L’inviato afghano dice che la situazione è terribile, l’India dovrebbe dire ai talebani di unirsi al mainstream, sostenere solo allora

Fred Mamundzai, ambasciatore del Paese in India, ha descritto la situazione in Afghanistan come “difficile, pericolosa e problematica” e ha affermato che Delhi dovrebbe comunicare ai talebani che se tagliano i legami con “gruppi terroristici regionali” e rinunciano alla violenza per diventare parte del ” società principale”, continueranno a sostenere e assistere l’Afghanistan politicamente e diplomaticamente.

a intervista esclusiva per indiano espressoMamundzai ha affermato che i progetti di sviluppo dell’India – strade, scuole, dighe e altri – sono “a rischio” se la situazione della sicurezza si deteriora ulteriormente. L’uscita delle forze statunitensi ha portato i talebani a invadere vaste aree dell’Afghanistan, specialmente nelle province settentrionali che non sono mai state sotto il loro controllo.

L’India ha stanziato circa 3 miliardi di dollari USA per progetti in tutte le 34 province dell’Afghanistan.

Talebani afghani. Ci parleranno oggi o domani. Parleranno con il popolo afghano e il governo afghano. Vogliamo che i talebani rinuncino alla violenza, rescindano i legami con i gruppi terroristici internazionali e diventino parte del sistema politico del Paese in modo pacifico e pacifico.

L’impegno dell’India con i talebani è qualcosa che non possiamo confermare ufficialmente a questo punto. Ma messaggi forti dall’India aiuteranno sicuramente a trasmettere messaggi di rottura dei legami con i gruppi terroristici regionali. Messaggi che l’India continuerà a sostenere l’Afghanistan se i talebani torneranno a far parte della società principale. L’India continuerà ad aiutare l’Afghanistan con l’istruzione, sia politicamente che diplomaticamente”.

Spero che questo vada molto lontano con i talebani. I talebani si renderanno conto che se rinunciano alla violenza e se diventano parte della società principale, l’India continuerà a collaborare con l’Afghanistan. Questi sono alcuni dei messaggi che il governo indiano può inviare ai talebani.

READ  Restrizioni di viaggio: il Regno Unito sposta l'India dalla lista "rossa" ad "ambra"

L’ambasciatore, giunto in India circa quattro mesi fa e parla correntemente l’hindi, ha affermato che la decisione di Delhi di evacuare il personale indiano dal consolato di Kandahar è stata quella di evitare qualsiasi “potenziale disastro” e “sgradito”.

Ha detto che la decisione è stata presa dopo che le valutazioni del governo afghano hanno mostrato che la sicurezza era un “problema” a Kandahar.

A Mazhar Sharif, la città del nord dove l’India ha un altro consolato, ha affermato che le valutazioni attualmente mostrano che la sicurezza “non è una grande sfida a questo punto”. “Ma ovviamente, se la situazione inizia a peggiorare, potremmo arrivare a un punto in cui dovremo evacuare anche lì”, ha detto.

Quando gli è stato chiesto se l’Afghanistan avesse richiesto assistenza militare all’India, ha affermato che il governo “non ha ancora chiesto formalmente all’India alcuna assistenza militare”. Ha detto che sono attualmente assistiti dalle forze degli Stati Uniti e della NATO, che sono “sufficienti” e che le forze di sicurezza nazionali afghane “hanno la capacità di utilizzare tali risorse e risorse”.

Se avremo bisogno di più aiuto, sì, cercheremo sicuramente aiuto dall’India. Ma finora non ci sono richieste del genere da parte nostra per il governo indiano.

Ha detto che c’è un “elemento di paura che esiste tra i comuni afghani” che se non ottengono sostegno per proteggere l’Afghanistan e combattere i talebani, “torneranno sicuramente” all’era della metà degli anni ’90, quando i talebani presero il controllo del nazione.

Ha detto che il Pakistan ha “una grande influenza e influenza con i talebani” e che la richiesta di Kabul a Islamabad era “usare la loro influenza in modo produttivo per portare i talebani al tavolo dei negoziati, per convincerli ad accettare un processo che avrebbe far prosperare questa regione”.

READ  Spiegazione: diffusione globale della variante delta di Covid-19

Ha affermato che in seguito al ritiro delle forze statunitensi, Cina, Russia, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti stanno svolgendo un ruolo nella situazione attuale.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Perché il Qatar gioca la Gold Cup? Come giocano i campioni asiatici al torneo CONCACAF
Next Post Lancio della pagina Steam di Super Robot Wars 30