Le vittime del crimine di Baltimora affermano che la polizia ha confiscato illegalmente i loro telefoni

In una serata primaverile insolitamente calda nei primi giorni del virus Covid-19, Amber Spencer è uscita per festeggiare il compleanno del suo ragazzo in una cena all’aperto a Baltimora orientale.

Improvvisamente, i proiettili sono volati e l’hanno colpita al petto. Mentre si girava per scappare, un proiettile le colpì la testa da dietro e si conficcò nel cranio. Poi Spencer ha perso conoscenza.

“Quando sono arrivato, mi hanno sparato alla testa. Gli ho chiesto: ‘Dov’è il mio telefono?'” E mia madre ha detto: ‘L’ha preso la polizia.’

Ora, Spencer è uno dei quattro querelanti Presentare una causa contro il dipartimento di polizia di Baltimora A causa di ciò che dicono è la confisca illegale dei loro effetti personali, inclusi contanti, vestiti e telefoni cellulari. Altri due querelanti sono Damon Gray, un uomo a cui hanno sparato nel giugno 2019, e Faye Cotman, una donna che è stata uccisa a colpi di arma da fuoco nel marzo 2019. La quarta querelante, Audrey Carter, sta intentando una causa per conto di suo figlio a cui è stato sparato. . È stata uccisa nel giugno 2018. Cotman ha anche affermato specificamente che il suo telefono è stato perquisito senza il suo consenso.

Finora, né i querelanti né i loro cari sono stati in grado di reclamare la loro proprietà sebbene nessuno dei quattro sia stato accusato di un crimine. Gray si è dichiarato colpevole di un’accusa di droga ad agosto, un incidente non correlato.

Tra questo gruppo, Spencer e Carter sono i primi a parlare pubblicamente della loro causa.

La causa federale, una class action proposta, ha sostenuto che potrebbero esserci migliaia di altre vittime di crimini violenti la cui proprietà è stata “sequestrata, perquisita e distrutta illegalmente” dal dipartimento di polizia di Baltimora.

“C’è un detto a Baltimora: quando ti sparano, getta le tue cose al tuo amico. Altrimenti, non li vedrai mai”. tiana signorinaUno degli avvocati dei ricorrenti.

NBC News ha contattato il dipartimento di polizia di Baltimora, l’ufficio del procuratore di Baltimora e l’ordine della confraternita di polizia n. 3 al Baltimore City Lodge, i quali hanno rifiutato di commentare.

Calvin Harris, direttore delle comunicazioni per l’ufficio del sindaco di Baltimora, ha dichiarato in una dichiarazione via e-mail che non avrebbe commentato “nulla contenuto nel contenzioso attivo”. Ma gli avvocati dell’ufficio del procuratore di Baltimora hanno scritto in a deposito in tribunale A settembre era legale per la polizia “confiscare i vestiti della vittima e tutte le prove disponibili”.

READ  Il rover della NASA sta indagando sui "pavimenti del giardino" sul fondo di un lago marziano

Non è così che la vedono gli avvocati dei querelanti. Infatti nel movimento miss Piede Il 5 novembre, ha affermato che le confische di cose come i telefoni non avevano “valore probatorio”. Ha sottolineato che “le perquisizioni ingiustificate e le confische all’ingrosso sono incostituzionali, motivo per cui questa causa”.

Gli esperti dicono che se le accuse della causa saranno provate, ciò porterà a un maggiore controllo da parte del dipartimento di polizia di Baltimora. Nel 2016, gli investigatori federali è finita Il dipartimento di polizia di Baltimora conduce “fermi e perquisizioni incostituzionali e arresti”, tra gli altri risultati. La relazione del Ministero della Giustizia è sfociata in una relazione ufficiale un accordo Tra la polizia di Baltimora e il governo federale per riformare le pratiche cittadine.

Joe MarguliesSupponendo che le affermazioni della causa siano vere, la pratica di sequestrare i telefoni delle vittime è un grosso problema, ha affermato il professore di legge della Cornell University.

“Se le accuse sono vere, allora [Baltimore Police Department] Non solo afferrare telefoni, perquisire telefoni”. Se confiscassero il telefono dell’imputato, avrebbero dovuto ottenere un mandato prima di poterlo perquisire. Qualcuno dovrebbe spiegarmi perché la vittima ha diritto a una protezione inferiore rispetto all’imputato”.

David HarrisD., professore di diritto all’Università di Pittsburgh, ha osservato che mentre le procedure di polizia consentono la confisca di oggetti come prova di un crimine, “non ci sono prove di ciò che posso vedere qui”, via e-mail.

“E ancora, anche se riescono ad afferrarlo, non possono cercare all’interno del dispositivo senza un mandato, a meno che non ci sia il consenso (e non c’è nessuno qui)”, ha continuato, riferendosi al caso della Corte Suprema del 2014 che ha dimostrato era necessario un mandato di perquisizione nel cellulare.

Le perdite aumentano

Dopo essersi svegliato in ospedale, Spencer, 27 anni, che lavora come assistente medico, si è reso conto che la polizia aveva preso i suoi vestiti, circa 400 dollari in contanti e la chiave della sua macchina, secondo la causa.

READ  Perché l'esercizio aerobico può essere così disidratante per le persone con artrite reumatoide

Non troverai nulla sul mio telefono. Sono stato io a farmi male! Ha detto, aggiungendo che non ha ricevuto una ricevuta o altri documenti dalla polizia che menzionassero quali cose hanno preso e perché.

Dopo aver fatto più tentativi per recuperare i suoi oggetti nei mesi successivi, il dipartimento di polizia le ha detto che non potevano consegnare nulla a causa dei protocolli relativi al Covid, secondo la causa.

“I miei vestiti da soli costavano $ 300”, ha detto. “Ho perso così tanti soldi che non potrò mai recuperarli. Vorrei pagare per le mie cose”.

Ha detto che sta ancora vivendo con le conseguenze di questa sparatoria indiscriminata.

“Non esco davvero; vado al lavoro e torno a casa ora”, ha detto. “Qualsiasi cosa cade o scoppia, sono tipo, ‘Cos’è quello?!’ Ho paura di vivere una vita normale . Ho ancora un proiettile in testa, che è anche spaventoso. Prego che non accada nulla. Hanno detto che il proiettile si è conficcato nel mio cranio, quindi non sarebbe andato da nessuna parte. Hanno detto che rimuoverlo avrebbe causato più danni che non rimuoverlo.

ragioni emotive

Mentre Spencer ha aspettato i suoi vestiti per oltre 18 mesi, Audrey Carter ha aspettato quasi il doppio del tempo.

Nel giugno 2018, il figlio di Carter, Dwayne Chicks, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco durante una partita a dadi in Germania Street, a meno di un miglio da dove Spencer è stato colpito quasi due anni dopo.

Audrey Carter mostra la foto di suo figlio nell’album di famiglia. Andre Chung per NBC News

Allo stesso tempo, secondo la causa, la polizia di Baltimora ha confiscato una serie di oggetti trovati su Cheeks dopo la sua morte, tra cui il suo cellulare, chiavi, auricolari e un biglietto della lotteria.

Quasi immediatamente, Carter iniziò a parlare con le persone nel quartiere in cui Chexes era stato assassinato, cercando di scoprire maggiori informazioni su chi avrebbe potuto uccidere suo figlio. Nel frattempo, ha ripetutamente chiesto se il dipartimento di polizia di Baltimora avrebbe restituito qualsiasi proprietà di suo figlio, solo per sentirsi dire che il dipartimento non poteva farlo perché potrebbe ostacolare le indagini, ha detto in un’intervista.

READ  I casi di coronavirus nel Michigan raggiungono i 785.307; Il bilancio delle vittime è ora pari a 16.840

“Ho detto ‘Okay, bene’, ha detto, ‘se è quello che devi fare.’ ‘Lo rivoglio indietro solo per un motivo diverso da quello che gli apparteneva.’

Finalmente, a dicembre 2019, sono riuscito a organizzare un incontro con un agente di polizia di Baltimora per recuperare alcuni oggetti. Ma Carter ha poi appreso che gran parte della proprietà finale di suo figlio era stata distrutta accidentalmente, ha detto.

Audrey Carter. Andre Chung per NBC News

È rotta, disse Carter. Li voleva per motivi sentimentali e spera di trasmetterli ai ragazzi di Cheeks. Ho contattato il capo dell’Unità di controllo delle prove presso il dipartimento di polizia di Baltimora e ho chiesto spiegazioni.

“Dicono: ‘Ti abbiamo inviato un messaggio'”, ha detto. “Beh, ho detto, non ho mai ricevuto una lettera.”

Carter ha detto di essere stata informata che la lettera è stata inviata per la prima volta a Cheeks stesso.

Ho detto: ‘Capisci che questo è mio figlio? Stai inviando una lettera a mio figlio al suo vecchio indirizzo! “Così ha detto che il messaggio è tornato. Certo che è tornato perché [my son] È passato, non accetterà la lettera! Ho detto: non ha senso inviare una lettera al defunto! “

A gennaio 2019, prima i procuratori federali il nome della cosa Cory Cawthorne come sospettato nell’omicidio di Cheeks. Gli atti del tribunale mostrano che nel febbraio 2019, Cawthorne si è dichiarato non colpevole delle accuse. Anche Cawthorne e gli altri imputati in A. sono stati nominati sostituire l’accusa Tornò nel maggio 2021, quando i pubblici ministeri federali aggiunsero nuovi imputati. Autorità federali presunto Cawthorne era un membro di alto rango della banda “Triple C”, che secondo loro era coinvolta nel traffico di droga e responsabile di 18 omicidi.

Ma finora, ha detto Carter, a parte il denaro che Cheeks aveva alla sua morte, non è stata in grado di recuperare nulla che il dipartimento di polizia di Baltimora avesse ancora che appartenesse a suo figlio.

“Per quanto ne so, devono ancora tenere il suo orologio, il portafoglio e il telefono”, ha detto.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Zverev afferma che i giocatori più giovani stanno avendo un successo nel 2021
Next Post Willow stesso, Warwick Davis, introduce il cast immaginario di Disney Plus