L’economia e l’occupazione europee si riprendono bene grazie alle azioni dell’UE I paesi dell’UE concordano sulla necessità di rafforzare il coordinamento delle politiche per contenere Omicron

Il primo ministro portoghese Antonio Costa ha dichiarato a conclusione dell’incontro a Bruxelles che il Consiglio europeo ha ritenuto che le misure adottate per rispondere alla crisi economica e sociale causata dalla pandemia diano prova della ripresa di tutti i Paesi, soprattutto per quanto riguarda l’occupazione.

È stata sottolineata l’attuale “forte ripresa economica” e il presidente dell’Eurogruppo ha detto ai capi di Stato e di governo che “per la crisi finanziaria, abbiamo avuto bisogno di 33 trimestri per tornare ai livelli occupazionali pre-crisi, mentre per questa crisi pandemica te ne servono sette. ”

“Questo mostra come è stata intrapresa l’azione [by the European Union] In modo coordinato e su larga scala, creando le condizioni giuste affinché l’Europa possa rispondere a questa crisi in modo completamente diverso”, ha affermato.

Il Primo Ministro ha anche sottolineato la mobilitazione globale per combattere il Covid-19, “poiché tutti i paesi hanno mostrato grande interesse per la crescita dei numeri variabili di Omicron e hanno concordato sulla necessità di rafforzare le misure di coordinamento, fare uno sforzo per controllare l’epidemia e mantenere le procedure. per quanto riguarda il commercio estero stabilito.”

energia

Il Consiglio non ha ottenuto una posizione unificata sui prezzi dell’energia, quindi questo sarà all’ordine del giorno della prossima riunione dei capi di Stato e di governo dell’Unione europea. L’uso del nucleare e la carbon tax sono stati i due temi che hanno impedito il raggiungimento del consenso.

“Non è stato possibile ottenere una soluzione sulla questione energetica, sebbene tutti abbiano espresso serie preoccupazioni sulla volatilità dei prezzi dell’energia, a causa della differenza radicata che non siamo riusciti a superare”, ha affermato.

READ  L'italiano Salvini si impegna a spostare i centri di immigrazione in Nord Africa

Concordare fini, differire nei mezzi

Prendendo atto che l’accordo per la neutralità carbonica dell’UE entro il 2050 è stato raggiunto durante la presidenza portoghese dell’UE nella prima metà di quest’anno, con l’approvazione della legge europea sul clima, il primo ministro ha affermato che “la differenza non è mentire nell’obiettivo, ma nel modo di raggiungere questo obiettivo.”

Antonio Costa ha affermato che “Da un lato, una serie di Paesi insistono sul fatto che l’energia nucleare dovrebbe essere vista come un’energia importante per la transizione climatica, mentre una grande maggioranza di Paesi rifiuta di considerare l’energia nucleare come energia pulita e sicura, in quanto tale, rifiuta considerarla una buona energia per garantire la trasmissione del clima.

“Ci sono paesi che sentono di poter raggiungere questo obiettivo solo utilizzando l’energia nucleare, diversi paesi come la Polonia e la Francia. Ci sono paesi che rifiutano la soluzione nucleare, come il Portogallo, che l’ha sempre rifiutata. E ci sono paesi che, in passato, hanno abbracciato l’energia nucleare e hanno deciso di fermarla, come la Germania o la Spagna.Ci sono paesi che smettono ancora di far funzionare le loro centrali nucleari”.

Il Primo Ministro ha affermato che “dei 27 Stati membri, la stragrande maggioranza rifiuta l’uso dell’energia nucleare come soluzione per raggiungere questo obiettivo. Tuttavia, ci sono altri paesi che vedono questo come un percorso accettabile. Il Portogallo, come è noto, non ha mai adottato questa strada, quindi di certo non lo farà. Lo fa ora”.

tassa sul carbonio

Antonio Costa ha affermato che il secondo punto di differenza è che “in alcuni Stati membri hanno ritenuto necessario porre fine alla tassa sul carbonio, che era uno strumento molto importante per rilanciare gli investimenti necessari a sostenere la transizione climatica”.

READ  Notizie in diretta: la Cina richiede le pulizie di primavera dei contenuti online

“La situazione in Portogallo è particolarmente ideale, dato che nel contesto dell’impennata dei prezzi dell’energia, abbiamo abbassato i prezzi dell’elettricità nel mercato regolamentato e abbassato le tariffe feed-in per l’industria. Ciò è possibile solo grazie al fatto che noi abbiamo iniziato presto a investire nelle rinnovabili e oggi vengono integrate in modo significativo nel nostro mix energetico”, ha affermato, riferendosi anche all’impatto di questa situazione sul basso tasso di inflazione.

Difesa più indipendente con la NATO

Il Consiglio europeo ha deciso che l’Unione europea si assumerà maggiori responsabilità per la sua difesa e sicurezza, aumentando la sua capacità di agire in modo indipendente, pur mantenendo una stretta cooperazione con la NATO.

I capi di Stato e di governo chiedono di proseguire i lavori in vista dell’adozione al Consiglio europeo del marzo 2022 del “Compass strategico”, il nuovo documento di orientamento dell’UE per la politica di sicurezza e di difesa.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Dolly Parton batte 3 Guinness World Records
Next Post Le prime tendenze del referendum a Taiwan indicano il rifiuto dei tentativi di voto | Taiwan Notizie