L’euro può sopravvivere? – Critica progressista (Joseph Stiglitz, prima parte)

  • “Nella maggior parte dei paesi europei, il tenore di vita andrà quasi sicuramente bene Cominciare Raggiungere il livello che avrebbero raggiunto se non fosse stato per l’Euro…” – Jos. Stiglitz [emphasis in the original]

Economista Giuseppe Stiglitz (Ovviamente il diritto internazionale ci richiede di dichiarare che è un “economista premio Nobel”) Prendi una posizione forte contro L’euro e la zona euro, che considera un grave fallimento, o peggio, un crimine contro il popolo. In effetti, eccolo qui, diversi anni prima della Brexit, un importante economista di sinistra dell’UE che chiede apertamente lo smantellamento dell’unione monetaria (a meno che l’UE non si unisca alle sue ampie e politicamente improbabili prescrizioni).

Nel suo influente libro del 2016, il libroe L’euro e la sua minaccia per il futuro dell’EuropaDisponibile in francese, tedesco, italiano, portoghese, rumeno, spagnolo, catalano e coreano (almeno), Stieglitz ha esaminato il triste stato della recente performance economica europea, affermando che “sebbene ci siano molti fattori che contribuiscono al problema, c’è un elemento essenziale Errore: la creazione della moneta unica, l’euro». disastro sulla testa dei cittadini europei, almeno nel “povero sud” (Italia, Spagna, Grecia, Portogallo e forse anche Irlanda), stagnazione per quasi tutti. L’euro difettoso (come dice lui) ha alimentato il contraccolpo della destra in tutto il continente.

Questa è una tesi interessante. Stiglitz è un cavallo guerriero per l’establishment di sinistra nella professione economica (ex capo economista della Banca Mondiale e presidente del Council of Economic Advisers di Bill Clinton), rendendo sorprendente la sua posizione (per inaspettata negatività nei confronti del progetto europeo – offre persino consigli su “Come uscire dall’euro e prosperare?– Sì, Brexit prima del messaggio) – e Non sorprende (per la sua ostilità verso i banchieri e il settore privato in generale). In realtà è abbastanza disposto a vedere l’euro da una prospettiva politica cospirativa:

  • “Forse c’era un’agenda politica: abbattere i governi di sinistra, educare gli elettori sulle conseguenze dell’elezione di tali governi e aumentare la probabilità che un’agenda economica e sociale conservatrice prevalesse in Europa”. [p.21]

La sua diagnosi è superficiale e accurata per quanto riguarda, e Normale. Il problema principale, secondo lui, è il concetto stesso di moneta comune: la creazione della zona euro ha rimosso l’opzione della svalutazione dagli strumenti politici dei suoi stati membri. Pertanto, nei “bei vecchi tempi” la Grecia o l’Italia avrebbero potuto compensare squilibri commerciali e altri mali economici (ad esempio, leggi sul lavoro strutturalmente non competitive) consentendo la svalutazione della valuta, migliorando la competitività globale e stimolando le esportazioni Restrizione delle importazioni – è così che paesi come il Giappone e la Cina hanno recentemente scalato la scala economica. Ma i “perdenti” in Europa non possono più beneficiare di questo tipo di “fattore stabilizzatore automatico”. Con la politica monetaria e i valori della valuta fissati a livello “federale”, non c’è molto che la Grecia (ad esempio) possa fare – se non “abbassare” la produzione economica reale abbassando i salari e il reddito nazionale – insomma, tornando indietro economicamente, diventa più povero. Il risultato, attribuibile direttamente alla moneta unica (secondo Stiglitz), è stato un rallentamento brutale e persistente nel sud, e un rallentamento nell’eurozona – che documenta in dettaglio.

La perdita del meccanismo di cambio è senza dubbio parte del problema. Tuttavia, la diagnosi è superficiale, nel senso che non è legata alla questione di come sia nata la non competitività greca o italiana in primo luogo. Indica semplicemente la rimozione di uno degli strumenti politici tradizionali per affrontarlo.

Al di là della questione valutaria, Stiglitz incolpa gli errori politici critici (come la vede lui) da quella che chiama la “troika” – riferendosi al Fondo monetario internazionale (Washington, DC), alla Commissione europea (Bruxelles) e alla Banca centrale europea
CPF
(Francoforte). Ma lui vede davvero Germania, E la sua ossessione di controllare l’inflazione imponendo l’austerità “casalinga sveva” Più di chiunque altro come principale forza trainante dietro molti degli scarsi risultati che attacca. Ci ricorda la nota antipatia tedesca per vedere l’Unione Europea come una “unione di transizione” in cui ai paesi ricchi viene chiesto esplicitamente di sostenere i paesi poveri.

Di nuovo, questo è abbastanza vero. Naturalmente, l’opposizione della Germania all’allargamento dell’Unione Europea è una parte importante dell’impasse. Ma lo sapevamo anche noi. Né si può dire che Stiglitz offra una visione della posizione tedesca. Per lui sono solo degli idioti… (o, mi scusi, poveri economisti).

Infatti, se c’è una causa di fondo nel modello Stiglitz della debolezza europea, è il “neoliberismo” o il “fondamentalismo di mercato” – cioè le teorie degli economisti con cui non è d’accordo, che in qualche modo sono riusciti a padroneggiare gli strumenti della politica pubblica e ha rovinato le cose con idee e politiche chiaramente cattive, sbagliate e stupide.

Gli europei sono stati anche accusati di “solidarietà inadeguata” – ma questa idea non è sviluppata (cosa? egli è “Solidarietà” esattamente, in questo contesto?) Riceve molta meno attenzione nel suo libro rispetto alle clamorose critiche contro i tedeschi, gli economisti Friedman e i banchieri.

E il modello americano? (tra l’altro)

Ciò che manca a questa analisi è una spiegazione significativa del perché Questo è incredibile L’unione monetaria non funziona. Un chiaro controesempio sono gli Stati Uniti, dove la moneta unica funziona bene, dove l’unione dei trasferimenti funziona facilmente e automaticamente, senza che nessuno ci pensi, e dove nonostante la lunga storia di tensioni tra politica federale e statale – i “diritti degli Stati “argomentazione in tutte le sue manifestazioni, dal Decimo Emendamento alle attuali polemiche sulle procedure di voto ad Atlanta (ad esempio) – nonostante In quella data, gli Stati Uniti hanno avanzato quasi tutte le proposte positive che Stiglitz vorrebbe che gli europei adottassero, tra cui

  • “Unione bancaria” – con cui Stiglitz intende (1) un quadro normativo comune per il settore bancario, (2) Federal Deposit Insurance e (3) procedure a livello federale per trattare con le banche in difficoltà, che chiama una “decisione comune”. “
  • Programmi di pagamento o trasferimento di welfare a livello federale (come la previdenza sociale o buoni alimentari)
  • banca centrale con a Doppio Mandato, per bilanciare le politiche volte al controllo dell’inflazione e quelle incentrate sulla promozione della piena occupazione
  • Corporate governance più forte
  • Politiche di immigrazione più liberali, attuate a livello federale…

e così via e così via. Il punto è che nel sistema federale il dollaro funziona. Ma la questione di come gli Stati Uniti siano riusciti a “passare” – psicologicamente e culturalmente – a un modus operandi federale di successo ea una moneta comune non è molto sviluppata nell’analisi di Stiglitz. Riconosce che l’eurozona è “molto al di sotto del grado di integrazione economica e politica che caratterizza gli Stati Uniti” e ammira la solidarietà regionale americana (“non c’è distinzione tra un cittadino californiano e un “immigrato” del South Dakota”) – ma come al perché, e cosa deve fare in Europa, le sue risposte sono le rassicuranti raccomandazioni tradizionali della sinistra: tasse più alte, regolamentazione “migliore”, più governo. L’economista più intelligente. (come lui.)

L’American Transportation Federation è fantastica. Io consiglio.

Gli stati rossi sono la Germania americana – i sostenitori – e gli stati verdi sono gli italiani ei greci, che ricevono i sussidi. Il sistema funziona, senza alcuna reale ansia politica o culturale, quasi (potremmo dire) quasi invisibile.

Mappa simile delle 23 province, 5 regioni autonome e 4 comuni in Cina Cambiamenti simili emergeranno dalle regioni più ricche a quelle più povere.

In realtà ci sono molti esempi storici di unioni valutarie di successo. Germania stesso uno. Prima dell’unificazione nel 1871, non esisteva una moneta comune.

  • “La Confederazione tedesca, fondata nel 1815, non aveva una moneta unica. La Confederazione era composta da circa 35 principati e città, ognuno dei quali emetteva le proprie monete”.

Italia, prima della sua unificazione, aveva anche molte valute diverse emesse da diversi stati fissi (Napoli, Firenze, Stato Pontificio…) – che furono denominate in lire nel 1861.

Canada Ha attraversato il processo di “fusione” delle valute francesi, britanniche e americane per creare il dollaro canadese.

In tutti questi casi, le unioni monetarie hanno dovuto adattarsi a importanti differenze di lingua, cultura e governo locale. La “solidarietà” non era una precondizione presunta (e in alcuni casi potrebbe ancora essere carente, ad es. Italia e Canada).

Stiglitz si sbaglia

La premessa principale di Stiglitz è che l’euro – la moneta comune – è responsabile dei problemi dell’Europa. Ma questo non può essere il caso. È chiaro che le unioni monetarie che funzionano bene, in grandi paesi che includono diverse giurisdizioni locali, esistono e funzionano bene. Nell’UE, lo squilibrio commerciale e la perdita dei tassi di cambio regolabili sarebbero insignificanti con un sistema federale più completo. (Chi si preoccupa della bilancia commerciale tra New York e Michigan?)

La differenza tra un’unione monetaria riuscita e una fallita non riguarda la meccanica monetaria. cade dentro Finanza Gli accordi – tasse a livello federale, accordi di welfare a livello federale, regolamenti bancari a livello federale, ecc. – non sono nel sistema monetario di per sé.

L’argomento di Stiglitz secondo cui i mali economici dell’eurozona sono causati dall’euro è fuorviante. Il “fallimento” dell’Unione Europea (finora) nel raggiungere gli obiettivi del progetto europeo è dovuto alla riluttanza ad adottare”momento hamiltonianoFederazione più solida, in particolare un’integrazione fiscale più completa.

READ  Entra in vigore il bando di Venezia alle navi da crociera, tra reazioni contrastanti
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il produttore di “GMA” ha detto che è stata aggredita sessualmente dal suo ex capo e che la ABC “ha guardato dall’altra parte”
Next Post Aurola Fire in Calvary County: sfratti, mappe, aggiornamenti