L’Italia riallaccia i rapporti con la Cina dopo il fallimento dell’accordo Belt and Road e cerca un ritorno alle alleanze occidentali

Giorni dopo che Roma si è ritirata dall’ambiziosa iniziativa Belt and Road di Pechino, l’Italia ha riorganizzato le sue relazioni con la Cina mentre le vecchie alleanze occidentali tornano al tavolo del G7.

I rapporti suggeriscono che da quando l’attuale Primo Ministro Mario Draghi si è insediato quest’anno a febbraio, la posizione ufficiale dell’Italia sulla rivalità USA-Cina le ha permesso di tornare alle alleanze internazionali. All’inizio del suo mandato, il primo ministro appena nominato ha chiarito che la sua amministrazione è “fortemente europeista e atlantista”, esprimendo preoccupazione per il crescente numero di conflitti che coinvolgono la Cina.

Nel 2019, l’Italia, guidata dall’allora primo ministro Giuseppe Conte, ha firmato un memorandum d’intesa per sostenere la multimiliardaria Belt and Road Initiative della Cina. Pechino ha rappresentato un’opportunità per esportare prodotti made in Italy.

Quando i due paesi hanno iniziato a finalizzare l’accordo, gli avvertimenti sono arrivati ​​su molti fronti. I leader americani ed europei hanno messo in guardia Roma contro la firma di un accordo bilaterale con Pechino. D’altra parte, il presidente del Consiglio Conte ha rassicurato l’opinione pubblica che l’accordo era puramente commerciale e serviva gli interessi nazionali dell’Italia.

Conte è stato tentato dall’enorme potenziale di mercato della Cina. Evidenziando il ruolo dell’America come partner strategico chiave dell’Italia e la crescente impronta globale della Cina, Conte prevede che Roma e Bruxelles servano da potenziale ponte tra Washington e Pechino.

Tuttavia, due governi e un primo ministro dopo, l’Italia sembra aver imparato la lezione. Oltre a un cambio di percezione, si sta discutendo anche sulla Cina, all’interno del Parlamento italiano.

La crescente repressione di Pechino a Hong Kong e il rinnovato interesse globale per le violazioni dei diritti umani nello Xinjiang hanno suscitato polemiche in Italia, con i membri della Camera dei rappresentanti che chiedono al governo di rispondere alla Cina.

READ  La piccola impresa è vitale. Il piano economico di Biden li terrà a galla

L’Italia sottolinea anche la sicurezza economica e dà priorità alla strategia industriale, compresa la protezione delle principali aziende nazionali nei settori chiave. In soli quattro mesi, l’amministrazione Draghi ha ripetutamente limitato la presenza di Pechino nell’infrastruttura di rete 5G italiana e ha impedito l’acquisizione della società di semiconduttori.

Inoltre, l’Italia ha anche sospeso le trattative su una possibile vendita del produttore italiano di camion Iveco al gruppo cinese FAW, una mossa che a quanto pare ha beneficiato del coordinamento con la Francia.

L’Italia cerca di tornare ai suoi “ormeggi storici”

Il fallimento nell’affrontare il Belt and Road Memorandum ha comportato pesanti costi politici. In qualità di membro del G-7, membro fondatore sia dell’Unione Europea che della NATO e la terza più grande economia della zona euro, l’approvazione dell’Italia alla Belt and Road Initiative ha dato un grande impulso al progetto del presidente cinese Xi Jinping in patria e all’estero.

D’altra parte, l’adesione alla “Belt and Road” significa che Roma è diventata l'”anello debole europeo nella lotta di potere con la Cina”. Così, la nuova politica cinese di Roma sotto l’amministrazione Draghi cerca di tornare ai “fulcri storici” e mostra una visione più chiara della posizione internazionale dell’Italia.

Il più forte allineamento del Paese con la posizione europea e transatlantica è dimostrato dal suo sostegno all’alternativa verde al Belt and Road, è stato annunciato alla riunione del G-7 di questo mese.

(con input dell’agenzia e rapporto di politica estera)

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Chi è la moglie di Johnny Solinger? Il cantante degli Skid Raw muore a 55
Next Post Migliaia di energia e dozzine di proprietà sono state distrutte a seguito dell’uragano Port Austin