Le prenotazioni dei vaccini aumentano in Italia dopo che l’autorizzazione sanitaria COVID-19 diventa obbligatoria

ROMA, Italia – Le prenotazioni per le vaccinazioni contro il nuovo coronavirus in Italia sono aumentate venerdì dopo che il governo ha reso obbligatoria la vaccinazione per tutti i lavoratori in alcune delle più severe misure anti-coronavirus adottate al mondo.

Il numero degli appuntamenti è più che raddoppiato rispetto al giorno precedente nel Veneto nord-orientale, mentre è triplicato in Toscana, secondo i dati provvisori.

In Lombardia, la regione più grande d’Italia, le prenotazioni giornaliere sono balzate a oltre 17.000 giovedì dalle circa 9.500 del giorno prima. I dati per venerdì non erano immediatamente disponibili.

Altrove, un flusso costante di persone si è diretto verso i centri di vaccinazione dove le prenotazioni non sono più necessarie.

“Sono venuto perché altrimenti non mi lasciavano lavorare in cantiere”, racconta Henry Tocco, 30 anni, immigrato entrato in un cantiere che offre vaccini gratuiti vicino alla stazione centrale di Roma.

A partire dal 15 ottobre, ogni lavoratore che non dimostrerà la vaccinazione, un test COVID negativo o una recente guarigione da un’infezione verrà automaticamente sospeso senza retribuzione.

Le persone che ignorano il decreto e vanno a lavorare a prescindere dovranno affrontare una multa da 600 a 1.500 euro ($ 705 – $ 1.175). Le aziende che non riescono a garantire che i propri dipendenti rispettino le regole saranno multate tra 400 e 1000 euro.

“Questo ha lo scopo di prevenire una nuova ondata di contagi e un nuovo sconvolgimento per l’economia italiana”, ha affermato Vincenzo de Luca, governatore della regione meridionale della Campania, con sede a Napoli.

“Sono felice. Siamo entrati in un periodo in cui la democrazia avanza sulla base delle decisioni, non delle chiacchiere”, ha detto in un messaggio su Facebook.

READ  Aggiornamento 1 - L'Italia coinvolgerà le principali società tecnologiche offshore nel piano cloud nazionale

In precedenza, l’Italia aveva reso obbligatorie le vaccinazioni per gli operatori sanitari, dopodiché aveva affermato che il personale scolastico doveva disporre del “corridoio verde” COVID-19 per lavorare.

La maggior parte dei partiti ha sostenuto la decisione del presidente del Consiglio Mario Draghi di estendere il permesso a tutti i 23 milioni di lavoratori italiani.

Alcuni gruppi di estrema destra hanno promesso di combatterlo e gli oppositori hanno chiesto proteste a livello nazionale nel fine settimana, ma non è chiaro quante persone scenderanno in piazza. L’ultima chiamata del genere è fallita il mese scorso quando la corsia verde è diventata obbligatoria per i treni ad alta velocità.

L’Italia ha il secondo più alto numero di morti per COVID-19 in Europa dopo la Gran Bretagna, con oltre 130.200 persone morte a causa della malattia da quando l’epidemia è emersa all’inizio del 2020.

Circa il 74% dei suoi 60 milioni di residenti ha avuto almeno un’iniezione di COVID-19 e il 68,6% è stato completamente vaccinato, cifre generalmente coerenti con la maggior parte degli altri paesi dell’UE. – Reuters

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Lady Gaga inonda Tony Bennett d’amore prima di pubblicare il suo ultimo album insieme
Next Post I Red Sox vincono per la quarta volta consecutiva, sempre con Club O – il Boston Herald