L’India affronta il contraccolpo arabo – “Hot Mic” con Nidhi Razdan

Ciao, sono Hot Mic e io sono Nidhi Razdan.

C’è indignazione nel mondo arabo per i commenti offensivi al Profeta fatti dai portavoce del BJP, che ora sono stati rimossi dal partito. Durante il fine settimana, tre paesi arabi hanno convocato l’inviato indiano per lanciare una forte protesta: Qatar, Kuwait e Iran. Anche il Regno dell’Arabia Saudita e il Sultanato dell’Oman hanno condannato fermamente le dichiarazioni dei leader del BJP. L’India ha ottime relazioni con tutti questi paesi. Quindi la protesta rappresenta una grave battuta d’arresto per questi rapporti consolidati con cura, che sono strategicamente ed economicamente importanti.

Il Qatar è stato il primo a rilasciare una dichiarazione forte in cui affermava di attendere le scuse pubbliche e l’immediata condanna di queste dichiarazioni da parte del governo indiano, osservando che consentire a tali dichiarazioni anti-Islam di continuare senza punizione costituisce un grave pericolo per la protezione di cittadini. I diritti umani possono portare a ulteriori pregiudizi ed emarginazione, che creeranno un ciclo di violenza e odio. Questo è stato seguito da un tweet con parole forti dell’Assistente del Ministro degli Affari Esteri del Qatar, in cui ha affermato: “La retorica anti-Islam ha raggiunto livelli pericolosi in un paese che è stato a lungo noto per la sua diversità e convivenza. A meno che non sia ufficiale e sistematica confronto del sistematico incitamento all’odio contro l’Islam in India, sarà considerato un deliberato insulto contro l’Islam”. Due miliardi di musulmani.

Le ambasciate indiane in Qatar e Kuwait hanno chiarito nelle loro dichiarazioni che queste non sono le opinioni del governo indiano, ma piuttosto le opinioni di elementi marginali, come dicono loro. Devi chiedere, i parlanti patriottici sono ora oggetti marginali? Detto questo, le ambasciate indiane hanno anche affermato che interessi speciali incitavano le persone a usare questi commenti dispregiativi. A peggiorare le cose, il vicepresidente indiano, Venkaiah Naidu, era in Qatar per un viaggio ufficiale quando è scoppiata la polemica, causando molto imbarazzo. In che modo questo caso è esploso in un’enorme storia diplomatica?

READ  Le Nazioni Unite affermano che oltre 4 milioni di rifugiati ucraini sono fuggiti dalla guerra

Bene, ci sono due parti in questa discussione: la prima è il commento fatto dal portavoce del BJP Nupur Sharma alla televisione nazionale, diversi giorni fa, che è diventato virale sui social media e ha chiesto una forte reazione. Il secondo è stato un tweet del portavoce del BJP Delhi, Navin Kumar Jindal, che ha peggiorato le cose e insieme i due incidenti hanno causato una massiccia reazione nel mondo arabo. Negli ultimi due giorni ci sono state notizie di come i supermercati in Arabia Saudita, Kuwait e Bahrain stiano rimuovendo i prodotti indiani dai loro scaffali. Il caso si è anche classificato al primo posto sui social media in Arabia Saudita e in altri paesi arabi per diverse ore.

L’India ha mantenuto buone relazioni con i paesi arabi e il primo ministro Modi in particolare ha dato priorità alle relazioni dell’India con questi paesi. Dall’Arabia Saudita agli Emirati, Iran e Qatar. L’India ha buoni rapporti con tutti loro. In effetti, le prime visite internazionali del Primo Ministro Modi quest’anno sono state negli Emirati Arabi Uniti e in Kuwait a gennaio. Le quote dell’India nella regione sono grandi, motivo per cui – le stime ufficiali dicono che più di sei milioni e mezzo di indiani vivono e lavorano negli stati del Golfo. Inoltre, il Qatar è uno dei maggiori fornitori di GNL o GNL all’India. Quasi il 40% della fornitura di gas dell’India proviene dal Qatar. L’India gode anche di forti relazioni commerciali con molti paesi del Golfo, in particolare il Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC). O il Consiglio di Cooperazione del Golfo, con sede a Riyadh. Arabia Saudita, Bahrain, Qatar, Oman, Kuwait e Emirati Arabi Uniti costituiscono il Consiglio di cooperazione del Golfo. I dati ufficiali mostrano che nel 2020-2021 il valore totale del commercio indiano con i paesi del GCC è stato di oltre 87 miliardi di dollari, comprese le importazioni per un valore di circa 60 miliardi di dollari. Il totale degli scambi bilaterali bilaterali per questo periodo è cresciuto del 27% rispetto all’anno precedente. Quando si tratta di minoranze, l’India è in una posizione debole a livello internazionale, indipendentemente da ciò che i medici possono dire.

READ  L'India è dietro la Cina e il Pakistan con le testate nucleari, ma non preoccuparti | Notizie dall'India

A parte i paesi arabi, la scorsa settimana abbiamo visto il segretario di Stato americano Anthony Blinken parlare di un aumento degli attacchi alle persone e ai luoghi di culto in India. Stava parlando a un evento organizzato per la pubblicazione del rapporto annuale del Dipartimento di Stato sulla libertà religiosa internazionale. È la prima volta nella memoria recente che un Segretario di Stato americano ha invitato pubblicamente l’India. In effetti, anche Blinken ha sollevato pubblicamente la situazione dei diritti umani dell’India ad aprile, in piedi accanto al ministro indiano degli Affari esteri S Jaishankar. Il ministero degli Esteri indiano ha reagito con rabbia agli ultimi commenti di Blinken, accusando gli Stati Uniti di indulgere nelle politiche della banca elettorale e definendoli “commenti sconsiderati” da alti funzionari statunitensi. Ma il contraccolpo del mondo arabo in particolare alla fine ha spinto ad agire. Non è più possibile collegare la politica interna dell’India alla sua immagine internazionale e alle relazioni diplomatiche con altre nazioni quando c’è così tanto in gioco.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Jeremy Hunt si sta preparando per un altro tentativo di leadership
Next Post Data di uscita del principe Minotauro, versione fisica, trailer