L’infestazione da tenia alveolare Echinococcus sta emergendo in Nord America

Una tenia adulta Echinococcus multilocularis isolata da una volpe in Ungheria.

Adulto Echinococcus multilocularis Tenia isolata da una volpe in Ungheria.
immagine: Wikimedia Commons

Ricercatori in Canada hanno avvertito che una malattia parassitaria simile al cancro causata da alcuni cestodi si è fatta strada nel Nord America. La loro ultima revisione mostra che i casi della malattia ancora molto rara hanno iniziato ad aumentare in Alberta e altrove negli ultimi anni, sia nell’uomo che negli animali. Forniscono anche la prova che questi parassiti sono stati probabilmente portati da cani dall’Europa e ora hanno sicuramente fatto una nuova casa qui.

la malattia si chiama Echinococcosi alveolare (AE) è causato dall’infezione da una tenia Echinococcus multilocularis. Questi vermi possono infettare diversi tipi di mammiferi, ma i loro ospiti definitivi (gli ospiti per la loro fase di vita adulta e la riproduzione sessuale) sono cani selvatici e cani domestici. Le persone di solito si infettano ingerendo le uova microscopiche mangiando cibo contaminato o maneggiando altri animali infetti, quindi diventiamo un vicolo cieco per la tenia.

Sfortunatamente, le sue uova ci causano ancora problemi, poiché possono infiltrarsi nei nostri organi, di solito il fegato, e trasformarsi in una crescita parassitaria autosufficiente, diventando una sorta di tumore esterno. Possono essere necessari anni di infezione prima che compaiano i sintomi del marciume oculare, che spesso imitano il cancro del fegato e includono dolore addominale superiore, debolezza generale e perdita di peso. Senza trattamento – di solito rimozione chirurgica della crescita e/o un lungo ciclo di vita di farmaci antiparassitari – l’AE è in definitiva fatale.

L’AE umano è raro ma endemico in alcune parti dell’Europa e dell’Asia, ma non è stato osservato in Nord America fino a poco tempo fa. Prima del 2010, c’erano un totale di due vittime chiaramente documentate nel continente: un caso da Manitoba, Canada nel 1928, e un secondo dal Minnesota nel 1977. Altre ricerche hanno suggerito che questi vermi potrebbero aver vissuto nelle parti nord-occidentali del continente da un po’ di tempo, brutto a volte Indigeni che incontrarono, ma non in gran numero. Ora, i ricercatori dell’Università di Alberta e altrove affermano che la situazione è peggiorata.

Nella revisione dei casi pubblicato Nel marzo di quest’anno sull’American Journal of Tropical Medicine and Hygiene, gli scienziati hanno affermato di aver documentato 17 casi umani di AE nella sola Alberta tra il 2013 e il 2020. Tutti i casi sono stati trattati con farmaci antiparassitari, che vengono utilizzati quando la sola chirurgia non può rimuovere le escrescenze in modo sicuro. Sfortunatamente, una persona è morta dopo le complicazioni dell’intervento. La maggior parte di queste vittime possedeva cani e gli scienziati indicano altre ricerche che mostrano che i casi di fauna selvatica AE (principalmente nei coyote) sono aumentati anche nell’area durante lo stesso periodo di tempo.

Questi casi più recenti, basati sull’analisi genetica dei cestodi trovati nei pazienti, sembrano provenire da un ceppo che probabilmente si è scontrato con cani infetti originariamente in Europa – un ceppo che sembra essere più in grado di diffondersi e Ha causato più malattie nell’uomo e negli animali rispetto a qualsiasi altra popolazione preesistente nell’area.

È inequivocabilmente nuovo come malattia umana nell’emisfero occidentale. La spiegazione molto ovvia sembra essere l’introduzione del ceppo europeo più virulento del parassita nel nostro ambiente naturale”, ha detto a Gizmodo in una e-mail l’autore principale Stan Houston, esperto di malattie infettive presso l’Università dell’Alberta. è un po’ una supposizione. Penso che ci sia una combinazione di fattori che suggerisce dove il parassita è stato introdotto per la prima volta e/o l’ambiente che molto probabilmente è favorevole alla fauna selvatica”.

Sebbene l’Alberta sembri essere l’attuale punto caldo per questi vermi, Houston ha sentito da altri ricercatori casi di AE scoperti di recente, inclusi due casi umani negli Stati Uniti, ed è certamente preoccupato che i vermi possano diffondersi in luoghi più lontani in tutto il Nord Amarica . “Naturalmente può, e in effetti, ciò che sappiamo finora indica che il parassita ha avuto un notevole successo, raggiungendo una prevalenza molto più elevata nei coyote dell’Alberta rispetto al suo serbatoio naturale, la volpe rossa in Europa”, ha detto.

AE umano Sia lode a Dio resti La malattia è relativamente rara, con una stima di 18.000 casi all’anno, principalmente in Cina. E poiché AE alla fine uccide le sue vittime se non viene curato, Houston non ha dubbi sul fatto che ci siano molti più casi nascosti di quelli che gli scienziati hanno trovato finora. Una buona igiene semplice, come lavarsi le mani dopo aver maneggiato il cane, specialmente se vivi in ​​una zona più rurale dove vivono i coyote, e lavare il cibo coltivato localmente nelle aree ricche di coyote, può ridurre il rischio di infezione.

Per quanto raro, appare il verificarsi di AE crescente Anche in alcune parti d’Europa, forse a causa degli effetti che il cambiamento climatico e l’urbanizzazione hanno avuto sugli animali ospiti dei vermi. La mancanza di sintomi all’infezione iniziale può anche ritardare la diagnosi al punto che la chirurgia non è più un’opzione (in otto dei 17 casi riscontrati in Alberta, gli aumenti sono stati riscontrati per caso durante altri test). Quindi Houston e altri ricercatori hanno in programma di monitorare queste tenie. Quindi fanno uno studio su pazienti in Alberta a cui è stata sottoposta la biopsia del fegato ma apparentemente non avevano il cancro, per vedere se qualcuno di loro potesse avere invece AE.

READ  I primi campioni lunari di oltre 40 anni fa potrebbero cambiare la storia della luna
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Un ospedale italiano usa una TAC per svelare i segreti di una mummia egiziana
Next Post Christina Hack e Ant Anstead interrompono il divorzio dopo 9 mesi di separazione