L’Italia sta cercando di produrre localmente vaccini mRNA Covid

L’Italia ha discusso con diversi produttori sull’avvio della produzione di vaccini Covid-19 a base di mRNA nel paese, nell’ultima indicazione che i funzionari europei vogliono approfondire tali forniture su altri tipi di vaccini.

Roma ha discusso della produzione interna di vaccini a base di mRNA con la società di biotecnologie statunitense Moderna, la svizzera Novartis e l’italiana ReiThera, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione.

Due persone hanno detto che i recenti colloqui con Novartis e Rittera includevano la possibilità di produrre un vaccino mRNA sviluppato dalla società tedesca CureVac in Italia.

La società Novartis di Basilea ha firmato Accordo iniziale Con CureVac a marzo per produrre alcuni vaccini contro il coronavirus per l’azienda. Il vaccino è ancora nella terza fase di sperimentazione, ma la biotecnologia tedesca ha dichiarato questa settimana che spera che il vaccino venga approvato per l’uso nell’Unione europea a maggio o giugno. ReiThera ha un proprio vaccino basato sull’adenovirus in fase di sviluppo, ma è ancora in fase di sperimentazione II.

La gente ha detto che i colloqui tra Novartis, Rittera e il governo italiano erano in una fase iniziale e potrebbero non sfociare in un accordo finale. Novartis, Retira e Corivac hanno rifiutato di commentare.

Inoltre, Mario Draghi, il primo ministro italiano, ha parlato direttamente con Stefan Bansel, amministratore delegato di Modena, hanno detto altre persone che hanno familiarità con la questione. La gente ha detto che i colloqui sono falliti, perché Moderna non aveva la capacità di supervisionare il trasferimento della tecnologia necessaria ai siti di produzione italiani o di fornire a tali siti le competenze per aumentare la produzione.

READ  Erdogan rischia di perdere la cooperazione economica e militare con l'Italia

Moderna ha rifiutato di commentare. In precedenza ha citato una generale mancanza di personale qualificato per i vaccini come ostacolo all’espansione della produzione.

Gli sforzi italiani per garantire la produzione interna di vaccini Covid basati su mRNA, che utilizzano una nuova tecnologia per fornire il vaccino nel corpo, arrivano mentre l’Unione europea sembra allontanarsi dai vaccini basati sull’adenovirus prodotti da AstraZeneca e Johnson & Johnson.

Diversi paesi europei hanno limitato o interrotto l’uso del vaccino AstraZeneca dopo che l’Agenzia europea per i medicinali ha riscontrato una relazione causale con un effetto indesiderato molto raro correlato ai coaguli di sangue. Anche il lancio del vaccino J&J, un tipo simile di vaccino, è stato ritardato, mentre le autorità statunitensi e dell’Unione europea stanno indagando su un possibile collegamento.

Video: lancio del vaccino nell’UE: 5 piatti pronti

Gli Stati membri dell’UE sentono di essere stati colpiti dai loro rapporti con AstraZeneca, in particolare, che non è riuscito a raggiungere gli obiettivi di consegna e hanno tagliato più volte le previsioni di fornitura al blocco.

“Dobbiamo concentrarci ora su tecnologie collaudate”, ha affermato mercoledì il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. “I vaccini contro l’MRNA ne sono un chiaro esempio”. Bruxelles è ora in trattative con BioNTech / Pfizer, che produce uno dei pionieri vaccini a mRNA, per un accordo fino a 1,8 miliardi di dosi nel 2022-23.

Non vi è alcuna indicazione che eventuali dosi prodotte in Italia saranno riservate al solo paese. Invece, aumenterà la capacità di produzione europea e verrà utilizzato per soddisfare gli accordi di acquisto di vaccini attuali e futuri che Bruxelles ha negoziato per conto degli Stati membri dell’Unione europea.

READ  Webuild chiede un aumento di sei volte della spesa per le infrastrutture dopo aver violato un tunnel ferroviario ad alta velocità - Notizie

Un funzionario della commissione ha affermato che Bruxelles accoglie con favore “la partecipazione di Roma alla produzione di vaccini” ed è a conoscenza dei contatti tra autorità e aziende italiane. Il funzionario ha aggiunto che le mosse degli Stati membri dell’Unione Europea per aumentare la produzione di vaccini erano “complementari” agli sforzi guidati dal comitato mirato allo stesso modo, e sono coordinate regolarmente.

Le battaglie per l’esportazione di vaccini e la crescente accettazione che le persone possano aver bisogno di dosi di richiamo annuali hanno aumentato gli incentivi per i politici ad aumentare la produzione interna. Il mese scorso, Draghi ha affermato che la capacità dell’Unione europea di produrre i propri vaccini è importante tanto quanto le sue spese militari.

Le persone parlano molto di indipendenza strategica, spesso in
Un riferimento alla difesa, alla sicurezza e al mercato unico. “IO
Penso che la prima indipendenza strategica oggi dovrebbe essere i vaccini “.

Giancarlo Giorgetti, ministro dello Sviluppo economico che sarà responsabile di ogni nuova industrializzazione, ha affermato che sia l’Italia che l’Unione europea devono “garantire l’autosufficienza in termini di
Produzione di vaccini “.

Tuttavia, un funzionario italiano ha detto che Roma si sta concentrando sul
Fornitura di vaccino per quest’anno e raggiungimento degli obiettivi vaccinali giornalieri
Piuttosto che piani a lungo termine. Il ministero dello Sviluppo economico ha rifiutato di commentare, così come il ministero della Salute.

Co-reportage di Erica Solomon a Berlino e Hannah Kuchler a Londra

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post I fratelli Osborne si esibiscono agli ACM Awards 2021: ‘Non per tutti’
Next Post La donna afferma di aver filmato un “velocrapter” che correva nel suo giardino