L’incidente del razzo russo spinge brevemente la Stazione Spaziale Internazionale fuori dalla sua posizione | Stazione Spaziale Internazionale

La travagliata unità di laboratorio russa di Nauka ha causato il panico quando ha lanciato accidentalmente i suoi missili dopo essere stata attaccata a Stazione Spaziale Internazionale, rimuovere la stazione dalla sua posizione per un breve periodo.

Poche ore dopo l’attracco, i propulsori della Nauka si sono sparati inaspettatamente, costringendo il personale a bordo della Stazione Spaziale Internazionale a lanciare razzi nella parte russa della stazione per contrastare l’impatto.

La NASA ha dichiarato su Twitter che l’unità ha iniziato a sparare “inavvertitamente e inaspettatamente, spostando la stazione di 45 gradi fuori posizione”. “I recuperi hanno ripristinato la posizione e l’equipaggio non è in pericolo”.

L’agenzia di stampa russa TASS ha riferito che l’agenzia spaziale russa Roscosmos ha attribuito il problema al fatto che la Nauka deve funzionare con il carburante rimanente del veicolo spaziale.

La missione arriva dopo oltre un decennio di ritardi e mentre la Russia cerca di rilanciare la sua industria spaziale, che è stata lasciata indietro dal crollo dell’Unione Sovietica e lotta per tenere il passo con la concorrenza degli Stati Uniti.

Il modulo Nauka è decollato la scorsa settimana dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan, trasportato da un razzo a protoni russo, e segna il primo attracco russo della ISS in 11 anni.

In precedenza, Roscosmos ha mostrato la nuova aggiunta al suo segmento dell’attracco della Stazione Spaziale Internazionale nel porto Nadir (rivolto verso la Terra) del modulo di servizio Zvezda alle 1329 GMT. “C’è una connessione!!!” Il presidente di Roscosmos Dmitry Rogozin ha twittato.

Ora ci vorranno diversi mesi e passeggiate spaziali per integrare completamente il modulo con la stazione spaziale.

Il lancio è stato attentamente monitorato dall’Agenzia Spaziale Europea perché l’unità viaggiava con il braccio robotico europeo, il primo braccio robotico che potrà operare nel settore della Stazione Spaziale Internazionale in Russia.

Nauka – che significa “scienza” in russo – sarà utilizzata principalmente per la ricerca e lo stoccaggio di attrezzature di laboratorio. Fornirà inoltre più spazio di archiviazione, nuovi sistemi per reintegrare acqua e ossigeno e migliorerà le condizioni di vita degli astronauti nel settore della Stazione spaziale internazionale russa.

L’unità di laboratorio multiuso Nauka è stata progettata già a metà degli anni ’90, quando avrebbe dovuto fungere da supporto per la console russa Zarya.

In seguito è stato riproposto come modello scientifico, ma si è unito a un gruppo stagnante di progetti spaziali russi che sono caduti vittima di problemi di finanziamento o procedure burocratiche.

Il lancio del Nauka da 20 tonnellate – una delle unità più grandi sulla Stazione Spaziale Internazionale – era previsto per il 2007, ma è stato ripetutamente ritardato a causa di vari problemi.

Mentre il lancio della scorsa settimana ha avuto successo, Nauka ha sperimentato diversi “singhiozzi in orbita” durante il suo viaggio di otto giorni verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) europea. spazio ha detto l’agenzia.

“Non mentiremo… Abbiamo dovuto preoccuparci per i primi tre giorni”, ha detto Rogozin ai giornalisti dopo che Noka ha attraccato l’agenzia di stampa RIA Novosti.

La Nauka sostituisce l’unità di attracco Pirs di lunga data, che è entrata a far parte della Stazione Spaziale Internazionale nel 2001 come aggiunta temporanea, ma è rimasta in servizio per due decenni.

Fai spazio a Noka, Pierce si è staccato dalla Stazione Spaziale Internazionale all’inizio di questa settimana e i bruciatori stanno ancora cadendo nell’Oceano Pacifico.

La Stazione Spaziale Internazionale è stata lanciata nel 1998 e ha coinvolto Russia, Stati Uniti, Canada, Giappone e l’Agenzia Spaziale Europea, ed è una delle poche aziende russe rimaste a cooperare con l’Occidente.

Ad aprile, la Russia ha dichiarato che stava valutando la possibilità di ritirarsi dal programma della Stazione Spaziale Internazionale a causa dell’invecchiamento delle infrastrutture e ha pianificato di lanciare il primo modulo centrale di una nuova stazione orbitale nel 2025.

La Russia ha annunciato una serie di progetti negli ultimi anni, tra cui una missione su Venere e una stazione sulla Luna, ma con il Cremlino che dirotta i finanziamenti a progetti militari, gli analisti mettono in dubbio la fattibilità di tali ambizioni.

Con Agence France-Presse e Reuters

READ  I paesi con bassi tassi di vaccinazione stanno assistendo a un calo dei casi di COVID, ma gli esperti avvertono che potrebbe non continuare
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’ex star di GCU Alessandro Lever torna a casa per iniziare la sua carriera
Next Post Dish aggiunge HBO Max e ora presenterà HBO e Cinemax