L’India sta monitorando da vicino la situazione in Afghanistan; Prepararsi a evacuare i dipendenti da Kabul

L’India si sta preparando a evacuare centinaia di suoi funzionari e cittadini da Kabul mentre i talebani stanno per impadronirsi della capitale afghana dopo che il presidente Ashraf Ghani ha lasciato il paese domenica dopo un intenso attacco da parte del gruppo militante.

L’agenzia di stampa Afghan Tolo ha riferito che Ghani e i suoi stretti collaboratori hanno lasciato il paese dopo che i talebani sono entrati a Kabul dopo aver catturato quasi tutte le principali città e capoluoghi di provincia.

Mentre l’Afghanistan guarda a un futuro incerto con l’imminente caduta di Kabul in mano ai talebani, diversi paesi tra cui Stati Uniti e Regno Unito si sono affrettati a evacuare il proprio personale dalla città della paura e del panico.

Le persone che seguono gli sviluppi in Afghanistan hanno affermato che l’India ha preparato tutte le contingenze e le possibilità, inclusa l’evacuazione del suo personale presso la sua ambasciata a Kabul e dei cittadini indiani bloccati nel paese.

Si apprende che una flotta di aerei da trasporto militare C-17 Globemaster dell’aeronautica militare indiana rimane in attesa per le missioni di evacuazione.

Le suddette persone hanno affermato che l’India non avrebbe messo in pericolo la vita del personale dell’ambasciata e dei suoi cittadini a Kabul e che i piani di evacuazione di emergenza erano già stati completati.

Il governo sta monitorando da vicino i rapidi sviluppi in Afghanistan. “Non metteremo in pericolo la vita del nostro personale all’ambasciata indiana a Kabul”, ha detto una fonte.

Tuttavia, non ci sono commenti ufficiali dall’India sui rapidi sviluppi in Afghanistan.

Negli ultimi giorni, i combattenti talebani hanno invaso gran parte del Paese, catturando circa 25 dei 34 capoluoghi di provincia, comprese città come Kandahar, Herat, Mazar-i-Sharif e Jalalabad.

READ  Microsoft afferma che un bug ha portato Bing a vietare le foto di "tank man" a Tiananmen

I media afghani hanno citato il ministro della Difesa in carica, Bismillah Mohammadi, secondo cui il presidente Ghani aveva dato il potere di risolvere la “crisi” nel paese ai leader politici.

Mohammadi ha detto che lunedì una delegazione si recherà a Doha per discutere della situazione nel Paese.

Abdullah Abdullah, capo del Consiglio Supremo per la Riconciliazione Nazionale dell’Afghanistan, sembrava criticare Ghani per aver lasciato il paese e ha detto: “Dio lo riterrà responsabile e anche la nazione governerà”.

L’ex presidente afghano Hamid Karzai ha dichiarato su Twitter che è stato formato un consiglio di coordinamento composto da Abdullah Abdullah e Gulbuddin Hekmatyar per trasferire il potere dopo la partenza del presidente Ghani.

All’inizio della giornata, il palazzo presidenziale afghano ha dichiarato su Twitter che la situazione a Kabul è sotto controllo e non è stata attaccata, anche se ci sono state sparatorie sporadiche.

Ha detto che le forze di sicurezza afghane stanno lavorando con partner internazionali per garantire la sicurezza di Kabul.

Kabul non è stata attaccata. La dichiarazione in Pashto afferma che le forze di sicurezza e di difesa del paese stanno lavorando con i partner internazionali per garantire la sicurezza della città e la situazione è sotto controllo.

Nel frattempo, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha descritto l’attacco dei talebani e l’imminente caduta di Kabul come “cose ​​strazianti”.
Siamo andati in Afghanistan 20 anni fa in una missione, e quella missione era occuparsi delle persone che ci hanno attaccato l’11 settembre. E siamo riusciti in questo compito”, ha detto Blinken a State of the Union della CNN.

“L’obiettivo che ci siamo prefissati, assicurare alla giustizia coloro che ci hanno attaccato, e assicurarci che non possano mai più attaccarci dall’Afghanistan, siamo riusciti in quella missione, e infatti, ci siamo riusciti qualche tempo fa”, ha detto.

READ  Ashraf Ghani dice "in trattative per tornare" in Afghanistan dopo la fuga

“Allo stesso tempo, restare in Afghanistan per un altro anno, cinque o dieci anni non è nell’interesse nazionale”, ha aggiunto.

I talebani hanno compiuto rapidi progressi in tutto l’Afghanistan ricorrendo a una violenza diffusa da quando gli Stati Uniti hanno iniziato a ritirare le proprie forze dal paese il 1° maggio.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Zelda Vigo – Atletico Madrid 1-2: il timbro di Hugo Mallow su Luis Suarez innesca una grande rissa
Next Post Pixel 6 sta arrivando, ma dovresti invece acquistare Google Pixel 3, 4 o 5?