandoli sulla Terra dopo un periodo di esposizione alle radiazioni cosmiche. La Cina afferma di aver condotto più di 30 missioni di questo tipo e che queste missioni hanno portato a almeno 200 varietà di colture migliorate. Il presidente di StarLab Oasis, Allen Herbert, tuttavia, ritiene che la sua azienda sia la prima organizzazione privata creata per intraprendere questa strada e, in particolare, per allevare effettivamente piante nello spazio per questo scopo.

Inoltre, le mutazioni non sono l’unico mezzo salvaspazio che può interessare i botanici. Anche le stesse risposte allo stress forniscono informazioni utili.

Robert Ferrell e Anna-Lisa Paul sono co-responsabili dello Space Plants Laboratory presso l’Università della Florida, Gainesville, che ha già esperimenti a bordo È. Studiano come Arabidopsis thaliana, un tipo di crescione che in botanica è equivalente ai topi e ai moscerini della frutta degli zoologi, risponde ai rigori della caduta libera tropicale. La risposta è che le piante attivano alcuni geni che normalmente rimangono dormienti, mentre disattivano altri geni normalmente attivi.

In particolare, come hanno scoperto il Dr. Ferrel, il Dr. Paul e i loro colleghi, i campioni spaziali spesso distolgono risorse da compiti, come il rafforzamento della rigidità delle pareti cellulari, che sono meno rilevanti quando manca la gravità direzionale. Al contrario, nel tentativo di determinare meglio la direzione “su”, diventano più sensibili alla luce. Nelle parole del dottor Ball, le piante “raggiungono la loro cassetta degli attrezzi metabolici” per affrontare uno stress insolito. In tal modo, estraggono strumenti che vengono utilizzati raramente sul terreno, ma che i coltivatori di piante potrebbero essere in grado di propagare in modi benefici migliorando lo scambio di gas, determinando una migliore crescita delle radici o riducendo le dimensioni dello stelo.

il È Non durerà, però, per sempre. E Nanoracks è implicato in una proposta per sostituirlo. Come suggerisce il nome della sua progenie ad Abu Dhabi, questa è Starlab, una stazione spaziale presumibilmente con equipaggio progettata da un gruppo guidato da Lockheed Martin.

Starlab vuole essere un’azienda, con la coltivazione delle piante come una delle sue fonti di reddito. Non è previsto che entri in orbita fino al 2027 e la tempistica per tali progetti è comunque sempre ottimista. Ma se è davvero decollato, l’idea che una delle sue unità possa, in effetti, essere un accessorio per la coltivazione di piante nello spazio abitativo principale, simile al giardino d’inverno sul pavimento, ha un’atmosfera divertente e familiare. Forse l’equipaggio si riposerà lì dopo una dura giornata di lavoro.

Per godere di più della nostra copertura scientifica in espansione, iscriviti a Simply Science, la nostra newsletter settimanale.

Questo articolo è apparso nella sezione Scienza e Tecnologia dell’edizione cartacea sotto il titolo “Serre nel cielo”

READ  I casi di COVID-19 in alcune parti del Missouri e dell'Arkansas tornano ai livelli invernali: NPR
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Heung-Min Son: L’attaccante del Tottenham rischia di saltare il resto del mese a causa di un infortunio muscolare | notizie di calcio
Next Post Will Smith lancia accidentalmente scoregge mentre