L’Italia impone una multa di $ 1,2 miliardi ad Amazon contro il monopolio | Notizie di economia e commercio

Un’inchiesta italiana ha accusato Amazon di pratiche “dannose” e di abuso della sua posizione dominante.

di Bloomberg

Amazon.com è stato multato di oltre 1,1 miliardi di euro (1,2 miliardi di dollari) in un’indagine antitrust italiana che ha accusato il gigante del commercio al dettaglio di pratiche “dannose” e abuso di controllo in una delle sanzioni più grandi imposte da un regolatore europeo.

Il gigante della tecnologia ha ampliato i suoi servizi di trasporto merci in Europa, con l’obiettivo di persuadere le aziende locali a lanciare le proprie società di autotrasporti per trasportare merci esclusivamente per l’azienda. Il regolatore ha affermato che il rivenditore ha anche collegato l’accesso a una serie di vantaggi esclusivi utilizzando la propria logistica.

“Amazon occupa una posizione dominante nel mercato italiano dei servizi di intermediazione di mercato, di cui Amazon ha approfittato per favorire l’adozione di una propria logistica”, ha affermato giovedì l’autorità antitrust italiana in una nota.

Amazon il mese scorso ha perso un’offerta giudiziaria nell’Unione Europea per impedire all’Unione Europea e all’Italia di condurre indagini antitrust parallele sulle preoccupazioni su come l’azienda tratta i venditori sulla sua piattaforma.

La Commissione Europea sta esaminando come Amazon seleziona i rivenditori per il suo fondo di acquisto premium su Pagine che attraggono circa l’80% delle vendite. Inoltre, come i venditori possono offrire prodotti al programma fedeltà Prime di Amazon, che offre la consegna gratuita e se ciò favorisce efficacemente i prodotti e i venditori di Amazon utilizzando la logistica e la consegna di Amazon.

“Siamo fortemente in disaccordo con la decisione dell’autorità italiana garante della concorrenza e faremo appello”, ha affermato Amazon in una nota. “La multa e il risarcimento proposti sono ingiustificati e sproporzionati”.

READ  L'uomo noioso teoria della storia

La società statunitense è stata esaminata negli ultimi anni per la grande quantità di dati raccolti su una serie di clienti e partner, inclusi commercianti indipendenti che vendono nel mercato al dettaglio, utenti del suo assistente digitale Alexa, acquirenti e la loro cronologia di navigazione e acquisto . Segnala cosa offre Amazon sul suo sito web.

La Commissione per la protezione dei dati in Lussemburgo, dove Amazon ha una base nell’Unione europea, ha sanzionato la società a luglio con la cifra record di 746 milioni di euro per il trattamento di dati personali in violazione delle norme generali sulla protezione dei dati dell’UE. La Germania ha diverse indagini antitrust sulle vendite di Amazon. Anche il Regno Unito sta valutando questioni simili all’Unione europea.

La Commissione europea ha anche affermato di vedere potenziali problemi di antitrust con gli assistenti vocali e i dati che consentono ad Amazon e ad altri di raccogliere sul comportamento degli utenti.

L’autorità di vigilanza italiana ha affermato di aver ordinato ad Amazon di apportare una serie di modifiche, tra cui “concedere vantaggi di vendita e visibilità su Amazon.it a tutti i venditori di terze parti che sono in grado di rispettare criteri equi e non discriminatori per evadere i propri ordini”.

– Con l’aiuto di Daniele Lebedo.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Abbreviazioni di Theranos | L’economista
Next Post Homeworld 3 Q4 arriverà nel 2022