Le usanze di Bednum sono radicate nell’Europa meridionale economicamente fragile

Italia, Grecia e Spagna, duramente colpite dalla crisi del debito sovrano in Europa un decennio fa, stanno nuovamente registrando ampi deficit di bilancio e pianificano di spendere massicciamente per aggiustare le loro economie.

Il primo ministro italiano Mario Draghi e altri leader della regione scommettono che investimenti ambiziosi possono dare una spinta duratura alla crescita. Se il gioco d’azzardo non funziona, questi paesi saranno gravati da alcuni dei rapporti di debito più alti al mondo, potenzialmente destabilizzando la zona euro.

Dopo anni di gestione di budget limitati con poco spazio per gli investimenti di trasformazione, ora vedono un’opportunità che è solo una volta nella generazione per rivitalizzare le loro economie.

Presentando i suoi piani al Parlamento italiano, Draghi ha detto che contenevano non solo un elenco di opere pubbliche, ma “il destino del paese”.

Molti paesi sviluppati abbracciano la convinzione del presidente Biden che un forte stimolo fiscale e lavori pubblici possono non solo riparare il danno economico della pandemia Covid-19, ma anche migliorare la crescita per gli anni a venire.

Enormi piani di prestito, che traggono vantaggio dai tassi di interesse storicamente bassi e dal sostegno della banca centrale, contrastano nettamente con la tendenza nei paesi occidentali all’austerità dopo il 2010, quando molti governi hanno citato la crisi del debito della Grecia come un avvertimento su dove potrebbero portare i disavanzi eccessivi.

L’Unione Europea, che per anni ha rilanciato bilanci equilibrati anche quando sono necessarie dolorose misure di austerità, si unisce alla follia dell’indebitamento. L’obiettivo principale è il Fondo di recupero dell’Unione europea di 750 miliardi di euro, l’equivalente di 900 miliardi di dollari, noto formalmente come la prossima generazione dell’Unione europea. Il mix di sovvenzioni e prestiti a basso costo sarà finanziato tramite obbligazioni comuni dell’UE e mira a sostenere gli investimenti e le riforme che stimolano la produttività e la crescita a lungo termine.

READ  I futures segnalano un altro inizio traballante per i mercati

È un chiaro cambiamento nel modello economico. Enzo Moavero Milanesi, l’ex ministro degli Esteri italiano, ha detto che indebitarsi per finanziare la crescita, e farlo su larga scala, oltre al già alto debito attuale, era qualcosa che non avevamo visto prima.

Il signor Draghi, in qualità di capo della Banca centrale europea che ha svolto un ruolo di primo piano nel disinnescare la quasi definitiva crisi del debito dell’euro nel 2012, ha ora un’opportunità unica per destabilizzare l’economia italiana in difficoltà.

Dagli anni ’90, i leader italiani hanno tentato di riformare l’economia sclerotica del paese gestendo budget limitati. Il signor Draghi è il primo da decenni a poter schierare una massiccia forza finanziaria per aiutare.

L’economia italiana è cresciuta raramente di oltre l’1% all’anno nell’ultimo quarto di secolo. L’economia non si è mai ripresa completamente dalla crisi finanziaria globale e dalla successiva crisi della zona euro, scivolando di un altro 9% nel 2020 in mezzo alla pandemia e ai rigidi blocchi.

La Germania, la Francia e altri paesi dell’Unione Europea hanno sostenuto principalmente il fondo per la ripresa, per timore che l’Italia e l’Europa meridionale vacillino in un’altra profonda recessione che metterà ancora una volta alla prova la coesione e la sopravvivenza della zona euro.

“Penso che questa volta ci sia un ampio accordo sul fatto che abbiamo bisogno di crescita economica piuttosto che di stretta fiscale per uscire dalla crisi e preservare l’enorme debito pubblico”, ha detto Federico Santi, analista a rischio, società di consulenza Eurasia Group.

L’Italia sarà il maggior destinatario dei fondi dell’UE, con circa 190 miliardi di euro, di cui 70 miliardi di sovvenzioni. Il Paese aggiungerà quasi 60 miliardi di euro dalle sue casse per finanziare il piano di investimenti.

READ  La cinese Nexperia di proprietà di Newport Wafer Fab sta per acquisire

Il debito dell’Italia ha raggiunto il 156% del PIL, principalmente a causa dell’epidemia. La percentuale della Grecia è salita al 206%, la più alta nel mondo sviluppato dopo il Giappone.

La maggior parte del debito della Grecia arriva sotto forma di prestiti di salvataggio dal resto della zona euro, senza pagamenti dovuti per molti anni, rendendo improbabile un’altra crisi del debito greco per molto tempo.

I principali rischi per la sostenibilità del debito a lungo termine in Europa riguardano la grande economia italiana. Il futuro dell’euro potrebbe ancora dipendere dalle prestazioni di Draghi.

Il grande rischio è che questi investimenti non aumentino la capacità di crescita del Paese, il che significa che stimoleranno il PIL solo per pochi anni. Lorenzo Codogno, un consulente con sede a Londra ed ex economista del Tesoro italiano, ha detto che l’impatto di una maggiore domanda diminuirà, la crescita sarebbe di nuovo bassa ma il debito sarebbe molto più alto.

I mercati finanziari stanno riposando sui rischi, per ora, poiché si prevede che la Banca centrale europea continuerà i suoi acquisti su larga scala di titoli di Stato, mantenendo bassi i costi di indebitamento nei paesi.

“Penso che la Banca centrale europea manterrà la sua corretta posizione monetaria per due o tre anni indipendentemente dal motivo. Mi aspetto che fornirai tutto il supporto possibile a questo punto”, ha detto Francesco Daveri, economista dell’Università Bocconi di Milano.

A lungo termine, tuttavia, le pressioni sui mercati finanziari potrebbero iniziare a emergere se la crescita economica rallenta di nuovo, il debito rimane elevato e la Banca centrale europea inasprisce la sua politica monetaria, affermano gli economisti.

READ  Hainan Haikou non vede l'ora di lanciare un volo cargo per Milano, Italia - affari ed economia

Mentre il pensiero alla base dei pacchetti fiscali statunitensi ed europei è in parte parallelo, la scala è molto più ampia negli Stati Uniti, che finora hanno adottato misure fiscali per un valore di circa il 26% del PIL, superando di gran lunga tutti gli sforzi di stimolo in Europa.

I piani di spesa europei mirano meno a incrementare la spesa delle famiglie e più a migliorare il lato produttivo dell’economia, attraverso investimenti in infrastrutture digitali e fisiche, istruzione, efficienza ambientale e altre esigenze a lungo termine.

Draghi mira anche a migliorare la formazione e la tecnologia per la pubblica amministrazione inefficace in Italia, nonché a semplificare il sistema giudiziario notoriamente lento.

Se gli sforzi di Draghi e quelli delle sue controparti greche e spagnole non daranno frutti, è probabile che l’esperienza porti a una rinnovata pressione per la disciplina fiscale da parte dei nordici finanziariamente conservatori. Ma se un ritorno a un massiccio indebitamento ripagherà, rafforzerà le richieste di un’unione fiscale europea che utilizzi la forza collettiva dell’UE per investire nelle sue economie più deboli.

“Se Biden avrà successo negli Stati Uniti, il presidente Biden passerà alla storia come il nuovo Roosevelt. In Europa, l’effetto potrebbe costituire un precedente difficile da non ripetere”, ha detto Mavero.

Questa storia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo.

partecipazione a Newsletter di menta piperita

* Inserisci un’e-mail disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla newsletter.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Una simulazione di un asteroide della NASA si conclude con un’inevitabile catastrofe sulla Terra
Next Post Papa: Beato Devasahayam Pillai, altri sei per essere santi