Lo scetticismo sul vaccino Covid alimenta un più ampio sentimento anti-vax, affermano i medici

I manifestanti manifestano contro i mandati del vaccino Covid fuori dal Campidoglio dello Stato di New York ad Albany, New York, il 5 gennaio 2022.

Mike Segar | Reuters

Lo scetticismo verso i vaccini Covid-19 potrebbe alimentare un aumento “preoccupante” del più ampio sentimento anti-vaccino, hanno affermato i medici.

Il professor Liam Smeeth, medico e direttore della London School of Hygiene and Tropical Medicine, ha detto alla CNBC di essere preoccupato per il fatto che l’esitazione sui vaccini intorno a Covid si stesse “insinuando” nel sentimento verso altri vaccini.

“Sono preoccupato che stia facendo pensare alla gente: ‘Oh, beh, forse anche il vaccino contro il morbillo non è eccezionale, e forse questi altri vaccini non sono eccezionali'”, ha detto Smeeth in una telefonata. “E non dobbiamo vedere un calo della copertura del vaccino contro il morbillo nel Regno Unito per ottenere focolai di morbillo”.

Ha notato che c’erano stati focolai della malattia quando i tassi di vaccinazione sono diminuiti in Gran Bretagna negli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000.

Alla fine degli anni ’90, le affermazioni secondo cui i vaccini causavano l’autismo “hanno trasformato decine di migliaia di genitori in tutto il mondo contro il vaccino contro morbillo, parotite e rosolia”, secondo la rivista medica Lancet. Nel 2010 il giornale ha ritrattato un articolo di 12 anni collegare i vaccini all’autismo e gli studi hanno dimostrato i vaccini non causano il disturbo dello spettro autistico.

‘Barattolo pieno di vespe’

Smeeth, con sede a Londra, ha affermato che i tassi di vaccinazione contro il morbillo devono solo scendere leggermente al di sotto del 90% affinché la malattia diventi un problema.

Il morbillo è una grave malattia virale altamente contagiosa che può portare a complicazioni come la polmonite e l’infiammazione del cervello. Prima dell’uso diffuso del vaccino contro il morbillo, le grandi epidemie scoppiavano all’incirca ogni due o tre anni e la malattia causava circa 2,6 milioni di morti ogni anno, secondo l’OMS.

Nel Regno Unito lo scorso anno, il 90,3% dei bambini di due anni è stato vaccinato contro morbillo, parotite e rosolia. Un anno prima, il 90,6% dei bambini della stessa età era stato vaccinato.

Negli Stati Uniti, nel 2019, il 90% dei bambini è stato vaccinato contro le misure all’età di due anni, secondo i dati della Banca mondiale, segnando una diminuzione di 2 punti percentuali rispetto all’anno precedente. Non sono disponibili dati più recenti per gli Stati Uniti.

Tra il 1988 e il 1992, quella cifra è scesa dal 98% all’83% negli Stati Uniti ed è rimasta al di sotto del 90% per quattro anni. Nel Regno Unito, il tasso di vaccinazione contro il morbillo per i bambini di due anni è sceso al di sotto del 90% alla fine degli anni ’90 e non si è ripreso fino al 2011.

“Il morbillo è come un barattolo di marmellata pieno di vespe che non vede l’ora di uscire”, ha avvertito Smeeth. “Nel momento in cui la copertura del vaccino diminuirà, le misure riappariranno. Quindi è una preoccupazione, quella [Covid anti-vax sentiment] e quell’ammaccatura nella fiducia è vedere attraverso altri vaccini. Questa è una vera preoccupazione”.

Cambiamenti “devastanti”.

Gretchen LaSalle, medico e assistente professore clinico presso l’Elson S. Floyd College of Medicine della Washington State University, ha detto alla CNBC che la politicizzazione del Covid e dei suoi, così come la mancanza di comprensione degli ingredienti del vaccino e del vaccino per la salute pubblica, hanno avuto “devastanti “effetti.

Nel 2020, LaSalle ha completato l’American Academy of Family Physicians Vaccine Science Fellowship. Nell’ambito del programma, ha contribuito a condurre un’indagine su oltre 2.200 persone, monitorando il loro atteggiamento nei confronti delle vaccinazioni.

I vaccini contro il Covid lo erano somministrato per la prima volta nel dicembre 2020 negli Stati Uniti.

“Vivendo la pandemia di Covid-19 e vedendo gli effetti devastanti sulla vita e sui mezzi di sussistenza con i propri occhi, la nostra teoria era che alle persone sarebbe stata ricordata l’importanza vitale della vaccinazione e che la loro fiducia sarebbe aumentata”, ha detto LaSalle alla CNBC in un e-mail.

Ma il 20% degli intervistati ha detto al team di LaSalle di essere diventato meno fiducioso nei vaccini durante la pandemia.

“Questa diminuzione è preoccupante”, ha detto LaSalle. “Per malattie come il morbillo che richiedono che una percentuale molto alta della popolazione (in genere intorno al 95%) sia immune per limitare la diffusione, una diminuzione delle percentuali di vaccinazione anche del 5-10% potrebbe essere devastante”.

LaSalle ha detto alla CNBC che diversi fattori hanno contribuito alla perdita di fiducia del pubblico nei vaccini.

“Anche prima della pandemia, l’esitazione sui vaccini stava aumentando e stavamo assistendo al ritorno di malattie mortali in tutto il mondo”, ha detto.

“L’ascesa di Internet e dei social media come punti vendita in cui le persone ottengono le loro notizie e informazioni, e la proliferazione della disinformazione online, ha assolutamente contribuito al problema”.

Ha aggiunto che poiché le persone nel mondo sviluppato raramente assistono agli effetti devastanti delle malattie prevenibili con il vaccino, per alcuni la minaccia delle malattie non sembra reale e ora temono la vaccinazione più della malattia stessa.

Casi rivoluzionari

Tuttavia, Vivek Cherian, un medico di medicina interna con sede a Chicago, ha detto alla CNBC di non aver notato che le opinioni delle persone sui vaccini non Covid sono cambiate durante la pandemia, anche se ha affermato di poter capire perché le opinioni di alcune persone sui vaccini in generale potrebbero essere state ” contaminato.”

“Se hanno ottenuto il vaccino contro il Covid e forse anche potenziato e hanno comunque finito per contrarre un’infezione rivoluzionaria, la loro risposta immediata potrebbe essere ‘qual è stato il punto se ho finito con un comunque? Che senso ha ottenere altri vaccini?'”, ha detto in una e-mail.

“Quando questo è emerso, dico ai miei pazienti che, sebbene potrebbero avere ancora un’infezione, sarebbe potuto essere molto peggio se avessero [were unvaccinated] – e la stragrande maggioranza dei dati afferma che le tue possibilità di ricovero e morte sono significativamente ridotte quando vaccinati e potenziati.

Cherian ha affermato che è importante tenere a mente che questo non era esclusivo dei vaccini Covid: nessun vaccino è efficace al 100%.

“Basta pensare al vaccino antinfluenzale annuale”, ha detto. “Io stesso alcuni anni fa mi sono fatto il vaccino antinfluenzale e ho ancora finito per prendermi l’influenza, ma questo non mi ha mai (né dovrebbe) dissuaso dal farmi vaccinare ogni anno”.

READ  La palla di fuoco illumina il cielo della Carolina :: WRAL.com
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Rugby-Parisse ancora in corsa per l’ultima apparizione italiana
Next Post L’attrice Catherine ‘Seinfeld’ muore di cancro ai polmoni a 73 anni