L’Italia raccoglierà 7 miliardi di euro in obbligazioni a 30 anni con l’avvicinarsi del voto presidenziale

(Reuters) – L’Italia ha ricevuto mercoledì un ordine di oltre 55 miliardi di euro per nuove obbligazioni a 30 anni, secondo una nota del lead manager vista da Reuters, che ha lanciato settimane fa la prima grande vendita di debito della zona euro dell’anno. Un’elezione presidenziale potenzialmente problematica.

Il Tesoro italiano ha affermato in una nota che i nuovi titoli, che raccolgono sette miliardi di euro e scadranno il 1° settembre 2052, sono quotati al 2,162%.

L’Italia ha rilasciato il bond poche settimane prima che il Parlamento si riunisca il 24 gennaio per eleggere un nuovo presidente.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Il primo ministro Mario Draghi ha indicato che sarebbe disposto a diventare capo di Stato e gli investitori stanno cercando di valutare cosa potrebbe significare per il debito italiano il suo possibile passaggio a una presidenza complessivamente meno potente, che potrebbe portare a elezioni parlamentari anticipate.

L’incertezza politica si aggiunge alle tensioni del mercato dopo la decisione della Banca centrale europea di porre fine al suo programma di acquisto di obbligazioni di emergenza pandemico a marzo, con l’Italia come principale beneficiario.

L’arrivo dell’ex presidente della Banca centrale europea Draghi come primo ministro lo scorso febbraio ha rafforzato la fiducia nell’economia italiana e nelle obbligazioni cariche di debito. Per saperne di più

Il premio al rischio attentamente osservato che l’Italia paga sul debito a 10 anni rispetto a quello che paga la Germania è sceso a 87 punti base lo scorso febbraio, quando Draghi stava per diventare primo ministro, livelli visti l’ultima volta nel 2015.

READ  Le battaglie dell'Italia hanno continuato ad affrontare sfide di stabilità politica

Ma mercoledì, il premio per il rischio si è ampliato a 137 punti base, vicino al massimo di un anno, mentre i rendimenti del benchmark a 10 anni sono aumentati di circa 25 punti base dall’inizio di dicembre. e

“Potrebbero aver usato (l’incertezza) come una piccola scusa per vendere a lungo termine”, ha affermato Jens-Peter Sorensen, capo analista di Danske Bank.

La domanda per l’operazione è ben al di sotto dei 90 miliardi di euro che l’Italia ha attirato con la sua ultima offerta di obbligazioni denominate in euro a 30 anni nell’ottobre 2020, che ha raccolto 8 miliardi di euro.

Sorensen della Danske Bank ha affermato che il calo della domanda sarà probabilmente una combinazione di incertezza su Draghi e di minori acquisti della BCE quest’anno.

Ma l’accordo dell’ottobre 2020 è stato venduto quando il programma di allentamento quantitativo della BCE era ancora “a pieno regime”, ha detto, “quindi l’enorme portafoglio ordini era un po’ strano. Il portafoglio ordini di oggi è più normale”.

Martedì il Tesoro italiano ha nominato Barclays, BNP Paribas, Deutsche Bank, Intesa Sanpaolo e JP Morgan per gestire la vendita.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Yoruk Bahceli ad Amsterdam e Antonella Cinelli a Roma; Montaggio di Saykat Chatterjee, John Stonestreet, Alex Richardson, Kirsten Donovan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Massimiliano Allegri: il centrocampista della Juventus si prepara a lasciare il club durante la finestra di mercato | notizie di calcio
Next Post Lo stato del Michigan combatte i primi problemi di fatturato con Nix Nebraska, 79-67