L’ex famiglia reale italiana rivuole indietro i gioielli della corona

Scritto da Nicola Ruotolo, Sana Noor Haq, Livia BorgheseJeevan Ravindran, CNN

L’ex famiglia reale italiana ha chiesto alla banca centrale del Paese di restituire i gioielli della corona, ha confermato alla Cnn un avvocato della famiglia.
I gioielli sono stati depositati presso la Banca di Italia da un rappresentante della famiglia il 5 giugno 1946 – tre giorni dopo che gli italiani avevano votato in un referendum per rimuovere la monarchia – da tenere a disposizione di “chi ha diritto”. La famiglia ora sostiene di avere il diritto alla proprietà.

Emanuele Filiberto di Casa Savoia, nella foto durante un corteo a Roma il 21 gennaio 2018 Credito: Stefano Montesi/Corbis/Getty Images

Il nipote dell’ex re Umberto II, Emanuele Filiberto di Casa Savoia, martedì ha rappresentato la famiglia in una sessione di mediazione, dove ha chiesto alla banca di restituire i gioielli della corona, ha detto giovedì alla Galileus Web l’avvocato della famiglia, Sergio Orlandi.

Mentre erano presenti rappresentanti della Banca d’Italia, non erano presenti la Presidenza del Consiglio e il Ministero dell’Economia e delle Finanze, secondo Orlandi.

Invece, ha detto, hanno inviato una lettera in cui lo spiegavano Disposizione XIII della costituzione italiana, che impone la confisca dei beni della famiglia reale, i gioielli e tutti gli altri beni dell’ex famiglia reale appartengono allo Stato.
Re Umberto II d'Italia (1904-1983), 1940 circa

Re Umberto II d’Italia (1904-1983), 1940 circa Credito: Agenzia fotografica generale/Getty Images

La disposizione prevede inoltre che “i trasferimenti e l’istituzione di diritti reali su detti beni avvenuti dopo il 2 giugno 1946 sono nulli”.

In un comunicato pervenuto giovedì alla Cnn, l’ufficio stampa del Presidente del Consiglio ha affermato che la richiesta della famiglia è “infondata, trattandosi di beni costituenti la “dotazione della Corona del Regno d’Italia” e non di beni personali di Casa Savoia. “

READ  Neos collega la Lituania con i Caraibi utilizzando un Boeing 787 - Versione inglese

Ha confermato che la “natura infondata della richiesta di pretesa degli eredi dell’ex re” era radicata nella disposizione XIII.

Il sentimento repubblicano è cresciuto in Italia sulla scia della seconda guerra mondiale, secondo gli Stati Uniti Museo Nazionale della Seconda Guerra Mondiale.
Il re Vittorio Emanuele III ha sostenuto il leader fascista Benito Mussolini e la sua inazione è stata vista come la ragione del fascismo e dell’instabilità politica del paese.
La proclamazione della Repubblica Italiana, approvata dal referendum del 2 giugno 1946, viene annunciata sui giornali italiani.

La proclamazione della Repubblica Italiana, approvata dal referendum del 2 giugno 1946, viene annunciata sui giornali italiani. Credito: Keystone-Francia/Gamma-Keystone tramite Getty Images

Il governo italiano decise di indire un referendum sul futuro della monarchia nel 1946. Tre settimane prima del voto, Vittorio Emanuele abdicò e fu sostituito dal figlio, re Umberto II.

Ma il regno di Umberto durò solo 34 giorni, con il 52% del paese che votò per una repubblica il 2 giugno 1946.

A seguito del referendum, tutti i membri maschi di Casa Savoia furono esiliati dall’Italia.

Orlandi ha detto alla CNN che se la banca non restituisce i gioielli entro 10 giorni, presenterà un mandato di comparizione per la loro restituzione, sulla base del fatto che i gioielli non sono mai stati sequestrati, quindi gli eredi hanno il diritto di reclamarli.

Tuttavia, l’ufficio relazioni con i media della Banca d’Italia ha affermato che la banca è il “semplice custode” dei gioielli, che sono conservati in una “busta chiusa e sigillata, e (essa) non può di essi senza il coordinamento con le istituzioni della Repubblica coinvolte. ”

Sia Orlandi che la banca centrale hanno affermato di non essere in grado di dare un valore ai gioielli della corona.

READ  Il Kenya ha ottenuto un prestito di 16 miliardi di Ksh alle dighe di Arror e Kimwarer durante le indagini sulle frodi

La banca ha detto che gli oggetti in deposito non erano mai stati valutati.

Orlandi ha detto venerdì alla Galileus Web che “secondo l’inventario, ci sono 6.732 diamanti e oltre 2.000 perle, montati su diademi, collane, orecchini, bracciali, anelli e spille”, aggiungendo che i gioielli erano “inestimabili”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Paris e Kathy Hilton vengono soffocate per l’abuso in collegio durante lo spettacolo di Drew Barrymore
Next Post Murray contrasta l’arrivo di Spurs Terozan, battendo i Bulls 131-122