L’Italia teme un aumento degli immigrati dalla crisi politica in Tunisia

In soli otto mesi, il numero di migranti che arrivano nei porti italiani è già più che raddoppiato rispetto a tutto lo scorso anno.

Questo aumento, insieme a una nuova crisi politica in Tunisia, fa temere in Italia che arriverà presto una nuova ondata di tunisini.

Due settimane fa, il presidente tunisino Kais Saied ha rovesciato il governo e congelato le attività del Parlamento.Said non ha ancora nominato un nuovo primo ministro e definisce una chiara tabella di marcia per il futuro del Paese.

Nonostante le turbolenze politiche, gli esperti affermano che è ancora troppo presto per dire quale impatto avrà sul numero dei migranti.

“Ovviamente non possiamo confrontare la situazione attuale con quanto accaduto nel 2011”, ha detto a Euronews Francesco Biobischi, di Mediterranean Hope, organizzazione che opera a Lampedusa.

“Non è stato come durante la Primavera Araba (nel 2011) quando il Paese è stato colpito da una rivoluzione che ha spinto decine di migliaia di persone ad andarsene.

“È uno scenario diverso, il Paese è stato colpito dalla pandemia di COVID-19 e da una crisi politica all’interno di una crisi già esistente”.

Tuttavia, Mediterranean Hope afferma che il numero totale di migranti che lasciano la Tunisia e arrivano a Lampedusa è aumentato dallo scorso luglio.

L’AFP ha riferito che il numero di tunisini diretti in Europa lo scorso anno è stato il più alto dal 2011 e vi sono prove di flussi continui.

Roma ha affermato che il numero di migranti che arrivano sulle coste italiane a maggio e giugno di quest’anno è più di tre volte il numero dell’anno precedente. Al 9 agosto, i tunisini erano poco meno di un quarto di tutti gli arrivi, Secondo i dati del Ministero dell’Interno italiano.

READ  Sandbox italiano: la prima finestra dell'applicazione si aprirà presto | Hogan Lovells

L’Italia e l’Unione Europea hanno recentemente promesso di sostenere l’economia del Paese nell’ambito dei loro sforzi per arginare le migrazioni attraverso il Mediterraneo verso l’Europa.

Roma aveva precedentemente offerto alla Tunisia 11 milioni di euro nel 2020 per migliorare la guardia costiera tunisina e fornire formazione e supporto per contenere i flussi migratori.

Il deputato tunisino Majdi Karabi ha affermato che non è chiaro come siano stati spesi i soldi perché le partenze non si sono ancora fermate.

Ritiene che i governi precedenti avrebbero dovuto fare di più per sostenere l’economia tunisina e non sono riusciti a comprendere i problemi affrontati dai giovani del paese.

“A seconda di chi il presidente nominerà presidente del Consiglio, la Tunisia può o compromettere e migliorare i rapporti con l’Italia e l’Unione Europea, per cui riesce meglio a gestire la crisi migratoria, o se fallisce, il rischio finirà verso un dittatura”, ha detto a Euronews.

Guarda il video report completo nel player sopra.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Phoebe Bridgers rende “Nothing Else Matters” nei Metallica più eccitante
Next Post Tax Shepherd e Kristen Bell hanno subito gravi battute d’arresto in un recente viaggio su strada