L’Europa ha riaperto ma i malati di virus continuano a travolgere le équipe di terapia intensiva

Coccolando profondamente la testa di un paziente COVID-19 drogato come un prezioso gioiello tra le mani, il dottor Alexei Tran Deane ha guidato le sue infermiere di terapia intensiva attraverso il delicato processo di rotolare una donna dallo stomaco alla schiena, guidando la squadra come una danza istruttore.

Hanno agito solo secondo il conteggio di Tran Dinh, all’unisono e con grande cura, perché un paziente privo di sensi poteva morire in pochi minuti se il tubo di respirazione fosse stato accidentalmente rotto dalla sua bocca.

Il dottore ha detto: “Uno, due, tre – di lato”.
Ben presto ha seguito il suo comando successivo: “nella parte posteriore”.
“Perfetto”, ha concluso quando la mossa è stata fatta.

Tirando tre infermiere e un corpulento assistente sanitario da un altro dipartimento dell’ospedale di Parigi, la catena coordinata di azioni era solo uno delle migliaia di interventi medici – grandi e piccoli, umani, meccanici e farmaceutici – che hanno mantenuto la cameriera in pensione di 64 anni sulla soglia della vita, mentre lottava per curare i suoi polmoni malati.

È stato solo uno dei quasi 6.000 pazienti in condizioni critiche ancora nelle unità di terapia intensiva francesi questa settimana mentre il paese ha intrapreso un rischioso processo di mitigazione cauta del suo recente blocco, prematuramente per alcuni operatori ospedalieri in prima linea.

La decisione del presidente francese Emmanuel Macron di riaprire le scuole primarie lunedì e consentire alle persone di spostarsi di nuovo più liberamente a maggio – sebbene i numeri di terapia intensiva siano rimasti più alti che in qualsiasi momento dal primo disastroso aumento dell’epidemia – segna un allontanamento dall’assegnazione di priorità agli ospedali che Si svolge in più capitali europee.

READ  Fonti affermano che l'Italia esclusiva rischia di saltare la scadenza del piano di ripresa a causa delle preoccupazioni dell'UE

In Francia, Grecia e altrove, l’indice si sta muovendo verso altri imperativi economici, sociali ed educativi. I governi stanno utilizzando enormi vaccini per sostenere gli argomenti per allentare le restrizioni, anche se solo un quarto degli adulti in Europa ha ricevuto la prima dose.

Con record elevati per i pazienti COVID-19 in terapia intensiva, la Grecia ha annunciato la riapertura dell’industria del turismo da metà maggio. Il primo ministro spagnolo ha detto che lo stato di emergenza che ha consentito il coprifuoco e il divieto di viaggio non sarà esteso quando scadrà il 9 maggio, in parte perché i vaccini consentono un allentamento sicuro delle restrizioni. Ciò nonostante più di 2.200 pazienti COVID-19 in condizioni critiche che occupano ancora un quinto dei letti di terapia intensiva in Spagna.

A partire da lunedì, nelle aree a basso rischio, le scuole italiane possono riaprire i battenti per l’apprendimento personale a tempo pieno e ristoranti e bar possono offrire posti a sedere all’aperto. I Paesi Bassi mettono fine al coprifuoco notturno e riaprono le terrazze all’aperto di bar e caffè per la prima volta da metà ottobre, anche se gli ospedali hanno ridotto le cure non urgenti per aumentare i letti di terapia intensiva per i pazienti COVID-19.

In Francia, il primo ministro Jean Castex ha affermato che il recente aumento del numero di infezioni che avevano spinto il bilancio delle vittime associato a COVID-19 a più di 100.000 persone stava iniziando a rallentare, consentendo a tutte le scuole di riaprire e le restrizioni sui viaggi diurni in scadenza a partire da maggio 3. Castex ha anche sollevato la possibilità di riaprire negozi e servizi esterni in ristoranti e caffè chiusi da ottobre a metà maggio. “Sembra che il picco della terza ondata sia passato dalle nostre spalle”, ha detto Castex giovedì. “La pressione dell’epidemia è in aumento”.

READ  L'Unione Europea potrebbe risentire della crisi della "Covid economica protratta" che colpisce Italia e Grecia | Il mondo | notizia

Non è così che si sente Nadia Boudra, infermiera di terapia intensiva all’ospedale Bichat di Parigi. Il suo turno di 12 ore è iniziato giovedì con lo spiacevole compito di sigillare il corpo di un uomo di 69 anni morto durante la notte con il virus COVID-19 in un sacco per cadaveri, poche ore prima che sua figlia arrivasse dal Canada con la speranza di vedere lui vivo.

“Abbiamo il naso dentro. Vediamo cosa sta succedendo e vediamo le persone morire – molto”, ha detto. Per lei, le scuole che hanno riaperto e forse mangiano e bevono all’aperto a maggio sono “troppo presto” – il messaggio fuorviante che “le cose stanno migliorando”.
Ha detto: “Chiaramente non è così”.

Dopo che il corpo dell’uomo è stato inviato all’obitorio dell’ospedale, Powder si è preso cura della cameriera in pensione malata in condizioni critiche, ed è ora l’unica preoccupazione della terapia intensiva temporanea allestita per i pazienti COVID-19 in quella che una volta era una sala operatoria. La cura, l’esperienza e la tecnologia pompate per preservare questa donna hanno fornito uno sguardo a livello micro sui grandi sforzi nazionali – umani, medici e finanziari – che la Francia e altre nazioni continuano a spendere in unità di terapia intensiva mentre le persone sane ora pianificano di spendere le loro vacanze bevendo con gli amici.

Mentre la donna era incosciente, 5.980 pazienti critici sono rimasti in vita con dedizione umana e meccanica 24 ore su 24 in altre unità di terapia intensiva in tutta la Francia. Ha fornito sedativi, analgesici e farmaci con una flebo automatizzata per prevenire coaguli di sangue fatali e perdite dalle vene della donna. L’ossigeno arricchito viene pompato prima nell’acqua per riscaldarla e idratarla e viene pompato meccanicamente nei suoi polmoni.

READ  Capri, l'isola blu d'Italia, sta emergendo dalla pandemia del blues

Il team di terapia intensiva ha ricevuto anche una chiamata dalla figlia della donna, che chiamava mattina e sera per avere notizie. La situazione era brutta giovedì mattina: Tran Dean ha detto a sua figlia che il respiro di sua madre era peggiorato. “Se rimuovi le macchine, moriranno in pochi minuti, forse meno”, ha detto il medico. “Non c’è spazio per errori.”

Ma questo paziente non era nemmeno il più fragile. Un polmone artificiale, l’ultima risorsa per i pazienti i cui polmoni erano stati devastati dalla malattia, stava mantenendo in vita un uomo di 53 anni. Questo trattamento è costoso e richiede molte risorse ed è destinato a pazienti che si ritiene siano abbastanza forti da avere una possibilità di sopravvivenza. Il dottor Philippe Montravers, che dirige il reparto di terapia intensiva chirurgica a Bichat, che è gestito dall’autorità ospedaliera di Parigi, AP-HP, ha detto che circa il 50% stava ancora morendo.

La sua unità contiene quattro macchine ECMO, tutte utilizzate per i pazienti COVID-19. Montravers ha detto che l’uomo è in contatto con lui da più di un mese, ma “non sta migliorando affatto”. “Questa macchina fa guadagnare solo tempo”, ha detto. “È un salvagente, niente di più.”

L’infermiera Leah Jordan ha detto che prendersi cura di una persona molto vulnerabile è stanco sia fisicamente che mentalmente. Ha detto: “Devi stare attento a tutto, tutti i tubi, e non strappare nulla quando lo giri”. “È difficile vedere gli aspetti positivi e dire a te stesso:” Sopravviverà “.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post I casi di coronavirus nel Michigan raggiungono gli 819.320; Il bilancio delle vittime è ora arrivato a 17.289
Next Post Il Pakistan offre aiuti all’India in mezzo all’epidemia di coronavirus, il ministro degli esteri afferma che “crediamo prima nell’umanità”