L’Italia contribuisce con 1,5 milioni di euro all’istruzione di emergenza dei bambini profughi palestinesi nel campo di Yarmouk [EN/AR] – La Repubblica araba siriana

L’Italia contribuisce con 1,5 milioni di euro all’istruzione di emergenza dei bambini profughi palestinesi nel campo di Yarmouk [EN/AR] – La Repubblica araba siriana

allegati

Damasco

L’Italia ha contribuito con 1,5 milioni di euro all’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e il lavoro per i rifugiati palestinesi (UNRWA) per sostenere la fornitura di istruzione di emergenza per i bambini rifugiati palestinesi vulnerabili nel campo di Yarmouk, in Siria.

Il campo di Yarmouk, un tempo dimora di 160.000 rifugiati palestinesi, è stato gravemente devastato dal conflitto. Nonostante i gravi danni alla maggior parte delle strutture di servizio dell’UNRWA, 1.4.000 rifugiati sono tornati al campo e sono privi dei servizi di base.

Questa sovvenzione del governo italiano riabiliterà una scuola dell’UNRWA che è stata gravemente danneggiata. Attualmente, l’UNRWA sta trasferendo studenti da Yarmouk a una scuola governativa in una città vicina. Una volta riabilitata, la scuola fornirà un accesso continuo a un’istruzione di qualità, inclusiva ed equa per i bambini del campo.

“L’Italia apprezza gli sforzi dell’UNRWA per garantire l’accesso all’istruzione ai bambini del campo di Yarmouk. Massimiliano D’Antono, Incaricato d’Affari dell’Ambasciata d’Italia a Damasco, ha dichiarato:

“Data la difficoltà di ottenere carburante e il suo prezzo elevato nel paese, riteniamo più efficiente e più sensibile alla protezione sostenere la riabilitazione leggera e le attrezzature per la scuola all’interno del campo, piuttosto che fornire i costi di trasporto per raggiungere i bambini – da le scuole del campo.Questo progetto rafforza, quindi, l’intervento della collaborazione italiana di Riducendo le distanze e aumentando l’accesso all’istruzione” ha proseguito Alessandra Permati, Direttrice AICS in Libano e Siria

“Sono molto grato per la cooperazione italiana per il fondamentale finanziamento dell’UNRWA in Siria per la riabilitazione della scuola di Yarmouk, che consentirà a più di 600 studenti di frequentare la scuola nel campo”, ha affermato Amanya Michael Eby, direttrice di Affari dell’UNRWA in Siria. Ha aggiunto che il numero di studenti iscritti è triplicato dall’ultimo anno accademico. Si prevede che i numeri continueranno ad aumentare man mano che sempre più rifugiati palestinesi torneranno alle loro case a Yarmouk poiché non possono più permettersi gli alti canoni di affitto fuori dal campo.

READ  Le usanze di Bednum sono radicate nell'Europa meridionale economicamente fragile

L’Italia è un partner leale e affidabile dell’UNRWA dal 1954. Nel 2021, nonostante il grave impatto del COVID-19 sulla sua economia nazionale, l’Italia è stata il 16° maggior donatore dell’UNRWA, consentendo all’Agenzia di continuare a fornire denaro e assistenza finanziaria. Servizi di protezione per i rifugiati palestinesi in Siria nell’ambito dell’Appello di emergenza dell’UNRWA sulla crisi regionale siriana.

Fine

Note per l’editore

1 Circa 17 delle 23 installazioni dell’UNRWA nel campo di Yarmouk hanno subito gravi danni.

Informazioni di base:

UNRWA È l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei profughi palestinesi nel Vicino Oriente. L’UNRWA è stata istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1949 con il mandato di fornire assistenza umanitaria e protezione ai rifugiati palestinesi registrati nell’area di operazioni dell’Agenzia in attesa di una soluzione giusta e duratura alla loro situazione.

L’UNRWA opera in Cisgiordania, tra cui Gerusalemme Est, Striscia di Gaza, Giordania, Libano e Siria.

Decine di migliaia di profughi palestinesi che hanno perso la casa e i mezzi di sussistenza a causa del conflitto del 1948 rimangono sfollati e bisognosi di sostegno, quasi 75 anni dopo.

L’UNRWA aiuta i rifugiati palestinesi a realizzare il loro pieno potenziale nello sviluppo umano attraverso i servizi di qualità che fornisce nei settori dell’istruzione, dell’assistenza sanitaria, dei servizi di soccorso e sociali, della protezione, delle infrastrutture e del miglioramento dei campi, della microfinanza e dell’assistenza di emergenza. L’UNRWA è finanziata quasi interamente da contributi volontari.

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare:

Tamara Rifai
portavoce dell’UNRWA
Cellulare: +962 (0) 79 090 0140
E-mail: T.ALRIFAI@UNRWA.ORG

Giulietta Tomà
Direttore delle comunicazioni dell’UNRWA
Cellulare: +972 54 240 2753
Ufficio: +962-79-867-4628
E-mail: j.touma@unrwa.org

READ  La "rete della corruzione" potrebbe superare Qatar e Marocco - POLITICO

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post I booster Covid-19 aggiornati continuano a fornire un’ottima protezione anche contro la variante XBB.1.5 in rapida diffusione
Next Post Invitando il primo ministro pakistano a partecipare al vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai