L’Italia è al fianco dell’Ucraina alla Conferenza per la Ricostruzione a Roma

Promettendo il sostegno di Kiev, il primo ministro Meloni si è offerto di sostenere l’industria italiana per ricostruire il paese dilaniato dalla guerra. Il presidente Zelensky ha ringraziato lei e i partecipanti italiani che stanno pianificando come ripristinare le infrastrutture e i pilastri economici ucraini attraverso aiuti finanziari e coordinamento delle conoscenze.

Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina mercoledì, Quanto accaduto a Roma è stata occasione per politici e aziende italiane e ucraine di elaborare piani per la ricostruzione del Paese occupato. L’evento ha visto la partecipazione del Primo Ministro italiano Giorgia Meloni e del suo omologo ucraino Denys Shmyhal, nonché del Presidente Volodymyr Zelensky, in collegamento video, insieme a molti ministri chiave, istituzioni multilaterali e rappresentanti di oltre 1.000 aziende italiane.

  • Oltre ai progetti a medio e lungo termine, l’obiettivo principale è stato quello di fornire sostegno agli sforzi di ricostruzione più urgenti. Giovedì oltre 600 aziende parteciperanno a convegni tematici a porte chiuse, oltre che a meetup B2B e B2G, per fornire consulenza e servizi per la fase di “ripresa rapida”.

Con le stesse parole dell’Italia. Il presidente del Consiglio italiano ha sottolineato che l’Italia “continuerà a svolgere il proprio ruolo nel sostenere l’Ucraina economicamente, militarmente e internamente”. [its] Ricostruzione per oggi e soprattutto per domani”, ha aggiunto che il processo di ricostruzione “interessa tutti noi perché fa parte della ricostruzione dell’Europa”. […] Dal nostro punto di vista è uno degli investimenti più saggi e lungimiranti che si possano fare in questo momento. Vogliamo coinvolgere il settore privato, le nostre aziende e le nostre conoscenze”.

  • Il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani ha affermato che “la Russia pagherà i danni causati dall’invasione” e ha affermato che Roma fornirà “il meglio del sistema Italia nelle sue catene di eccellenza” per sostenere la ricostruzione dell’Ucraina. Il know-how di quattro milioni di piccole e medie imprese è a disposizione dei nostri amici ucraini.
    • Ha aggiunto che le infrastrutture e la finanza sono settori chiave in cui l’Italia vuole giocare un ruolo di primo piano, con l’obiettivo di rafforzare partenariati favorevoli e sottolineando la necessità di mettere in comune risorse, progetti, capitali privati ​​e capitali pubblici.
  • Successivamente, il primo ministro Meloni ha annunciato che l’Italia è candidata a ospitare l’Ucraina Recovery Conference nel 2025, che seguirà la conferenza di Londra nel 2023 e quella di Berlino nel 2024.

Dai numeri. Intervenendo al convegno, il ministro dell’Economia italiano Giancarlo Giorgetti ha osservato che l’Ucraina avrebbe bisogno di circa 400 miliardi di dollari tra il 2023 e il 2033. Ha poi evidenziato che sono già stati mobilitati oltre 100 miliardi di dollari e ha annunciato il contributo di Roma al Fondo di garanzia della Banca d’investimento. Unione per l’Ucraina del valore di 100 milioni di euro.

  • Gelsomina Vigliotti, presidente della Banca europea per gli investimenti, ha osservato che l’istituto ha già fornito 2 miliardi di dollari e che Kiev ha bisogno di 14 miliardi di dollari per le sue priorità più urgenti nel 2023. Ha aggiunto che la banca è “pronta a sostenere i suoi partner italiani” nella loro ricostruzione sforzi. .
  • Il premier Meloni ha aggiunto che Roma (attraverso le partecipazioni statali SACE e SIMEST) “è pronta a stanziare un altro miliardo per far ripartire il settore sanitario ucraino”. […] E supporto attraverso investimenti diretti per la costituzione di nuove società in Ucraina.

Presentazione “Made in Ucraina”. Successivamente il Ministro delle Imprese italiano Adolfo Orso ha firmato un protocollo d’intesa con il Vice Presidente del Consiglio e Ministro dell’Economia Julija Svirenko, volto a sviluppare il marchio “Made in Ukraine” per supportare i prodotti e le aziende ucraine sfruttando la speciale competenza italiana.

  • Kiev aveva già chiesto l’Italia per l’assistenza tecnica alla creazione del marchio durante la visita del Ministro Ursu a gennaio; Ha osservato che la creazione di un marchio e l’identificazione di prodotti tipici ucraini possono contribuire al loro acquisto.
  • Il MOU prevede la cooperazione bilaterale tra PMI (alla luce della tradizionale esperienza italiana nei settori primari) e il supporto alla promozione commerciale dei prodotti ucraini sulle piattaforme digitali e nelle fiere italiane.

trasporto e costruzione. Il Vicepresidente del Consiglio e Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Matteo Salvini ha indicato i principali ambiti in cui le imprese italiane sono ben posizionate per dare un contributo, a partire dal settore delle costruzioni (ha fatto riferimento agli accordi siglati da Webuild e Mermec e ha evidenziato la presenza dell’AD FS Luigi Ferraris ).

  • “Il secondo fattore critico è la logistica”, ha aggiunto, ricordando il completamento delle reti di trasporto transeuropee e Il ruolo dei porti marittimiSono Trieste, Venezia e Ravenna.
  • In terzo luogo, Roma può aiutare con il quadro normativo e normativo. “Siamo pronti ad avviare da subito forme di collaborazione per definire i parametri tecnici che saranno fondamentali per la realizzazione delle opere infrastrutturali, soprattutto nel campo ferroviario e urbanistico”.

La risposta dell’Ucraina. Il Presidente Zelensky ha ringraziato personalmente i partecipanti e il Primo Ministro Meloni per il loro sostegno. Ha ribadito che l’Ucraina non rinuncerà mai al suo territorio, ma “vogliamo ricostruirlo in modo da poterlo fare [Ukrainians] Può vivere in sicurezza”. Ha citato il “privilegio” dell’Italia nella costruzione di reti intelligenti e il know-how della difesa come risorse che potrebbero migliorare la resilienza dell’Ucraina. Ha anche osservato che Kiev potrebbe sostituire Mosca nella fornitura di diversi materiali chiave, come il litio e il gas naturale. — ai mercati globali.

  • “Abbiamo avuto un incontro concreto sull’integrazione euro-atlantica e sulla guerra”, ha affermato il primo ministro Shmyhal, sottolineando che l’unico modo per porre fine alla guerra è l’uscita della Russia dai territori occupati, e sottolineando che l’Italia ha “svolto un ruolo fondamentale” nell’affrontare l’Ucraina ottenimento dello status di paese candidato all’adesione all’UE. “Vi ringraziamo per la vostra solidarietà; avvicina l’Ucraina alla pace”.
READ  Amazon mira ad aiutare le piccole e medie imprese a mantenere le proprie entrate fuori dalle discariche

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *