Le principali economie annunciano il percorso energetico verso gli impegni globali sul metano | notizie | Centro di conoscenza SDG

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha convocato il Major Economies Forum on Energy and Climate (MEF), che ha riunito capi di stato o di governo di oltre 20 paesi, insieme ad altri alti funzionari. I leader hanno fornito aggiornamenti sullo stato dei loro contributi determinati a livello nazionale (NDC) effettuati nell’ambito dell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e hanno annunciato diverse iniziative congiunte, tra cui il Global Methane Energy Track.

L’evento virtuale si è svolto il 17 giugno 2022 per basarsi sui progressi compiuti alla Conferenza sui cambiamenti climatici di Glasgow del 2021 “rafforzando ulteriormente l’azione per il clima”, affrontando al contempo le preoccupazioni in materia di energia e sicurezza alimentare esacerbate dalla guerra in Ucraina.

Leader provenienti da Argentina, Australia, Canada, Cile, Cina, Egitto, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Repubblica di Corea, Messico, Nigeria, Norvegia, Arabia Saudita, Turchia, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito e il Vietnam si è unito al presidente Biden nel tentativo di “accelerare ulteriormente l’azione per il clima”. Hanno partecipato anche il Presidente della Commissione Europea e il Segretario Generale delle Nazioni Unite.

Aprendo la riunione, l’inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il clima John Kerry ha sottolineato l’importanza di basarsi sui progressi compiuti nella 26a sessione della Conferenza delle parti (COP 26) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Sharm El Sheikh sui cambiamenti climatici Conferenza (COP 27). Si terrà in Egitto a novembre.

I leader più importanti che necessitano di modernizzazione Contributi determinati a livello nazionale che non sono in linea con l’obiettivo di temperatura dell’Accordo di Parigi e devono essere presentati o aggiornati Strategie di sviluppo a lungo termine a basse emissioni. Gli annunci fatti durante il MEF includono:

  • L’Australia, il 16 giugno, ha presentato un contributo nazionale migliorato per ridurre le emissioni di gas serra del 43% al di sotto dei livelli del 2005 entro il 2030.
  • Il Cile si è impegnato ad aumentare il suo contributo determinato a livello nazionale, con l’obiettivo di portarlo in linea con l’aumento massimo della temperatura globale di 1,5°C.
  • L’Egitto sta finalizzando i contributi determinati a livello nazionale aggiornati, che includono “obiettivi quantitativi aspirazionali specifici in più settori”.
  • L’Indonesia sta aggiornando i suoi contributi determinati a livello nazionale.
  • Il Messico prevede di anticipare il suo obiettivo di contributo stabilito a livello nazionale per il 2030 “in linea con l’obiettivo di temperatura di Parigi” prima della COP 27.
  • La Turchia e gli Emirati Arabi Uniti intendono presentare gli NDC aggiornati entro la fine del 2022.
  • Il Vietnam migliorerà il suo contributo determinato a livello nazionale.
READ  Il dollaro si sta ritirando dopo il rally di venerdì, poiché i dati statunitensi hanno deluso

Molti hanno riconosciuto il legame tra azione per il clima e sicurezza energetica e hanno sottolineato la necessità di accelerare la transizione verso l’energia pulita e il ruolo che le energie rinnovabili svolgono nel migliorare la sicurezza energetica. I partecipanti hanno annunciato diverse iniziative congiunte per sostenere questi obiettivi.

Basandosi sul Global Methane Pledge (GMP) lanciato nel 2021, noi e il Unione europea Pubblicizza nuovo Percorso energetico per l’impegno globale sul metano. Argentina, Canada, Egitto, Germania, Italia, Giappone, Messico, Nigeria e Norvegia si sono uniti come membri inaugurali. Il percorso esorta tutti i paesi a sfruttare il massimo potenziale di mitigazione del metano economicamente vantaggioso nel settore petrolifero e del gas ed eliminare il flaring di routine il più rapidamente possibile, ma non oltre il 2030.

Canada, Commissione Europea, Francia, Germania, Indonesia, Italia, Regno Unito ed Emirati Arabi Uniti hanno espresso il loro sostegno Le tecnologie per l’energia pulita mostrano la sfida Raccogliere 90 miliardi di dollari di finanziamenti pubblici entro il 2026 per progetti dimostrativi su scala commerciale per consentire la transizione verso emissioni nette zero entro il 2050.

Canada, Cile, Commissione Europea, Francia, Germania, Italia, Messico, Norvegia, Regno Unito e Stati Uniti si sono impegnati Obiettivo 2030 per i veicoli a emissioni zero (ZEV) rappresenteranno il 50% delle vendite di veicoli leggeri nuovi entro il 2030.

Canada, Cile, Commissione Europea, Francia, Germania, Indonesia, Repubblica di Corea, Messico, Norvegia e Regno Unito hanno sostenuto Sfida di ricarica verde. L’iniziativa incoraggia governi, porti, vettori marittimi e altri a presentare passi concreti alla COP 27 “che aiuteranno a mettere il settore marittimo internazionale su un percorso credibile durante questo decennio verso la completa decarbonizzazione entro il 2050”.

READ  Colloqui politici tra Iran e Italia a Teheran

La Commissione Europea, la Germania e la Norvegia hanno espresso il loro sostegno al Sfida globale sui fertilizzanti. La sfida mira a raccogliere 100 milioni di dollari entro la COP 27 per migliorare la sicurezza alimentare e migliorare l’efficienza dei fertilizzanti per ridurre le emissioni agricole.

Insieme, i paesi del MEF rappresentano quasi l’80% del prodotto interno lordo (PIL) globale e delle emissioni globali di gas serra. Il forum si è svolto subito dopo la Conferenza sui cambiamenti climatici a Bonn, che si è svolta dal 6 al 16 giugno 2022. [Chair’s Summary of the MEF] [MEF Fact Sheet]

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post I poster del treno proiettile mostrano il cast stellato
Next Post Donna, 2 cani uccisi in un fulmine vicino a Los Angeles