L’inalazione di mentolo può migliorare le capacità cognitive nella malattia di Alzheimer

riepilogo: I ricercatori riferiscono che l’inalazione di mentolo può migliorare le capacità cognitive nei modelli animali della malattia di Alzheimer.

L’esposizione breve e frequente al mentolo può modulare il sistema immunitario e prevenire il declino cognitivo che si verifica comunemente nella malattia di Alzheimer.

I ricercatori hanno scoperto che annusare il mentolo riduce il livello di interleuchina-1 beta (IL-1b), una proteina importante per la risposta infiammatoria. Inibendo questa proteina con un farmaco specifico, anche le capacità cognitive sono state migliorate nei modelli di ratto.

Questa ricerca suggerisce che le terapie basate sulla stimolazione del sistema olfattivo possono combattere il morbo di Alzheimer e altre malattie del sistema nervoso centrale.

Aspetti principali:

  1. I ricercatori hanno scoperto che l’inalazione di mentolo migliora le capacità cognitive nei modelli animali del morbo di Alzheimer, il che può prevenire il declino cognitivo tipico della malattia.
  2. Lo studio ha scoperto che annusare il mentolo riduce il livello di interleuchina-1 beta (IL-1b), una proteina che media la risposta infiammatoria. Questa diminuzione dei livelli di IL-1b è stata associata a migliori capacità cognitive sia nei topi sani che in quelli con malattia di Alzheimer.
  3. La ricerca suggerisce il potenziale dell’aromaterapia e degli immunomodulatori come agenti terapeutici nel trattamento del morbo di Alzheimer e di altre condizioni del sistema nervoso centrale, aprendo un nuovo campo per lo sviluppo di terapie basate sulla stimolazione e l’allenamento del sistema olfattivo.

fonte: Università di Navarra

I ricercatori dell’Università Cima di Navarra (Spagna) hanno dimostrato in modelli animali di malattia di Alzheimer che l’inalazione di mentolo migliora le capacità cognitive.

Questo studio ha scoperto che un’esposizione breve e ripetuta a questa sostanza può modulare il sistema immunitario e prevenire il declino cognitivo tipico di questa malattia neurodegenerativa.

Analizzando il suo meccanismo d’azione, hanno notato che quando questo profumo veniva annusato, il livello di interleuchina-1 beta (IL-1b), un’importante proteina che media la risposta infiammatoria, diminuiva.

Inoltre, inibendo questa proteina con un farmaco approvato per il trattamento di alcune malattie autoimmuni, sono stati anche in grado di migliorare le capacità cognitive in questi topi malati.

Questa ricerca evidenzia il potenziale dell’aromaterapia e degli immunomodulatori come agenti terapeutici. Inoltre, apre le porte allo sviluppo di terapie basate sulla stimolazione e l’allenamento del sistema olfattivo per prevenire o mitigare gli effetti del morbo di Alzheimer e di altre malattie del sistema nervoso centrale.

Frontiere in Immunologia I risultati di questo studio sono stati pubblicati nel suo ultimo numero.

Il cervello, l’olfatto e la connessione del sistema immunitario

L’omeostasi funzionale del cervello dipende da complesse interazioni tra diversi tipi di neuroni, cellule immunitarie e cellule staminali neurali. In questa complessa rete di interazioni, molti studi hanno affrontato gli effetti immunomodulatori e neuroprotettivi dell’odore.

Anche altri lavori precedenti hanno mostrato una relazione tra la perdita dell’olfatto e l’insorgenza dei primi sintomi della malattia di Alzheimer.

Ci siamo concentrati sul ruolo del sistema olfattivo nel sistema immunitario e nel sistema nervoso centrale e abbiamo confermato che il mentolo è un odorante immunostimolante nei modelli animali.

“Ma sorprendentemente, abbiamo osservato che una breve esposizione a questa sostanza per sei mesi ha impedito il declino cognitivo nei topi con MA e, cosa più interessante, ha anche migliorato la capacità cognitiva dei topi giovani e sani”, afferma il dott. Juan Jose Lazarte.

Un’altra scoperta osservata dai ricercatori è stata che “il blocco dell’attività delle cellule T regolatorie, un tipo di cellula immunitaria con attività immunosoppressiva, ha anche migliorato l’abilità cognitiva dei topi con malattia di Alzheimer e ha anche causato un chiaro beneficio nell’abilità cognitiva di giovani topi sani”. ”, spiega. Dott.ssa Ana García Aosta.

Sia l’esposizione al mentolo che il blocco delle cellule Treg hanno causato una diminuzione dell’IL-1b, una proteina che potrebbe essere alla base del declino cognitivo osservato in questi modelli. Inoltre, il blocco specifico di questa proteina con un farmaco utilizzato nel trattamento di alcune malattie autoimmuni ha anche migliorato la capacità cognitiva di topi sani e topi con malattia di Alzheimer.

“Questo studio è un passo importante verso la comprensione della relazione tra il sistema immunitario, il sistema nervoso centrale e l’odore, poiché i risultati suggeriscono che gli odori e gli immunomodulatori possono svolgere un ruolo importante nella prevenzione e nel trattamento dell’Alzheimer”. e altre malattie legate al sistema nervoso centrale”, osserva la dottoressa Noelia Casares.

Finanziamento: Il governo della Navarra e il Ministero dell’Economia e della Competitività hanno finanziato questo lavoro. Fa parte dell’Instituto de Investigación Santiaria de Navarra (IdiSNA). Fa anche parte del progetto INNOLFACT, un consorzio multicentrico coordinato dal Dr. Enrique Santamaría, ricercatore presso Navarabiomed.

Questo consorzio mira a studiare la funzione olfattiva nell’invecchiamento ea sviluppare nuove terapie immunomodulatorie per rallentare la progressione delle malattie neurodegenerative.

A proposito di questa ricerca di notizie sulla malattia di Alzheimer

autore: Miriam Salcedo
fonte: Università di Navarra
comunicazione: Miriam Salcedo – Università di Navarra
immagine: Immagine accreditata a Neuroscience News

Ricerca originale: accesso libero.
Miglioramento della funzione cognitiva nei modelli murini wild-type e di Alzheimer grazie alle proprietà immunomodulatorie dell’inalazione di mentolo o mediante deplezione delle cellule T regolatorieScritto da Noelia Casares, et al. Frontiere in Immunologia


un sommario

Miglioramento della funzione cognitiva nei modelli murini wild-type e di Alzheimer grazie alle proprietà immunomodulatorie dell’inalazione di mentolo o mediante deplezione delle cellule T regolatorie

Esiste una complessa rete di interazioni tra il sistema nervoso olfattivo, il sistema immunitario e il sistema nervoso centrale. In questo lavoro, intendiamo indagare questa associazione attraverso l’uso di un aroma immunostimolante come il mentolo, e analizzare il suo effetto sul sistema immunitario e sulle capacità cognitive in modelli murini sani della malattia di Alzheimer.

Per prima cosa abbiamo scoperto che una breve esposizione ripetuta a un odore di mentolo migliorava la risposta immunitaria contro l’ovale dell’immunizzazione. L’inalazione di mentolo ha anche migliorato la capacità cognitiva dei topi immunocompetenti, ma non nei topi NSG immunocompetenti, che hanno mostrato un condizionamento alla paura molto scarso.

Questo miglioramento era correlato a una sottoregolazione dell’mRNA di IL-1β e IL-6 nella corteccia prefrontale del cervello ed era influenzato dall’induzione dell’anosmia con il metimazolo.

L’esposizione al mentolo per 6 mesi (1 settimana al mese) ha impedito il deterioramento cognitivo osservato nel modello murino APP/PS1 della malattia di Alzheimer. Inoltre, questo miglioramento è stato osservato anche dall’esaurimento o dall’inibizione delle cellule T regolatorie.

L’esaurimento di Treg ha anche migliorato la capacità cognitiva dell’APPNL-GF / NL-GF Modello murino di malattia di Alzheimer. In tutti i casi, il miglioramento della capacità di apprendimento è stato associato alla downregulation dell’mRNA di IL-1β. Il blocco del recettore IL-1 con anakinra ha aumentato significativamente la capacità cognitiva nei topi sani così come nel modello APP/PS1 della malattia di Alzheimer.

Questi dati indicano un’associazione tra la capacità degli odori di modulare l’immunità e il suo effetto sulle funzioni cognitive degli animali, evidenziando il potenziale degli odori e degli immunomodulatori come agenti terapeutici per le malattie associate al sistema nervoso centrale.

READ  La NASA paga 2,9 miliardi di dollari da SpaceX per Elon Musk per portare gli astronauti sulla superficie della Luna: NPR

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *