L’Iran afferma che Salman Rushdie ei suoi sostenitori sono responsabili dell’attacco

Il ministero ha affermato che l’Iran non aveva altre informazioni sull’aggressore se non quelle apparse sui media.

Dubai:

Lunedì, il ministero degli Esteri di Teheran ha affermato che nessuno ha il diritto di sporgere denuncia contro l’Iran per l’attacco di venerdì a Salman Rushdie, di cui lui ei suoi sostenitori sono gli unici responsabili.

Il romanziere, che ha vissuto sotto minaccia per decenni da quando ha fatto arrabbiare le autorità religiose in Iran con i suoi scritti, si sta riprendendo dopo essere stato ripetutamente accoltellato in un’apparizione pubblica nello stato di New York.

Nella prima reazione ufficiale dell’Iran all’attacco di venerdì, il portavoce del ministero Nasser Kanaani ha affermato che la libertà di espressione non giustifica l’insulto di Rushdie alla religione. Alcuni musulmani vedono il suo romanzo del 1988 I versi satanici come contenente passaggi blasfemi.

“Durante l’attacco a Salman Rushdie, non consideriamo nessun altro e i suoi sostenitori degni di biasimo, rimprovero e condanna”, ha detto Al-Kinani in una conferenza stampa. Nessuno ha il diritto di accusare l’Iran di questo”, ha detto.

Scrittori e politici di tutto il mondo hanno condannato l’attacco.

Il segretario di Stato americano, Anthony Blinken, ha affermato domenica che le istituzioni statali iraniane hanno incitato alla violenza contro Rushdie per generazioni e che i media statali hanno acclamato l’attentato alla sua vita.

Lo scrittore di origine indiana ha vissuto con una taglia in testa dalla pubblicazione di The Satanic Verses nel 1988. L’anno successivo, l’allora leader supremo iraniano, l’ayatollah Ruhollah Khomeini, ha emesso una fatwa, chiedendo ai musulmani di uccidere il romanziere e chiunque fosse coinvolto in pubblicazione del libro.

READ  L'aereo Boeing 737 subisce 132 incidenti in Cina causano un incendio in montagna

Il governo iraniano ha dichiarato nel 1998 che non avrebbe più sostenuto la fatwa.

Ma nel 2019, Twitter ha sospeso l’account del leader supremo iraniano, l’ayatollah Ali Khamenei, per un tweet che diceva che la fatwa contro Rushdie era “forte e irrevocabile”.

dura reazione

Rushdie, 75 anni, ha vissuto in modo relativamente aperto negli ultimi anni.

Stava per tenere una conferenza al Chautauqua Institute nella parte occidentale di New York sull’importanza degli Stati Uniti come rifugio per artisti presi di mira quando la polizia ha detto che un uomo di 24 anni si è precipitato sul palco e lo ha accoltellato.

Il suo avvocato nominato dal tribunale, Nathaniel Barron, ha detto a Reuters che il sospetto di accoltellamento Hadi Matar di Fairview, nel New Jersey, si è dichiarato non colpevole delle accuse di tentato omicidio e aggressione durante la sua apparizione in tribunale sabato.

Secondo la NBC New York, una prima revisione delle forze dell’ordine degli account sui social media di Matar ha mostrato che è solidale con l’estremismo sciita e il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane. La Guardia Rivoluzionaria Iraniana è una potente fazione che Washington accusa di condurre una campagna estremista globale.

Kanaani, un portavoce del ministero, ha affermato che Rushdie “si è esposto alla rabbia popolare insultando le santità islamiche e superando il limite di 1,5 miliardi di musulmani”.

Ha detto che l’Iran non aveva altre informazioni sul sospetto nell’attacco del romanziere tranne quelle apparse sui media.

I media statali iraniani intransigenti hanno celebrato l’attacco con titoli tra cui “Satana è stato accecato” e alcuni iraniani hanno espresso sostegno online per l’accoltellamento.

READ  Le immagini satellitari mostrano un nuovo ponte militare e pesanti forze russe vicino all'Ucraina

Matar è il figlio di un uomo di Yaron, nel Libano meridionale, secondo Ali Tahfeh, sindaco della città. Il sindaco ha detto che i genitori di Matar sono immigrati negli Stati Uniti, dove è nato e cresciuto, aggiungendo che non aveva informazioni sulle loro opinioni politiche.

Il gruppo armato Hezbollah, sostenuto dall’Iran, esercita un’influenza significativa a Yaron, dove i manifesti di Khomeini e del comandante delle Guardie rivoluzionarie iraniane Qassem Soleimani, ucciso in un attacco di droni statunitensi nel 2020, adornano le pareti durante il fine settimana.

Sabato un funzionario di Hezbollah ha detto a Reuters che il gruppo non aveva ulteriori informazioni sull’attacco a Rushdie.

(Questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Riforma fiscale marginale, la chiave per la navigazione al rialzo in una recessione – Fonti interne
Next Post Appunti di scuola | Notizie, sport, lavoro