Le prenotazioni per i vaccini COVID-19 in Italia sono aumentate di un terzo dopo che il governo ha reso obbligatorio il corridoio verde per tutti i dipendenti

Una donna mostra il numero tre mentre riceve la sua terza dose di vaccino Kommernati di Pfizer presso la Eastman Clinic di Roma il 16 settembre.

Alessandra Tarantino/The Associated Press

Le prenotazioni di vaccini in Italia sono aumentate dalla scorsa settimana, quando il governo italiano ha rotto con il resto d’Europa insistendo sul fatto che tutti i dipendenti mostrassero un nulla osta sanitario COVID-19 o subissero la sospensione dal lavoro.

Durante il fine settimana, il funzionario per i vaccini del governo italiano, Francesco Paolo Vigliolo, ha dichiarato che sabato le prenotazioni per la prima dose del vaccino sono aumentate del 35% rispetto alla settimana precedente. “A livello nazionale, c’è stato un aumento complessivo delle prenotazioni per la prima dose compreso tra il 20 percento e il 40 percento”, ha affermato.

La corsa al vaccino arriva pochi giorni dopo che il governo ha reso obbligatorio, a partire dal 15 ottobre, per tutta la forza lavoro del Paese – pubblica e privata – mostrare prove di vaccinazione, una recente guarigione da un’infezione o un recente test negativo.

La storia continua sotto l’annuncio

Canadian Vaccine Tracker: quante dosi di COVID-19 sono state assunte finora?

Se i dipendenti non forniscono un cosiddetto Green Pass, possono essere sospesi senza retribuzione e incorrere in una multa fino a 1.500 euro ($ 2.250), sebbene non possano essere licenziati. I datori di lavoro che non controllano se i lavoratori hanno i permessi verdi rischiano multe fino a 1.000 euro. La condizione colpisce 23 milioni di lavoratori in Italia.

Il Vaticano ha annunciato lunedì che il Passaggio Verde sarà obbligatorio per tutti i visitatori.

READ  L'Europa ha riaperto ma i malati di virus continuano a travolgere le équipe di terapia intensiva

Il Corridoio Verde, infatti, è un mandato vaccinale nazionale pensato per rendere insopportabile la vita dei non vaccinati. Per aggirare i requisiti del vaccino, i dipendenti che non sono mai stati infettati dovranno essere testati per COVID-19 ogni 48 ore. Tali test non sono più gratuiti in Italia. I test rapidi eseguiti dalle farmacie costano 15 euro o più. Test PCR più accurati costano almeno il doppio di quel prezzo.

Fino ad ora, le vaccinazioni erano obbligatorie solo per il personale medico e il Green Corridor Act era in vigore solo per gli insegnanti e altro personale scolastico.

Il governo italiano scommette che non ci sarà alcuna reazione violenta al vaccino, né un semplice contraccolpo. Sebbene ci sia una significativa esitazione sui vaccini in Italia – i partiti populisti di estrema destra descrivono le vaccinazioni obbligatorie come un attacco alla libertà – non è così alta come la Francia e alcuni altri paesi dell’UE. Gli italiani sono abituati alle vaccinazioni. Quelli per morbillo, epatite B, poliomielite e tetano, tra le altre malattie, sono obbligatori.

Per la maggior parte, gli italiani hanno abbracciato i vaccini COVID-19. Dopo un inizio lento all’inizio di quest’anno, il paese ha uno dei tassi di vaccinazione più alti al mondo, pari a quello del Canada. Circa il 74% delle persone di età superiore ai 12 anni è completamente vaccinato, sebbene il tasso in alcune regioni, come la Sicilia, sia relativamente basso. Circa 3,5 milioni di italiani sopra i 50 anni non sono ancora stati vaccinati.

L’obiettivo dell’Italia è raggiungere l’80% entro la fine di settembre e andare avanti. “Non so se possiamo parlare di immunità di gregge, ma dobbiamo vaccinare il 90% per controllare il virus”, ha detto Figliolo.

Il Green Pass italiano è il più completo d’Europa e rappresenta uno dei modi più difficili al mondo per affrontare una pandemia particolarmente devastante per gli italiani. “Nulla di simile è successo in Europa”, ha detto il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta. “Ci stiamo mettendo al primo posto a livello internazionale”.

Secondo il Dipartimento della Protezione Civile, 130.310 italiani sono morti di COVID-19 dai primi blocchi nel febbraio 2020. Si tratta del secondo tasso più alto in Europa, dopo il Regno Unito, circa 4,6 milioni di italiani sono stati contagiati.

Mentre i nuovi casi erano lontani dal loro picco in primavera, hanno ricominciato a salire a luglio quando la variante delta altamente contagiosa ha preso il sopravvento. Domenica, l’Italia ha segnalato 3.838 nuovi casi. I funzionari sanitari temono che la riapertura delle scuole questo mese possa far aumentare il tasso di infezione e riempire le unità di terapia intensiva.

L’Italia questa settimana ha iniziato la sua campagna per somministrare la terza dose alle persone ad alto rischio, come le vittime di cancro e i trapiantati.

La mossa dell’Italia è progettata per rendere effettivamente obbligatorie le vaccinazioni per tutti i dipendenti per evitare ulteriori restrizioni e possibilmente blocchi e per sfruttare i guadagni economici dello scorso anno. La pandemia ha spinto il paese del G7 in una profonda recessione nel 2020. Quest’anno, l’economia italiana dovrebbe espandersi del 5,9%, ma non raggiungerà la sua produzione pre-pandemia fino alla prima metà del 2022, secondo l’Organizzazione per l’Economia. Cooperazione e Sviluppo.

Iscriversi per Newsletter di aggiornamento del virus corona Leggi le notizie, le caratteristiche e le spiegazioni essenziali di oggi sul coronavirus scritte dai giornalisti e dagli editori di Globe.

READ  Marotta dice che l'Inter deve tagliare gli stipendi per sopravvivere all'infezione da COVID-19

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Vincitori degli Emmy 2021: The Crown, Ted Lasso, The Queen’s Gambit e altro
Next Post Astros distrugge gli angeli all’inizio della serie