L’equazione di Albert Einstein è stata utilizzata 100 anni dopo che la materia è stata creata dalla luce per la prima volta al mondo | scienza | Notizia

La famosa equazione di Einstein E = mc2 è stata pubblicata per la prima volta il 21 novembre 1905 e ha avuto origine dalla sua teoria della relatività ristretta. Afferma che se schiacci due fotoni sufficientemente energetici, o particelle di luce, l’uno nell’altro, dovresti essere in grado di formare materia sotto forma di un elettrone e la sua antimateria corrispondente, il positrone. Ed è stato a lungo dimostrato difficile da notare, anche ora, secondo i risultati pubblicati nel Journal of Physical Review Letters.

I fisici del Brookhaven National Laboratory di New York affermano di aver creato per la prima volta materia dalla pura luce.

Utilizzando il Relative Heavy Ion Collider (RHIC) del laboratorio, sono stati in grado di produrre misurazioni che corrispondono strettamente alle previsioni per la strana azione di trasformazione.

Lo hanno fatto adottando un approccio alternativo alla loro esperienza.

Invece di accelerare direttamente i fotoni, i ricercatori hanno “accelerato gli ioni pesanti” in un grande anello, prima di inviarli l’uno sull’altro in una collisione ravvicinata.

Poiché gli ioni sono particelle cariche che si muovono a una velocità molto vicina a quella della luce, portano con sé anche un campo elettromagnetico, all’interno del quale è presente un gruppo di fotoni “virtuali”.

Queste sono particelle che appaiono solo brevemente come perturbazioni nei campi tra le particelle reali.

Nel loro esperimento, quando gli ioni accelerarono insieme, crearono una vera coppia elettrone-positrone che gli scienziati osservarono.

Per verificare il comportamento dei fotoni virtuali, i fisici hanno scoperto e analizzato gli angoli tra più di 6.000 coppie elettrone-positrone generate dal loro esperimento.

Per saperne di più: il Regno Unito perderà i telefoni fissi in un cambiamento digitale che solleva preoccupazioni per gli anziani e i vulnerabili

READ  Il Georgia Aquarium afferma che le lontre sono risultate positive al COVID-19

Quando due particelle reali si scontrano, i sottoprodotti devono essere prodotti ad angoli diversi rispetto a quelli che sarebbero stati prodotti da due particelle ipotetiche.

Ma in questo esperimento, i sottoprodotti delle particelle virtuali sono rimbalzati agli stessi angoli dei sottoprodotti delle particelle reali.

Ciò significa che i ricercatori hanno potuto verificare che le particelle che stavano vedendo si comportano come se fossero il risultato di una reale interazione.

“È coerente con i calcoli teorici di ciò che accadrebbe ai fotoni reali”, ha affermato Daniel Brandenburg, un fisico di Brookhaven.

Nel 1905, un anno a volte descritto come il suo “anno magnifico”, Einstein pubblicò quattro documenti di ricerca innovativi.

Hanno delineato la teoria dell’effetto fotoelettrico, spiegato il moto browniano, introdotto la relatività speciale e dimostrato l’equivalenza massa-energia.

L’equivalenza di massa ed energia è nata dalla relatività speciale come un paradosso descritto dall’erudito francese Henri Poincaré.

Einstein fu il primo a proporre l’equivalenza di massa ed energia come principio generale e conseguenza delle simmetrie di spazio e tempo.

Il famoso fisico tedesco morì nel 1955 all’età di 76 anni, ma la sua eredità sopravvive.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Programma del martedì, risultati del lunedì nel Western e nel Southern Open
Next Post Margaret Qualley si gode un giro pieno di PDA con Jack Antonoff a New York City