L’inizio lento del PSG: perché Mauricio Pochettino ha faticato a ottenere il massimo da Messi, Neymar e Mbappe?

Il Paris Saint-Germain guida la Ligue 1 di 10 punti dall’RC Lens, secondo in classifica, mentre detiene anche il secondo posto nel Gruppo A in Champions League, a quattro punti dal Club Brugge, terzo a sole due partite di distanza. Ma nonostante questa prospettiva positiva, l’allenatore del PSG Mauricio Pochettino si trova sempre più sotto esame.

La tattica argentina è passato quasi un anno dal suo ritorno al Parc des Princes dopo aver sostituito Thomas Tuchel a metà della scorsa stagione. Quest’estate gli è stato regalato un talentuoso Lionel Messi, che è probabilmente il miglior giocatore del mondo riunito a Neymar. Inserisci Kylian Mbappe nel mix tre dei migliori del gioco – se non i primi tre attaccanti – ma hanno faticato a impressionare finora in questa stagione mentre guidano una squadra costellata di stelle.

I guadagni sono arrivati, ma spesso sono stati brutti, brutti, piuttosto che le performance di talento che ti aspetteresti da nomi così importanti. Nei primi cinque campionati europei, il PSG è solo settimo in termini di goal segnati a partita, 2.2, e forse, cosa più importante, è al decimo posto in termini di goal previsti a partita a 1.9. Questo attacco semplicemente non crea il tipo di opportunità che vorresti.

Un’altra parte del problema è che la prestazione di Pochettino non si adattava ai suoi giorni difensivi dominanti come giocatore che lo vedevano nominato capitano. La squadra permette di segnare un goal in ogni partita, ed è solo al decimo posto nei cinque principali campionati europei, eguagliando un totale di xG al quattordicesimo posto. Per un ex giocatore diventato allenatore che avrebbe dovuto promuovere lo stesso tipo di affinità di cui godeva con il Tottenham Hotspur, la sua squadra rimane molto peggio della quantità esorbitante delle sue parti scintillanti.

Allora perché il 49enne trova così difficile tornare a Parigi? Sei cose da controllare:

1. Tempi difficili

Il PSG ha avuto problemi prima del ritorno di Pochettino. Tuchel, che ha vinto la Champions League la scorsa stagione con il Chelsea, stava lottando per consegnare il suo messaggio ai giocatori entro la fine del suo mandato, soprattutto dopo il crepacuore della Champions League contro il Bayern Monaco in Portogallo.

READ  Inter e Venezia litigano, le scelte degli esperti, come guardare, diretta: 27 novembre pronostici Serie A

La sconfitta contro Lens, Olympique de Marseille, Manchester United, RB Lipsia, AS Monaco e Olympique Lyonnais è avvenuta contro il cronometro tedesco, mentre più punti sono stati persi contro giocatori come Girondins de Bordeaux e gli eventuali campioni di Francia Lille OSC prima della sua partenza a Natale .

Da quando se ne è andato, Tuchel ha chiarito che sente che l’atmosfera al PSG è stata dura e che preferirebbe di gran lunga la sua nuova casa. “Al Paris Saint-Germain, mi sono sentito come il ministro dello Sport”, ha detto Tuchel. Gazzetta dello sport. “Ho dovuto gestire anche i familiari e gli amici delle stelle. Al Chelsea lavoro più tranquillamente”.

L’arrivo di Pochettino ha rallentato questa marea negativa, e ha avuto problemi con la caratterizzazione di Tuchel di quello che sembra il Paris Saint-Germain, ma ci sono ancora sconfitte contro FC Lorient, Monaco, Nantes e Lille così come pareggi con Saint-Etienne e Stade Rennes . Qualunque sia il funk iniziato nell’ultima campagna di Tuchel non è mai andato via.

2. Poch. prevedibile

Uno dei motivi potrebbe essere dovuto al fatto che Pochettino non ha provato nulla di nuovo con il PSG una volta arrivato. Invece, è tornato ai metodi che gli sono serviti bene al Tottenham, piuttosto che cercarne di nuovi innovativi con un diverso gruppo di giocatori a Parigi.

Il 4-2-3-1 è diventato rapidamente un punto fermo nonostante nessun trequartista naturale occupi il buco centrale nel trio dietro l’attaccante. Marco Verratti è stato incaricato di questo ruolo, quando disponibile, anche se la squadra è meglio servita centralmente grazie ai suoi brillanti sostituti a centrocampo.

L’influenza di Verratti è rimasta significativa anche con Pochettino che passa spesso a una forma diversa ora con un 4-3-3. Una sfida vista la fragilità devastante del piccolo trequartista italiano. Tuttavia, la lotta di Pochettino per trovare sostituti è chiara, e ha lottato per accogliere Angel Di Maria in attacco, una potenziale soluzione alla mancanza di creazione di opportunità, oltre a Messi, Neymar e Mbappe.

3. Problemi di identità

I vecchi problemi della sua carriera di allenatore sono tornati a tormentare Pochettino. La difesa aperta offerta dal PSG è stata anche un problema regolare con gli Spurs, ma la cosa più preoccupante è che non ci sono più indicazioni chiare che questo sia il loro lato brevettato.

READ  L'ATP Teen of the Year affronterà MacDonald nella finale di Washington

Manca la marca che preme dal fronte a causa dei quattro grandi talenti d’attacco, solo Di Maria è veramente disposto a provare a dare una mano in fase difensiva e fa sempre più fatica a farlo a 33 anni.

Va anche notato che lo stile tattico di Pochettino non è cambiato molto nel tempo e la pressione sul calcio non è una novità. Pertanto, è possibile che molte squadre siano semplicemente attrezzate per gestirlo meglio di prima.

4. Le voci sono implacabili

A influenzare maggiormente la posizione di Pochettino a Parigi è il fatto che è in Francia solo con il suo staff tecnico ed è stato costantemente collegato a un ritorno in Premier League da quando ha assunto il lavoro, soprattutto l’estate scorsa quando è arrivata la ricerca del Tottenham per un allenatore difficile. livelli disperati.

I legami del Manchester United con Ole Gunnar Solskjaer stanno riemergendo sotto una crescente pressione, mentre l’ex boss del Real Madrid Zinedine Zidane sarebbe aperto ad allenare il PSG se si presentasse l’occasione, e anche un anno in più di un contratto firmato questa estate ha messo a tacere il voci di partenza.

È addirittura aumentata la possibilità che l’uomo di Murphy possa non durare un anno intero nel ruolo e tutto senza riferimento alle speculazioni in corso sul fatto che questi siano gli ultimi mesi per Mbappe con il club e la continua ricerca del Real Madrid.

5. mescola

Pochettino ha anche ereditato una squadra temporanea dal Parisien con il duo in prestito Moise Kean e Alessandro Florenzi che è cambiato oltre il riconoscimento dopo gli arrivi di Messi, Gianluigi Donnarumma, Achraf Hakimi, Giorginio Wijnaldum, Sergio Ramos e Nuno Mendes durante l’estate.

Il leggendario difensore spagnolo Ramos deve ancora fare la sua comparsa per infortunio, sottolineando come questo sia un gruppo di giocatori completamente nuovo che deve generare un’armonia propria e che le convocazioni internazionali sudamericane regolano regolarmente i giocatori chiave al di fuori delle partite di Serie A e creano la tensione con le associazioni non aiuta.

Messi, ad esempio, è tornato in Argentina nella sosta per le nazionali, nonostante un infortunio, e ha partecipato alla partita dell’Albiceleste contro il Brasile. Anche Leandro Paredes, infortunato dalle precedenti partite internazionali e impossibilitato a partecipare al PSG, è stato nuovamente convocato dall’allenatore Lionel Scaloni per far arrabbiare il direttore sportivo del PSG Leonardo.

READ  La lotta di Lewis Hamilton contro Max Verstappen continua con la Formula 1 diretta a Imola nella seconda gara del 2021.

“Sono appena atterrato a Parigi con grande gioia per aver raggiunto il nostro obiettivo di raggiungere la Coppa del Mondo in Qatar”, ha scritto Messi. Instagram. “Sicuramente è la ciliegina sulla torta per un anno molto speciale con la Nazionale. Grazie ancora per l’amore che ci avete sempre dimostrato. Se Dio vuole, ci rivedremo a gennaio. Ora è tempo di cambiare certo perché voglio davvero continuare a lottare per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati qui al PSG e continuare a concentrarmi sul lavoro per raggiungerli. Abbiamo ancora un mese e mezzo nel 2021 e vorrei finire quest’anno nel migliore dei modi modo possibile con tempi più buoni in Francia.”

Mentre il rinnovato impegno di Messi sarà accolto dopo le recenti critiche, essere a metà novembre senza Pochettino in grado di fornire quella che ritiene sia la sua formazione più forte da una squadra al completo non è l’ideale. Contribuisce anche alla confusione che circonda l’identità di questa squadra mentre il potenziale è chiaro a tutti.

6. L’unione infelice

Tutto ciò ha creato un ritorno a casa deludente per Pochettino poiché i tifosi sono frustrati dalla scarsa qualità del calcio offerto e dalla mancanza di un forte rapporto con i tifosi, aggravata dal fatto che l’ex allenatore del Tottenham comunica raramente in francese.

Pochettino avrebbe dovuto cementare i legami tra il club e la tifoseria, soprattutto quelli che ricordano il suo tempo da giocatore, con pochi club europei d’élite in grado di vantare un allenatore che ha giocato un ruolo così importante per il loro club.

Tuttavia, per il PSG, risulta essere un caso di diffidare di ciò che si desidera e sembra destinato a finire con l’insoddisfazione da tutte le parti a meno che Pochettino e il suo team di superstar non riescano bruscamente a fermare quel chip una volta che figure chiave come Verratti e forse Ramos sono in forma e disponibile. . ripetutamente.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’eclissi parziale di luna più lunga di questo secolo e la luna piena: come e quando guardarla
Next Post Il laboratorio di Filadelfia ha chiuso per un po’ dopo che un lavoratore ha trovato fiale di “vaiolo” nel congelatore | Vaccini e immunizzazione