L’economia della Hudson Valley richiede la mitigazione e la riforma dell’immigrazione

Una massiccia carenza di manodopera sta ostacolando una solida ripresa economica dalla pandemia di coronavirus, con migliaia di posti di lavoro lasciati vacanti in una vasta gamma di settori, dalla produzione e i trasporti all’istruzione e all’assistenza sanitaria.

New York non è immune da questo fenomeno. I datori di lavoro in tutto lo stato sono alla disperata ricerca di lavoratori, con circa 375.000 posti di lavoro aperti solo a novembre: un record. A complicare ulteriormente le cose è la migrazione di individui da New York City alla Hudson Valley durante la pandemia, che ha aumentato la domanda di servizi che non possono essere soddisfatti a causa della carenza di manodopera e di un crescente divario di competenze.

Sto vivendo questa crisi lavorativa in prima persona. La mia azienda di servizi di pulizia e paesaggistica a conduzione familiare, LCS Group a Poughkeepsie, Poughkeepsie, è stata avviata nel 2001 da mio padre, un immigrato italiano, con un camion e cinque dipendenti. Il numero è cresciuto fino a 500 lavoratori prima della pandemia, durante i quali abbiamo fornito servizi di pulizia essenziali per mantenere al sicuro i residenti della Hudson Valley. Oggi siamo scesi di 100 dipendenti e abbiamo smesso di assumere e assumere nuovi contratti per paura di non essere in grado di fornire loro lavoratori che soddisfano i nostri standard di prestazione.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Chansung dalle 14:00 annuncia la gravidanza e il matrimonio della sua fidanzata
Next Post ‘Odet’ porta il segnale numero 2 a nord e al centro di Cebu