L’ex presidente afghano Ghani afferma che la pagina Facebook è stata hackerata dopo le chiamate per riconoscere i talebani | notizie dal mondo

  • L’ex presidente afghano, fuggito da Kabul il 15 agosto, ha scritto su Twitter che da ieri la sua pagina Facebook ufficiale è stata hackerata.

di hindustantimes.com | di Kunal GauravHindustan Times, Nuova Delhi

Inserito il 27 settembre 2021 alle 16:05 IST

L’ex presidente afghano Ashraf Ghani ha dichiarato lunedì che il suo account Facebook è stato violato dopo che dalla sua pagina è stata segnalata una chiamata per riconoscere i talebani. Il post di Facebook dall’account di Ghani ha anche esortato la comunità internazionale ad aiutare il movimento del gruppo sunnita pashtun e sbloccare i beni afghani, secondo le agenzie di stampa.

L’ex presidente afghano, fuggito da Kabul il 15 agosto, ha scritto su Twitter che la sua pagina Facebook ufficiale è stata hackerata da ieri e che qualsiasi contenuto pubblicato successivamente non è valido fino a quando l’account non viene recuperato.

La pagina ufficiale del Dr. Muhammad Ashraf Ghani su Facebook è stata hackerata. Fino a quando non verrà ripristinata, i contenuti pubblicati da ieri in poi sulla pagina Facebook non sono più validi.

Da allora il post di Facebook è stato eliminato e il contenuto non può essere verificato in modo indipendente.

Ghani è fuggito negli Emirati Arabi Uniti dopo che i talebani hanno assediato Kabul il mese scorso. Sebbene i fondamentalisti islamici non chiedano l’estradizione di Ghani, il gruppo ha accusato l’ex presidente di aver portato con sé quattro auto e un elicottero pieno di contanti, chiedendogli di restituirli al governo talebano. Ghani ha categoricamente negato le accuse.

Leggi anche | Ashraf Ghani è fuggito dall’Afghanistan con quattro elicotteri carichi di denaro: rapporto

READ  L'ex diplomatico Nikki Haley: la Cina sta cercando di "prendere il controllo" della base aerea di Bagram in Afghanistan Notizie dal mondo

In una dichiarazione rilasciata l’8 settembre, Ghani ha affermato che lui e sua moglie erano stati “meticolosi” nelle loro finanze personali e avevano dichiarato tutti i beni. Ha inoltre affermato che anche l’eredità della famiglia di sua moglie è stata rivelata ed è ancora elencata nel suo paese d’origine, il Libano.

“Accogliamo con favore una revisione formale o un’indagine finanziaria sotto gli auspici delle Nazioni Unite o di un altro organismo indipendente appropriato per corroborare le mie dichiarazioni qui. I miei stretti collaboratori sono pronti a presentare le loro risorse finanziarie per una revisione pubblica e incoraggerei ed esorto altri ex senior funzionari e personaggi politici a fare lo stesso”, afferma la nota.

Nel frattempo, i talebani attendono il riconoscimento dall’Occidente e da altri paesi della regione. Ma la comunità internazionale segue una politica attendista e osserva le azioni dei militanti islamisti in materia di diritti umani, in particolare donne e ragazze.

Vicino

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post I partiti più piccoli decideranno chi guiderà il prossimo governo: NPR
Next Post Lo studio dimostra una forte conservazione dei qubit nelle molecole polari ultrafredde