L’India vota contro la mossa per consentire i dibattiti sui cambiamenti climatici al Consiglio di sicurezza

Come previsto, lunedì l’India ha votato contro una bozza di risoluzione che cerca di creare uno spazio formale per le discussioni relative al cambiamento climatico nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. La decisione è caduta dopo il veto della Russia.

India e Russia sono stati gli unici paesi che si sono opposti alla bozza di risoluzione; La Cina si è astenuta.

La bozza di risoluzione, presentata da Irlanda e Nigeria, mira a consentire al Consiglio di sicurezza di tenere discussioni di routine sul cambiamento climatico dal punto di vista del suo impatto sulla pace e sui conflitti in tutto il mondo. A partire da ora, il forum delle Nazioni Unite appropriato per discutere tutte le questioni relative al cambiamento climatico è la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), i cui oltre 190 membri si incontrano più volte all’anno, inclusa una conferenza annuale di due settimane alla fine dell’anno.

Uno degli aspetti meno discussi del cambiamento climatico è il suo impatto sulla pace e la sicurezza internazionali, o l’impatto diretto della carenza di cibo e acqua indotta dal clima, la perdita di terra o mezzi di sussistenza o la migrazione. Gli sponsor e i sostenitori della bozza di risoluzione hanno affermato che ciò aveva implicazioni per le missioni sul campo delle Nazioni Unite dispiegate per mantenere la pace e la sicurezza e, pertanto, era opportuno accoglierlo nel Consiglio di sicurezza.

India, Cina e Russia si sono opposte sin dall’inizio, sostenendo che gli interventi del Consiglio di sicurezza sui cambiamenti climatici avrebbero pregiudicato il processo dell’UNFCCC e fornito un’influenza sproporzionata su alcuni paesi sviluppati nel processo decisionale sul cambiamento climatico.

READ  Joe Biden avverte il presidente russo Vladimir Putin di sanzioni "senza precedenti" se l'Ucraina viene attaccata

Spiegando la sua decisione di votare contro la bozza di risoluzione, l’India ha affermato che la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici aveva già fornito una “struttura dettagliata ed equa” con una voce uguale per ciascun paese e un adeguato riconoscimento delle “circostanze nazionali” di ciascun paese.

“Esso (il processo UNFCCC) affronta sia le esigenze immediate dei paesi in via di sviluppo che gli impegni dei paesi sviluppati. Cerca di trovare un equilibrio tra mitigazione, adattamento, finanza, tecnologia, trasporti e sviluppo delle capacità”, ha affermato il rappresentante permanente dell’India a le Nazioni Unite, TS Tirumurti e così via.

“Pertanto, dobbiamo chiederci cosa possiamo fare collettivamente in base a questa bozza di risoluzione che non possiamo raggiungere nel quadro del processo dell’UNFCCC”, ha affermato Tirumurti. “Perché è necessaria una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per agire sui cambiamenti climatici quando abbiamo impegni nell’ambito della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici per un’azione concreta per il clima? La risposta onesta è che non c’è una reale richiesta per questa risoluzione tranne che per lo scopo di introdurre il cambiamento climatico nell’ambito del Consiglio di sicurezza, e la ragione di ciò è che ora le decisioni possono essere prese senza la partecipazione della maggior parte dei paesi in via di sviluppo e senza riconoscimento unanime”.

“E tutto questo può essere fatto in nome del mantenimento della pace e della sicurezza internazionali”.

Cerchiamo di essere chiari su questi temi. Oggi, le decisioni sui cambiamenti climatici sono richieste alla più ampia comunità internazionale rappresentata nella Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e presentate invece al Consiglio di sicurezza. Ironia della sorte, molti membri del Consiglio di sicurezza sono i principali contributori al cambiamento climatico a causa delle emissioni storiche. Se il Consiglio di sicurezza si occupasse effettivamente di questo problema, alcuni paesi sarebbero liberi di decidere su tutte le questioni legate al clima. Questo è chiaramente indesiderabile e inaccettabile”.

READ  Il Consiglio di sicurezza dell'ONU diviso esorta i talebani a consentire viaggi, aiuti

Tirumurti ha affermato che la bozza di risoluzione ha il potenziale per “seminare i semi della discordia tra i membri più grandi delle Nazioni Unite”.

“Questa bozza di risoluzione è un passo indietro rispetto alla nostra determinazione collettiva di combattere il cambiamento climatico. Cerca di trasferire questa responsabilità a un organismo che non opera per consenso e non riflette gli interessi dei paesi in via di sviluppo”, ha affermato.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Nexi, una risposta al lancio dell’European Innovation Hub
Next Post Google chiede agli utenti Pixel di commentare su Android 12L