Le regole sull’importazione della Brexit iniziano a fare pressione sugli importatori di generi alimentari britannici

LONDRA – In un magazzino nascosto sotto due archi ferroviari nel sud-est di Londra si nasconde uno scrigno di prelibatezze greche, tra cui feta invecchiata in botte, origano fresco, olio d’oliva cretese e casse di quasi cento vini diversi dedicati ai migliori ristoranti del mondo La città e la casa. cuochi; Ma con la Gran Bretagna che introduce regole doganali che richiedono una Brexit senza accordi con l’Unione Europea, l’allettante diversità di Maltby e greco è minacciata.

I moduli aggiuntivi, i dazi doganali e i controlli di sicurezza sanitaria richiesti per le merci che attraversano i confini britannici sono particolarmente scoraggianti per le aziende che spostano piccole quantità. Ciò include gli importatori alimentari specializzati che acquistano da piccoli fornitori in tutta l’Europa continentale che hanno contribuito a rendere Londra uno dei paesi del mondo. Le migliori città per mangiare.

Ha “ridotto al minimo la nostra capacità di rilevare e importare prodotti insoliti”, ha affermato Janos Hadjiwanu, proprietario di Maltby & Greek, che negli ultimi dieci anni ha importato cibo e vino dalla Grecia e dalle sue isole. Il sabato, sotto gli archi, i clienti possono mangiare burro di capra; Formaggio Mastello, un tipo di formaggio halloumi prodotto con latte di vacca dell’isola di Chios. Profumi di tè di montagna e di fagiolo gigantes pallido di Feneos, nel Peloponneso settentrionale.

Ottenere ciascuno di questi articoli qui è diventato un po’ più complicato poco più di due settimane fa.

Dopo un anno di ritardo, il 1° gennaio la Gran Bretagna ha intensificato l’applicazione dei requisiti doganali per le merci provenienti dall’Unione Europea, che nel 2020 rappresentavano la metà di tutte le importazioni nel Paese. Ora, la merce deve essere accompagnata da dichiarazioni doganali. (L’anno scorso, gli importatori britannici potrebbero ritardare la comunicazione di circa sei mesi.) E le aziende che importano prodotti animali e vegetali, ad esempio la maggior parte dei prodotti alimentari, devono informare il governo in anticipo delle spedizioni.

Alla frontiera, il processo di introduzione delle regole è andato relativamente liscio. DFDS, una società di logistica danese che gestisce servizi di traghetti per la Gran Bretagna, ha affermato che alcuni clienti hanno compilato scartoffie in modo errato e alcune consegne di cibo sono state interrotte. In un giorno, le spedizioni dall’Olanda hanno dovuto essere sospese per far fronte all’arretrato del giorno precedente.

READ  Chi sta ancora comprando greggio russo e chi ha smesso?

“Tutte le persone coinvolte hanno cercato di imparare da quello che è successo un anno fa”, ha affermato Torben Carlsen, CEO di DFDS.

L’anno scorso, l’UE ha introdotto le regole doganali non appena è entrata in vigore la Brexit, e immediatamente i problemi si sono accumulati: le consegne sono state ritardate, le compagnie di autotrasporti hanno smesso di servire l’Irlanda e il cibo avariato nei porti. Ci volle più di un mese prima che la maggior parte dei problemi venissero risolti.

La Gran Bretagna non poteva permettersi gli stessi problemi di importazione quest’anno. in poi Un quarto delle importazioni alimentari del paese viene importato dall’Unione EuropeaSecondo i dati del 2019, questo numero aumenta drasticamente in inverno per frutta e verdura fresca.

Ma ci sono sfide: invisibili, lontane dalla frontiera. Alcune aziende britanniche sostengono i costi di esportazione dei loro fornitori europei per evitare di perderli. Altri importano meno, il che riduce le opzioni per i clienti. Altri ancora limitano gli acquisti a ordini di massa e rinunciano a provare nuovi prodotti.

Il calo era evidente anche prima dell’inizio delle ultime regole di importazione. Secondo la Food and Beverage Association, nei primi nove mesi del 2021, le importazioni di cibo e bevande sono diminuite di circa l’11% rispetto al 2019.

Ha affermato che dopo che la Gran Bretagna ha lasciato l’unione doganale dell’UE all’inizio del 2021, Hajiwanu ha continuato a lavorare come al solito. Tuttavia, entro sei mesi, i costi tariffari aggiuntivi e i relativi aumenti di prezzo erano diventati proibitivi. Smetti di ricevere consegne settimanali di anthotero, un formaggio fresco di latte di pecora di Creta e yogurt di pecora o capra filtrato tradizionalmente, che regolarmente esaurivano le scorte di prodotti popolari. Le salsicce di Creta ora sono congelate anziché fresche, quindi possono essere spedite in spedizioni più grandi e meno frequenti.

“La maggior parte dei prodotti deperibili è stata danneggiata, in particolare quelli di piccole dimensioni ma importanti per molti ristoranti e rosticcerie”, ha affermato Hajiwanu. Ha aggiunto che la più grande interruzione dovuta all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea è la perdita di flessibilità.

Il magazzino Maltby & Greek si trova a Spa Terminus, una lunga striscia di archi ferroviari che ospita produttori alimentari, grossisti e importatori di vino. In questo periodo dell’anno, i prodotti più freschi nei suoi mercati includono agrumi siciliani, verdure a foglia italiane e ortaggi a radice francesi. Dall’altra parte di Maltby & Greek, Rachel Sills vende formaggio prodotto in Svizzera e nei Paesi Bassi. Sebbene la sua esperienza di esportazione dalla Svizzera abbia attenuato il colpo delle regole commerciali della Brexit, non l’ha isolata dal costo aggiuntivo.

READ  I musulmani in Italia celebrano il primo mese di Ramadan dopo la pandemia

Acquista formaggio da quattro piccoli produttori nei Paesi Bassi, così piccoli che non tutti hanno un indirizzo e-mail. Ora ognuno deve avere un numero di registrazione e di identificazione dell’operatore economico, così come gli agenti doganali per le pratiche per l’esportazione e le tasse, e devono compilare fatture più dettagliate, che includono i codici tariffari.

La signora Sells ha affermato di aver sostenuto i costi aggiuntivi dei permessi di esportazione per i produttori di formaggio. Recentemente è stato in grado di combinare gli ordini per pagare solo 65 euro ($ 74,50) per fattura, più i propri dazi all’importazione. “Quindi, fino a questo punto, non hanno iniziato a pagare i costi reali dei dazi all’esportazione”, ha detto. “Io ho.”

“Non significa che le scartoffie o il costo siano troppo onerosi”, ha detto la signora Sales. Ma per le aziende con molti fornitori, “quando sommi il costo di ciascuno, diventa pazzesco”, dice, soprattutto se stai acquistando in piccole quantità.

Ed è ciò che la Brexit ha finora concluso per queste aziende: costi aggiuntivi.

“Abbiamo superato il punto di grave carenza”, ha affermato David Hennig, esperto di politica commerciale a Londra. Le normative doganali funzionano, ma il danno sarebbe più simile a una “rana a lenta ebollizione”. I costi aggiuntivi eroderanno l’economia britannica, con previsioni indipendenti di un disavanzo a lungo termine di circa il 4 per cento del PIL. Il signor Henig ha aggiunto che l’impatto complessivo sul cliente è probabilmente inferiore alle scelte.

Continua inoltre a ridurre gli incentivi per le aziende a investire in Gran Bretagna.

Franco Faubini, fondatore di Natoora, nata a Londra nel 2004, ora fornisce prodotti freschi da centinaia di piccole fattorie in Europa e Nord America a circa 1.600 ristoranti e negozi in tutto il mondo, inclusi Selfridges e Whole Foods, con avamposti negli Stati Uniti.

Natoora ha riorganizzato le sue operazioni interne in modo che il braccio britannico dell’azienda non importi più nulla direttamente dalle fattorie in Italia, Francia, Spagna e Grecia. Invece, più personale è stato istituito a Parigi e Milano in modo che i prodotti potessero essere acquistati dagli hub del Continente e poi venduti alla sede di Londra. Questo consolidamento significa che esiste una sola fattura, il che consente di risparmiare denaro su camion e dogane.

READ  AGGIORNAMENTO 1-La curva del Bund tedesco si inclina man mano che emergono solidi sondaggi sulle imprese

Sebbene Natoora abbia trovato una soluzione, Fubini ha affermato che la Brexit ha danneggiato la reputazione internazionale della Gran Bretagna, costringendolo a riconsiderare il futuro della sua azienda. “Per la prima volta in 15 o 16 anni, ho iniziato a chiedermi quanto dovremmo continuare a investire nel Regno Unito”, ha affermato.

Quando il primo ministro Boris Johnson ha annunciato il nuovo accordo commerciale con l’UE alla vigilia di Natale 2020, ha affermato che l’accordo “se esiste, dovrebbe consentire alle nostre aziende ed esportatori di fare più affari con i nostri amici europei”. In effetti, lo ha reso più difficile, non più facile. La Brexit potrebbe liberare la Gran Bretagna dalla burocrazia di Bruxelles, ma ha limitato le aziende ad altra burocrazia. Mentre le promesse della Brexit – dall’apertura di nuovi mercati alla deregolamentazione – variavano dalla lenta realizzazione dei benefici, il Ha frustrato anche i suoi sostenitori.

Elena Deminska gestisce un altro mercato di prodotti freschi presso Spa Terminus, Puntarelle & Company, che ha affermato che la Brexit potrebbe essere una grande opportunità per gli agricoltori britannici di produrre cibo che è stato principalmente importato dall’Unione Europea. Deminska ha detto che il paese ha un clima in cui la lattuga invernale amara, il cavolfiore primaverile o le albicocche regnano sovrani con “piccolo sforzo”. Invece si lamenta che gli agricoltori “non sono resilienti”.

Circa quattro anni fa, e con grande perspicacia, la signora Deminska ha esternalizzato il suo lavoro doganale a una società offshore. Si dispera ancora per le scartoffie causate dalla Brexit. “Non è utile”, ha detto. “Ci sono già abbastanza carte.”

Ci sono più ostacoli a tutti questi affari. Da luglio, le importazioni di generi alimentari devono essere accompagnate da certificati sanitari firmati dagli ispettori dell’UE e possono essere ritirati per i controlli alle frontiere immediate.

Questi cambiamenti “aggiungeranno solo complessità, aggiungeranno costi”, ha affermato Vubini. “È sovversivo.”

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Riepilogo bello e audace: Stevie e Thomas chiedono a Ridge di Brock e del suo matrimonio
Next Post Borsa da palma, triplo doppio Butler, Heat Top Raptors 104-99