Le proteste per il vaccino in Italia uniscono gli amici di strani amici – Politico

Clicca play per ascoltare questo articolo

ROMA – La politica, si dice, fa strani compagni. Le proteste in Italia contro le rigide regole del passaporto per i vaccini del governo per tracciare un percorso fuori dalla pandemia lo dimostrano.

Le manifestazioni contro le regole che impongono controlli sullo stato dei vaccini, o almeno test negativi, hanno riunito una coalizione disparata, che spazia da anarchici e sindacalisti a neofascisti e gruppi cattolici ultraconservatori.

Le misure hanno scatenato manifestazioni in tutta Italia. Lo scorso fine settimana gli anarchici si sono scontrati con la polizia a Milano. A Roma, i neofascisti hanno preso d’assalto un edificio sindacale e un ospedale, ferendo decine di poliziotti.

A volte le due parti della scarpa politica si incontrano. In uno spettacolo insolito dell’iper-partigianeria italiana, le proteste a Milano hanno visto gli anarchici fianco a fianco. con i manifestanti Contiene stendardi dedicati alla Vergine Maria ea Padre Pio, famoso santo venerato in Italia.

L’Italia ha una storia di violenza politica tra destra e sinistra. Durante i cosiddetti anni di piombo, negli anni ’60, ’70 e ’80, centinaia di persone furono uccise in scontri e attacchi terroristici. Sebbene la violenza si sia placata, non è completamente scomparsa. Gli episodi stanno ancora accadendo da entrambi estrema sinistra e Giusto.

Ma il contraccolpo contro la corsia verde ha, almeno temporaneamente, colmato quel divario per alcuni. È una svolta interessante, visto che l’Italia è spesso vista come un “laboratorio politico” che anticipa le tendenze politiche altrove.

Attriti sociali

Alessandro Orsini, direttore dell’Osservatorio sulla sicurezza internazionale presso l’Università Luis di Roma e autore di un libro-inchiesta sull’estrema destra intitolato “Sacrificio. La mia vita in una milizia fascista”, ha affermato che conviene alla sinistra e alla destra radicali lavorare insieme sfruttare gli attriti sociali attorno alle politiche pandemiche del governo per destabilizzare il paese.

READ  Italia - Fattori da tenere d'occhio il 3 novembre

Lo hanno fatto negli anni Settanta. Possono collaborare pur condividendo gli stessi obiettivi”, ha detto a Politico. Ha aggiunto che alcuni gruppi neofascisti stavano anche cercando di nascondere la propria identità per non spaventare le nuove leve: “È così che gli italiani non fascisti diventano simpatizzanti. “

Trieste è diventata la capitale della resistenza da quando i lavoratori portuali hanno occupato il porto strategicamente vitale la scorsa settimana con proteste che hanno unito le occupazioni della sinistra radicale e dell’estrema destra di tutto il nord Italia. Venerdì le autorità di Trieste hanno vietato un’altra manifestazione che avrebbe dovuto richiamare una folla di 20.000 persone, e il fatto che questi gruppi siano solitamente avversari contribuisce a destare preoccupazione in vista del vertice del G20 a Roma la prossima settimana.

Dal 15 ottobre tutti i lavoratori devono essere vaccinati o testati ogni pochi giorni, come parte delle normative più severe in Europa. Chi rifiuta può essere sospeso senza stipendio.

La carta del vaccino è ampiamente accettata nella società, con sondaggi che indicano che più della metà degli italiani sostiene queste misure. Il governo del primo ministro Mario Draghi ha annunciato che i vaccini impediranno ulteriori blocchi e proteggeranno la ripresa, con l’economia italiana che dovrebbe crescere del 6% quest’anno. Più dell’80% dei bambini sopra i 12 anni sono vaccinati.

distrazioni

Il partito di opposizione di estrema destra “Fratelli d’Italia” ha descritto queste misure come un modo per distrarre le persone dai fallimenti del governo. Draghi sta affrontando anche l’opposizione dei partiti all’interno del suo governo, con Matteo Salvini della Lega di destra e Pepe Grillo, fondatore del Movimento 5 Stelle, che spingono lo Stato a pagare i test del coronavirus.

READ  Il denaro facile continuerà fino a quando l'economia non raggiungerà i suoi obiettivi

Fuori dal Parlamento c’è ancora una minoranza eclettica con una voce scettica o ostile. Giorgio Agamben, il noto filosofo politico, ha descritto il Passaggio Verde come un primo passo verso una pericolosa soppressione delle libertà.

Gli attivisti di tutto lo spettro che partecipano alle proteste condividono questo punto di vista. Sandro Brozzi, membro dell’Unione Sindacale Italiana, un sindacato affiliato all’anarchismo, ha detto a POLITICO che si oppone al Corridoio Verde, vedendolo come un modo per privatizzare le misure di sanità pubblica, ad esempio pagando i lavoratori riluttanti a ricevere le vaccinazioni. La propria tasca per i test del coronavirus.

Sandro Pescopagano, l’attivista di lunga data dell’estrema sinistra che protestava con i lavoratori portuali a Trieste, ha lasciato la Confederazione dei Comitati di Base (Cobas), un sindacato generale intransigente alla sinistra dei grandi sindacati tradizionali. — perché non si opponeva adeguatamente a quella che ha descritto come la minaccia strisciante alla sorveglianza digitale posta dal Corridoio Verde. Ora entra a far parte di una federazione di nuova costituzione denominata Sindacato dei Popoli Liberi – Confederazione dei Popoli Liberi.

Pescopagano ha affermato di ritenere che la pandemia fosse solo una scusa e che alla fine il corridoio verde sarebbe stato utilizzato per controllare dove le persone possono andare, ad esempio per fermarle in caso di irregolarità.

I sindacalisti dissidenti si trovano ora fianco a fianco con attivisti di tradizioni politiche molto diverse. Dario Giacomeni, medico candidato al Parlamento per il gruppo neofascista Casapound nel 2013, lavora con i leader sindacali nel nuovo comitato organizzatore della protesta di Trieste. Per Giacomini, che ha fondato Contiamoci, associazione che rappresenta gli operatori sanitari sospesi dal lavoro dopo aver rifiutato una vaccinazione, la corsia verde è una “discriminatrice” e inutile perché “non chiarisce lo stato di salute”.

READ  L'Europa rischia altre cicatrici economiche mentre si affretta a riaprire

“Siamo tutti per la libertà”

In questo nuovo clima, le vecchie appartenenze politiche sembrano meno importanti, purché gli obiettivi siano condivisi. Giacomeni, che ora si dice apolitico, ha detto che la vecchia politica di sinistra e di destra è “obsoleta”: “Sono sempre stati entrambi i benvenuti in casa mia. Siamo tutti per la libertà”.

Piscopagano acconsentì. “Di recente a Trieste ci sono molte persone provenienti da estremi opposti dello spettro politico”, ha detto. “Non ci interessa finché condividiamo la visione di opporci alla dittatura”.

Ma non tutti i manifestanti di sinistra accolgono a braccia aperte quelli di destra.

Brozesi ha detto che “non si sarebbe mai unito a una manifestazione con manifestanti di destra”.

Disse: “C’è un divario tra noi e loro”. “Non stiamo attingendo al corridoio verde, non stiamo attingendo ai vaccini”.

Realizzando la propria immagine, alcuni organizzatori della protesta hanno cercato di prendere le distanze dai gruppi estremisti. Eduardo Polaco, l’avvocato che ha organizzato le proteste in cui sono stati arrestati i neofascisti a Roma, ha negato l’esistenza di estremisti nel movimento. “Non ci sono più ideologie di sinistra o di destra”, ha detto. “Il nostro movimento è apolitico e trasversale”.

Con il G20 a Roma la prossima settimana, l’esperto di sicurezza Orsini ha detto che ci sono dei rischi. Le autorità cercheranno di evitare che si ripeta quanto accaduto al G8 di Genova nel 2001, quando i colloqui furono oscurati dalla lotta alla globalizzazione e dalle rivolte anarchiche seguite dalla brutalità della polizia.

“Non devono abbassare la guardia”, ha detto Orsini.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Secondo quanto riferito, YoungBoy Never Broke è stato rilasciato su cauzione
Next Post Mike Tyson afferma che il prossimo incontro di rimonta a febbraio sarà davvero incoraggiante quando si tratta di sapere se potrebbe essere Logan o Jack Paul