L’epidemia ha causato un baby bust, non un boom

Quando la pandemia di COVID ha portato a diffusi arresti economici e ordini di soggiorno a casa nella primavera del 2020, molti media e critici hanno ipotizzato che ciò potesse portare a un baby boom. Un nuovo studio mostra che è successo il contrario: i tassi di natalità sono diminuiti in molti paesi ad alto reddito durante la crisi.

Arnstein Aassve, professore di scienze sociali e politiche all’Università Bocconi in Italia, e colleghi hanno studiato i tassi di natalità in 22 paesi ad alto reddito, inclusi gli Stati Uniti, dal 2016 all’inizio del 2021. Hanno scoperto che sette di questi paesi avevano Bassi tassi di natalità Negli ultimi mesi del 2020 e nei primi mesi del 2021, rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti. Ungheria, Italia, Spagna e Portogallo hanno visto alcuni dei maggiori cali: tagli rispettivamente dell’8,5, 9,1, 8,4 e 6,6 per cento. Gli Stati Uniti hanno visto un calo del 3,8%, ma non è stato statisticamente significativo, forse perché gli effetti della pandemia erano più diffusi nel paese e perché lo studio aveva solo dati statunitensi a partire da dicembre 2020, afferma Asfi. I risultati sono stati pubblicati lunedì in Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America.

Tassi di natalità fluttuare stagionalmente Nel giro di un anno, molti dei paesi studiati avevano visto diminuire i tassi per anni prima della pandemia. Ma i cali iniziati nove mesi dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato l’emergenza sanitaria pubblica il 30 gennaio 2020 sono stati più pronunciati. “Siamo molto fiduciosi che l’impatto su questi paesi sia reale”, afferma Asfi. “Anche se possono avere una moderata tendenza al ribasso [before]Siamo certi del fatto che la pandemia abbia avuto un impatto”.

READ  Claudio Lotti si dimette da Presidente del Salone del Mobile
credito: Amanda Montanez; Risorse: Database sulla fertilità umana, Istituto Max Planck per la ricerca demografica e Istituto demografico di Vienna (Dati di nascita); Prospettive della popolazione mondiale: revisione del 2019, Nazioni Unite (dati sulla popolazione)

Aassve ipotizza che l’incertezza associata a una pandemia globale e ai suoi effetti sulle condizioni economiche delle famiglie siano le cause più probabili di queste tendenze. “Le persone non capiscono davvero cosa sia la malattia: è qualcosa di nuovo per loro… Molte persone vedranno le loro prospettive di lavoro come peggiori, il che è importante per il loro reddito”, dice. “Puoi non rinunciare del tutto alla gravidanza, ma almeno puoi rimandarla finché non vedrai che i tempi sono un po’ migliori.”

I risultati non sorprendono molti demografi, che hanno notato cali simili dopo eventi catastrofici come la crisi finanziaria del 2008 e la pandemia di influenza del 1918. Ma sono comunque degni di nota.

“Certamente ci aspettavamo che ci sarebbe stato un calo dei tassi di natalità a causa di [COVID] “È una pandemia a causa della storia dei disastri in generale”, afferma Philip Cohen, professore di sociologia all’Università del Maryland, che non è stato coinvolto nello studio. “Non era chiaro come sarebbe stato implementato, quindi è davvero interessante ottenere questi risultati ora”.

La ricerca di Cohen, descritta in un recente studio preprint che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, ha dimostrato che Florida e Ohio hanno registrato un calo del tasso di natalità durante la pandemia. Ha riscontrato forti cali nelle contee con un numero più elevato di casi COVID e livelli più bassi di pendolarismo. Cohen nota che il file PNAS Lo studio include dati statunitensi fino a dicembre 2020 e che i numeri più recenti mostrano un calo ancora maggiore.

Resta da vedere se i paesi ad alto reddito vedranno una significativa ripresa dei tassi di natalità nei prossimi mesi e anni. I primi dati suggeriscono un rimbalzo delle nascite da gravidanze a partire da giugno 2020, dopo la prima ondata di infezioni da COVID nei paesi duramente colpiti nella primavera del 2020. Ma le ondate successive potrebbero aver causato ulteriori ritardi nella gravidanza.

READ  John Huber, il mio predecessore come corrispondente e mentore di Roma | Media

Asfi afferma che gli effetti a lungo termine delle persone che hanno meno figli durante la pandemia sono oggetto di speculazione. Questo fenomeno potrebbe portare a un boom economico come gli anni ’20 che seguirono la pandemia di influenza del 1918. Oppure potrebbe portare a una ripresa a due livelli in cui alcune famiglie duramente colpite dalla pandemia di COVID e dai suoi effetti economici potrebbero avere meno probabilità di avere figli, mentre altri che erano meno Le persone colpite o addirittura beneficiate potrebbero avere maggiori probabilità di farlo. . Una terza possibilità è che i cali equivalgano a un’inversione demografica, con un impatto poco evidente sulla popolazione nel suo insieme.

Alcuni paesi nel nuovo studio, tra cui diversi Scandinavia, Svizzera e Corea del Sud, hanno visto tendenze leggermente positive nei tassi di natalità, ma non erano statisticamente significative. Sebbene sia troppo presto per interpretare questi dati, si può ipotizzare che reti di sicurezza sociale più forti possano aver compensato alcune delle incertezze associate all’avere figli durante la pandemia.

I ricercatori hanno incluso solo i paesi ad alto reddito nella loro analisi a causa della qualità dei dati disponibili. I paesi più ricchi hanno anche maggiori probabilità di avere accesso alla contraccezione e le donne in essi hanno maggiori probabilità di avere maggiori opportunità e libertà d’azione.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Queste nuove foto dei nipoti in crescita di Jackie Kennedy dimostrano che Rose è la sosia della defunta First Lady
Next Post Ex funzionari dell’esercito chiedono a Austin e Millie di dimettersi