L’India rende obbligatoria la RT-PCR per i viaggiatori provenienti dalla Cina e da altri 5 paesi dal 1° gennaio

Un commentatore dei media cinesi ha affermato su Twitter che i test imposti ai passeggeri cinesi da India e Giappone erano “autoconvenienti” e che tornare al “vecchio metodo” utilizzato durante la precedente pandemia non avrebbe fatto alcuna differenza. Nel frattempo, l’India ha isolato con successo il ceppo BF.7, un sottoceppo della variante Omicron, in un campione studiato per testare l’efficacia dei vaccini Covid-19, secondo un rapporto del Times of India.

L’India potrebbe vedere un aumento delle infezioni da Covid-19 a gennaio, secondo i funzionari che mercoledì hanno citato lo schema dei precedenti focolai. Fonti del Ministero della Salute hanno affermato che l’intensità dell’onda sarà inferiore se si verificherà.

“In precedenza, è stato osservato che una nuova ondata di Covid-19 colpisce l’India circa 30-35 giorni dopo aver colpito l’Asia orientale… Anche se si verifica un’ondata, i decessi e i ricoveri saranno molto bassi”, ha detto PTI citando un funzionario. I funzionari hanno aggiunto che anche se si verifica un’ondata, 39 passeggeri internazionali trovati positivi su 6.000 testati all’arrivo negli ultimi due giorni, hanno affermato che il governo ha reso obbligatori i test casuali del coronavirus per il 2% dei passeggeri in arrivo su ogni volo internazionale da sabato.

La compilazione dei moduli “air suvidha” e il test RT-PCR con 72 ore di anticipo potrebbero essere obbligatori dalla prossima settimana per i viaggiatori internazionali in arrivo da Cina, Giappone, Corea del Sud, Hong Kong, Bangkok e Singapore, affermano fonti.

L’India ha registrato mercoledì 188 nuove infezioni da coronavirus, mentre i casi attivi sono aumentati a 3.468, secondo i dati del Ministero federale della salute aggiornati mercoledì. Il conteggio del caso Covid è stato registrato a Rs 4,46 crore.

READ  Maha Hukoomi ha formato un gruppo di lavoro per seguire la situazione del virus Corona, in coordinamento con il centro

Al fine di verificare la prontezza per qualsiasi possibile picco nei casi di Covid-19, martedì sono state condotte esercitazioni simulate nei centri sanitari di tutto il paese, con il ministro della Sanità dell’Unione Mansukh Mandavia che ha chiesto alla gente di essere vigile, ricordando il messaggio di allerta del primo ministro Narendra Modi in mezzo all’aumento dei casi in il paese diversi paesi.

Quarta dose di vaccino Covid ora non giustificata, necessaria maggiore sorveglianza

Molti Paesi stanno somministrando una terza o quarta dose di richiamo di Covid, ma l’India, dove molti individui completamente vaccinati non hanno assunto nemmeno una singola dose, non c’è ancora, dicono gli esperti sottolineando la necessità di una risposta ordinata e sistematica.

Hanno detto che una quarta dose per prevenire il Covid non è giustificata in questo momento perché la maggior parte delle persone nel paese non ha ancora ricevuto una terza dose e non ci sono dati disponibili sui benefici di una seconda spinta per i vaccini attualmente in uso. Inoltre, la situazione in India, dove un gran numero di persone è stato esposto al virus e anche vaccinato, è molto diversa. “Non c’è motivo di aspettarsi che la situazione cinese, che è stata modellata proprio dalle politiche zero Covid attuate dal Paese per circa tre anni, preveda qualcosa in India”, ha affermato Satyajit Rath, membro della facoltà associata presso l’Indian Institute of Scienza. Istruzione e ricerca (IISER), Pune.

Gli Stati Uniti e l’Italia stanno rendendo obbligatori i test Covid per i viaggiatori provenienti dalla Cina

Gli Stati Uniti e l’Italia hanno annunciato test Covid-19 obbligatori per i viaggiatori provenienti dalla Cina poiché l’improvviso abbandono da parte di Pechino delle misure rigorose per contenere il coronavirus e un’ondata di casi di virus ha causato tensioni in tutto il mondo, è stato riferito. Francia Agenzia di stampa.

Citando la necessità di proteggere la salute degli americani, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno annunciato che a partire dal 5 gennaio tutti i viaggiatori aerei provenienti dalla Cina dovranno presentare alle compagnie aeree un nuovo test Covid negativo prima della partenza.

READ  Spiegando in 10 punti la chiamata dell'India al nuovo Primo Ministro britannico Rishi Sunak

La Cina, che sta affrontando il suo più grande focolaio, martedì ha abolito le regole di quarantena per gli arrivi stranieri, il che significa che i viaggiatori in arrivo non dovranno più essere messi in quarantena dall’8 gennaio, una decisione annunciata dalla Cina dopo tre anni di isolamento globale autoimposto ai sensi della legge. La politica Covid Zero che ha colpito l’economia e alimentato storici malumori pubblici. Le persone che arrivano in Cina dovranno solo avere risultati negativi al test Covid entro 48 ore dalla partenza, ha affermato una dichiarazione della National Health Commission.

La decisione della Cina di sospendere una regola di quarantena per gli arrivi stranieri arriva tra le storie strazianti della crisi Covid che si riversa fuori dal paese, con milioni di test positivi ogni giorno e ospedali sopraffatti dai pazienti.

Leggi tutti i file Ultime notizie dall’India qui

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Dichiarazione congiunta dei Ministri degli Affari Esteri sulla proibizione del lavoro delle donne afgane da parte dei talebani nelle organizzazioni non governative nazionali e internazionali
Next Post I post sui social media di Paul Pogba lasciano perplessi i tifosi della Juventus