L’India presenta una bozza di risoluzione all’Assemblea generale delle Nazioni Unite per concedere lo status di osservatore all’International Solar Alliance

ISA è stata lanciata congiuntamente da India e Francia nel 2015 alla 21a Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP21) tenutasi a Parigi.

Sottolineando che l’International Solar Alliance (ISA) aprirà una nuova era di “diplomazia dell’energia verde”, l’India ha presentato una bozza di risoluzione all’Assemblea generale delle Nazioni Unite per concedere lo status di osservatore all’iniziativa globale che aiuterebbe a fornire una cooperazione regolare tra ISA e le Nazioni Unite. , che andrà a beneficio della crescita e dello sviluppo dell’energia globale.

ISA è stata lanciata congiuntamente da India e Francia nel 2015 alla 21a Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP21) tenutasi a Parigi.

“È un onore per me presentare la bozza di risoluzione… per concedere lo status di osservatore all’International Solar Alliance per conto di India e Francia” e circa 80 co-sponsor, ha affermato il Rappresentante Permanente dell’India presso le Nazioni Unite TS Tirumurti il Venerdì.

Introducendo la bozza di risoluzione, Tirumurti ha dichiarato all’Assemblea Generale: “L’International Solar Alliance, attraverso i suoi sforzi per trovare soluzioni energetiche giuste ed eque attraverso lo spiegamento dell’energia solare, dovrebbe inaugurare una nuova era della diplomazia dell’energia verde. ” Nella Sesta Commissione dell’Assemblea Generale che si occupa di questioni giuridiche.

Per una collaborazione regolare e ben definita

Ha detto che concedere lo status di osservatore all’ISA nell’Assemblea Generale aiuterebbe a fornire una cooperazione regolare e ben definita tra l’Alleanza e le Nazioni Unite che andrebbe a beneficio della crescita e dello sviluppo dell’energia globale.

L’elenco dei co-sponsor comprende Algeria, Australia, Bangladesh, Cambogia, Canada, Cile, Cuba, Danimarca, Egitto, Figi, Finlandia, Irlanda, Italia, Giappone, Maldive, Mauritius, Myanmar, Nuova Zelanda, Oman, Saint Vincent e Grenadine, Arabia Saudita, Arabia Saudita, Trinidad e Tobago, Emirati Arabi Uniti e Regno Unito.

“Un’altra pietra miliare per () l’International Solar Alliance. L’India introduce una bozza di risoluzione in #UNGA per concedere lo status di osservatore all’isolaralliance (ISA). Ho detto che l’ISA, attraverso i suoi sforzi verso soluzioni energetiche giuste ed eque, inaugurerà ( a) una nuova era di “diplomazia energetica”. Green”, ha twittato Tirumurti.

Ha sottolineato che la concessione dello status di osservatore all’Agenzia spaziale internazionale nell’Assemblea generale delle Nazioni Unite consentirebbe all’organizzazione di fornire contributi mirati alle operazioni attuali e future delle Nazioni Unite, sulla base delle esperienze di base dei suoi programmi nazionali, delle attività di ricerca e le attività di cooperazione pubblico-privato e la sua conoscenza globale – partecipazione alle attività.

Tirumurti ha affermato che l’ISA sta anche facendo un grande passo avanti per affrontare alcune delle questioni come “trasferimento tecnologico”, “accumulo di energia solare” e persino assistenza finanziaria agli Stati membri, insieme alla pianificazione e alla pianificazione del progetto.

Status di osservatore alle Nazioni Unite

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite può concedere lo status di osservatore permanente a Stati non membri, organizzazioni internazionali e altre entità.

Secondo le informazioni sul sito web delle Nazioni Unite, l’Assemblea Generale ha deciso che “lo status di osservatore sarà limitato agli Stati e alle organizzazioni intergovernative le cui attività riguardano questioni di interesse per l’Assemblea”.

La Sesta Commissione dell’Assemblea Generale esamina tutte le domande per lo status di osservatore prima di essere esaminate in plenaria. Il sito ha affermato che osservatori permanenti possono partecipare alle sessioni e ai lavori dell’Assemblea generale e mantenere missioni presso la sede delle Nazioni Unite.

Le organizzazioni intergovernative che hanno ricevuto un invito permanente a partecipare come osservatori alle sessioni e ai lavori dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite includono l’Unione europea, INTERPOL, l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, la Banca asiatica di sviluppo, l’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico, il Commonwealth degli Stati indipendenti e l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare L’Associazione del bordo dell’Oceano Indiano, l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, l’Associazione dell’Asia meridionale per la cooperazione regionale, il Comitato internazionale della Croce Rossa e l’International Comitato Olimpico.

Alleanza Solare Internazionale

Il Sig. Tirumurti ha sottolineato che l’Accordo Quadro ISA identifica esplicitamente le Nazioni Unite, compresi i suoi organi, come partner strategici dell’Alleanza.

“Lo status di osservatore migliorerà notevolmente la capacità della coalizione di raggiungere i suoi obiettivi”, ha affermato, aggiungendo che l’International Solar Alliance sarà in grado di seguire da vicino le deliberazioni dell’Assemblea generale, cooperare con gli organi, le agenzie e i programmi delle Nazioni Unite nell’attuazione dei loro programmi e attività e beneficia della rete di uffici sul campo delle Nazioni Unite, della sua esperienza nel programma di cooperazione con i governi e delle sue vaste risorse nel processo di sviluppo.

L’International Solar Alliance è stata aperta alla firma come organizzazione internazionale basata su un trattato nel novembre 2016 e l’accordo è entrato in vigore il 6 dicembre 2017.

Tirumurti ha affermato che la Solar Energy Resource-Rich Alliance con i suoi membri è aperta a quei 121 stati membri delle Nazioni Unite che si trovano in tutto o in parte tra i Tropici del Cancro e del Capricorno. Questo è stato modificato durante la prima assemblea dell’ISA per estendere l’appartenenza all’ISA a tutti gli stati membri delle Nazioni Unite.

Ha affermato che la Dichiarazione di Parigi sul lancio dell’ISA ha articolato la visione comune di portare l’energia pulita, rinnovabile ed economica alla portata di tutti.

“Cerchiamo il vostro sostegno per la bozza di risoluzione”, ha affermato Tirumurti, sottolineando che l’ISA è impegnata a contribuire all’esito positivo del processo delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile e al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo concordati a livello internazionale.

Fin dalla sua istituzione, l’International Solar (Alliance) ha cercato di raggiungere i suoi obiettivi lanciando programmi tematici dedicati alla diffusione di applicazioni complete di energia solare in più settori tra cui, ma non solo, l’agricoltura, la salute e l’elettricità. L’ISA ha svolto un ruolo importante a livello internazionale nel sostenere l’attuazione delle Convenzioni quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e dell’agenda globale per il clima in generale.

Il Sig. Tirumurti ha aggiunto che la partecipazione ai principali incontri internazionali che coinvolgono questi temi è spesso cruciale per l’ISA per svolgere il suo lavoro e il suo mandato.

Inoltre, l’ISA dispone di ampie risorse ed esperienza per dare un contributo significativo a tutti questi incontri, dialoghi e decisioni, contribuendo a plasmare il dialogo politico globale.

READ  Il grande giorno del "caos pingdemico" di Marte Boris Johnson per porre fine alle restrizioni Covid nel Regno Unito
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il compianto Kylian Mbappe multato PSG Anchors-Sports News aiuta a registrare una vittoria corta su First Post
Next Post Acer subisce un’altra violazione dei dati, 60 GB di informazioni sui clienti rubate | Tecnologia / Gadget