L’India spinge per la giustizia climatica alla COP26: Ministro dell’Ambiente | Notizie dall’India

L’India evidenzierà con forza la necessità di “giustizia climatica” alla COP26 di Glasgow poiché la soluzione al riscaldamento globale non può essere affrontata in modo frammentario, ministro dell’Ambiente Bubandar Yadav Dillo a TOI. Anche se non ha commentato direttamente se 450 gigawatt di energia rinnovabile entreranno a far parte dell’NDC indiano, Yadav ha affermato che l’obiettivo è un impegno serio.
Tra le pressioni delle nazioni ricche per un impegno “zero netto” da parte di tutti i paesi, il ministro dell’Ambiente Yadav ha aggiunto che mentre l’India farà un appello alla neutralità del carbonio a tempo debito, i paesi sviluppati dovrebbero ricordare le loro promesse non mantenute prima del 2020 come impegni L’azione sulla giustizia climatica è il bisogno dell’ora.
Estratti da una conversazione con TOI:
L’India si atterrà all’obiettivo “zero netto” alla prossima Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26)?
Riceveremo una chiamata in merito in modo tempestivo e potrebbe accadere in qualsiasi momento. Siamo molto chiari che qualunque cosa decida la nostra leadership, deciderà in tempo. Ci impegniamo per la soluzione. Non ci metteremo nei guai, abbiamo preso i nostri impegni per il contributo determinato a livello nazionale (NDC) nel 2015 e, a differenza di molti paesi, siamo sulla buona strada per mantenere tutto ciò che ci siamo impegnati. La pubblicità non dovrebbe essere solo in termini di autorizzazione. Deve essere lavorato e realizzato. Una pubblicità indispensabile per salvare il pianeta. Non dovrebbe essere solo una dichiarazione.
Quale sarà l’obiettivo dell’India durante i negoziati alla COP26?
Le discussioni dovrebbero vertere sull’adempimento degli impegni esistenti da parte dei paesi sviluppati. Crediamo innanzitutto che dovrebbe esserci una discussione su tutte le questioni su cui i paesi si sono già impegnati come vecchi impegni – se si tratta di tagliare le emissioni nel periodo pre-2020 e fornire sostegno finanziario ai paesi in via di sviluppo come promesso nel 2009. Tutte le questioni dovrebbero essere discusso, tenendo presenti i principi della Convenzione delle Nazioni Unite sul clima (UNFCCC) e Accordi di Parigi Che si tratti di “uguaglianza” o di “responsabilità comuni ma differenziate” e delle rispettive capacità (responsabilità comuni ma differenziate). Ci sono quattro questioni principali nei negoziati. In primo luogo, il mondo intero è preoccupato che la temperatura globale stia aumentando troppo rapidamente. In secondo luogo, il mondo è a conoscenza delle misure di mitigazione necessarie per controllare l’aumento della temperatura. In terzo luogo, il mondo intero non è in condizioni di parità (in termini di capacità di adottare misure di mitigazione e adattamento) e pertanto devono esistere un forte sostegno finanziario e meccanismi di trasferimento tecnologico. Quarto, la questione delle “perdite e danni” dovute ai disastri, e quindi c’è la questione di come sviluppare un sistema per sostenere i paesi vulnerabili. L’India vuole discutere tutti questi problemi con una mente aperta. Questo problema globale deve essere affrontato in modo completo, non parziale.
Il nuovo ambizioso obiettivo del paese per le energie rinnovabili (450 gigawatt entro il 2030) e il superamento dell’azione per il clima saranno presi in considerazione nell’ambito degli impegni rivisti?
La Conferenza di Dialogo Nazionale è una dichiarazione volontaria, ma non è solo una pubblicità. È un impegno. Non solo abbiamo fissato obiettivi ambiziosi, ma abbiamo anche raggiunto i nostri obiettivi e mantenuto i nostri impegni in breve tempo. La grande battaglia riguarda gli obblighi di chi non li ha adempiuti. I paesi sviluppati hanno promesso nel 2009 di mobilitare 100 miliardi di dollari in finanziamenti per il clima all’anno entro il 2020 per sostenere i paesi in via di sviluppo con misure di adattamento in modo che possano affrontare le sfide del cambiamento climatico. non è soddisfatta.
Il Climate Finance Delivery Plan, pubblicato questa settimana, mostra che i paesi ricchi saranno in grado di mobilitare finanziamenti solo entro il 2023, tre anni dopo rispetto a quanto promesso. Il ritardo influenzerà i negoziati alla COP26?
Lo metteremo sul tavolo delle trattative. C’è anche la questione della finanza pubblica e della finanza privata. Dobbiamo ricordare ai paesi sviluppati che è stata fatta la promessa di fornire assistenza ai paesi in via di sviluppo attraverso la finanza pubblica, da governo a governo. Tuttavia, devo ricordare a tutti che l’India ha mantenuto le sue promesse con i propri fondi e stanziamenti di bilancio.
Ho avuto incontri con l’inviato presidenziale per il clima degli Stati Uniti John Kerry Il capo della Cop26 nomina Alok Sharma. Hai parlato loro delle preoccupazioni dell’India e dei paesi in via di sviluppo su questi temi?
Oltre a loro, abbiamo avuto incontri bilaterali e multilaterali con circa 30 paesi prima della COP26. Tutti accettano la serietà… Ma la domanda qui riguarda l’azione e il risultato. Il consenso si sta costruendo in questa direzione. Questi temi saranno discussi anche durante la COP26 (31 ottobre – 12 novembre a Glasgow, Regno Unito). Esorteremo tutti i paesi a partecipare attivamente a tre istituzioni/iniziative: l’International Solar Alliance (lui è), la Coalition for Disaster Resilient Infrastructure (CDRI) e il Leadership Group for Industry Transition (LeadIT) – guidati dall’India e da altri paesi come Francia e Svezia.
India e Cina sono da tempo sulla stessa pagina in quanto parte dei gruppi di negoziato sul clima “Like-Minded Developing Countries” (LMDC), nonostante le differenze altrove. Continuerà così alla COP26?
Penso che non dovrebbe esserci disaccordo con nessuno per rendere il mondo un posto migliore in cui vivere. Il nostro comportamento dovrebbe essere uno quando il nostro obiettivo è uno. Cercheremo effettivamente di costruire un consenso con tutti i paesi alla COP26.

READ  La rielezione dell'India al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a stragrande maggioranza
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il Napoli ha trattenuto l’Atletico per allungare la striscia di imbattibilità
Next Post takt op.Destiny Episodio 5 Data e ora di uscita