Le persone con condizioni allergiche, come febbre da fieno ed eczema, possono avere un rischio inferiore di infezione da COVID-19

Età, sesso maschile e altre condizioni mediche non associate a un aumento del rischio… Diversamente dall’etnia asiatica, dall’obesità, dal sovraffollamento, dalla socievolezza e dai ruoli che le persone devono affrontare.

Persone che soffrono di condizioni allergiche come febbre da fieno, rinite e atopia eczemaPotrebbero avere meno rischi COVID-19 Infezioni, soprattutto se hanno anche l’asma, trova un ampio studio basato sulla popolazione degli adulti nel Regno Unito, pubblicato online sulla rivista Respiratory il petto.

La ricerca rileva che, contrariamente ai risultati di studi recenti, l’età avanzata, il sesso maschile e altre condizioni sottostanti non sono associati a un aumento del rischio di infezione.

I risultati hanno mostrato che l’etnia asiatica, l’obesità, il sovraffollamento familiare, i contatti sociali all’interno della casa con altre famiglie e lo stress su un ruolo che le persone devono affrontare oltre all’assistenza sanitaria e sociale erano tutti associati indipendentemente a un aumento del rischio di COVID-19.

Un numero crescente di prove suggerisce che almeno alcuni dei fattori di rischio per lo sviluppo di COVID-19 possono differire da quelli che portano a malattie gravi e alla necessità di cure intensive, affermano i ricercatori.

Per esplorare ulteriormente questo e conoscere il contributo di fattori demografici, socioeconomici, stile di vita, dieta, cure mediche e condizioni sottostanti che possono portare al rischio di contrarre COVID-19, i ricercatori hanno ottenuto informazioni dettagliate sui potenziali fattori di rischio per l’infezione tra gli adulti del Regno Unito tra maggio 2020. e febbraio 2021.

A tutti i partecipanti è stato chiesto di fornire informazioni sulla loro età, circostanze familiari, occupazione, stile di vita, peso, altezza, condizioni mediche a lungo termine, uso di farmaci, stato vaccinale, dieta e assunzione di integratori quando hanno aderito allo studio e poi di nuovo nei mesi successivi .

READ  Monitoraggio dello spazio: la NASA sta cercando una cura per i problemi di Hubble | Telescopio Spaziale Hubble

Dei 16.081 soggetti eleggibili, 15.227 hanno completato almeno un questionario di follow-up mensile 30 o più giorni dopo l’adesione allo studio; e 14.348 hanno completato il sondaggio finale entro il 5 febbraio 2021.

L’età media dei partecipanti era di 59 anni; il 70% delle donne; E il 95% ha identificato la propria etnia come bianca.

In tutto, 446 partecipanti (circa il 3%) hanno avuto almeno un episodio di infezione da COVID-19 confermata, come determinato dal test del tampone (PCR o flusso laterale) durante il periodo di studio e 32 sono stati ricoverati in ospedale.

I ricercatori hanno tenuto conto di una serie di potenziali fattori di influenza: età: sesso: durata della partecipazione allo studio: etnia: frequenza del test: etnia; formazione scolastica; privazione del reddito familiare; tipo di alloggio, numero di persone per camera da letto; Scolari a casa che proteggono la proprietà del cane da compagnia. socializzazione con altre famiglie; visitare negozi e altri luoghi pubblici al coperto; viaggiare per lavoro o studio; lo status del lavoratore di prima linea; attività fisica, assunzione di alcol; peso (indice di massa corporea); crisi; Allergia. uso di farmaci immunosoppressori, corticosteroidi per via inalatoria e broncodilatatori; stato di vaccinazione BCG; mangiare frutta, verdura e insalata; E l’uso di integratori alimentari.

Pertanto, alcuni fattori sono emersi come associati in modo indipendente all’aumento delle probabilità di contrarre il COVID-19.

Le persone di origine britannica/asiatica avevano maggiori probabilità di sviluppare infezioni rispetto alle loro controparti bianche.

Allo stesso modo, il sovraffollamento delle famiglie; socializzazione con altre famiglie nella settimana precedente; numero di visite a luoghi pubblici al coperto; un ruolo rivolto a persone diverse dall’assistenza sanitaria e sociale; Ed essere in sovrappeso/obesi sono tutti associati a un aumento del rischio.

READ  Il fisico afferma di aver risolto il mistero della coscienza

I risultati hanno mostrato che più persone condividevano una famiglia e più visite agli spazi pubblici interni erano, maggiori erano le probabilità di infezione.

Ma la malattia atopica (causata da un allergene), che include eczema/dermatite e febbre da fieno/rinite allergica, era indipendentemente associata a una probabilità inferiore del 23% di sviluppare un’infezione rispetto a quelli senza malattia atopica o asma.

E tra quelli con malattia atopica e asma, il rischio era più basso: 38%. Questa relazione è stata convalidata anche dopo aver tenuto conto dei fattori dell’uso di inalatori di steroidi.

I ricercatori hanno affermato che l’assunzione di farmaci per sopprimere la risposta del sistema immunitario (immunosoppressori) era anche associata a una probabilità inferiore del 53% di contrarre l’infezione da COVID-19, sebbene ciò possa riflettere una maggiore protezione dall’infezione da parte di questi pazienti.

Ma l’età, il sesso, altre condizioni mediche, la dieta e l’uso di integratori non erano associati al rischio.

Questo è uno studio osservazionale e, come tale, non può dimostrare la causa. I ricercatori riconoscono alcune limitazioni al loro studio.

Questi includono la mancanza di controllo sul test del tampone e la dipendenza dai risultati dei test di routine che di solito sono guidati dai sintomi, quindi è probabile che quelli con infezioni asintomatiche manchino.

I partecipanti si sono anche offerti volontari, quindi alcune minoranze etniche, in particolare i neri, africani e caraibici, erano sottorappresentate nello studio.

Tuttavia, i ricercatori hanno concluso: “Questo ampio studio prospettico basato sulla popolazione mostra che esiste una sovrapposizione limitata tra i fattori di rischio per lo sviluppo di COVID-19 rispetto a quelli per il ricovero in terapia intensiva e la morte, come riportato nella coorte ospedaliera”.

READ  Guarda gli astronauti dare una spinta alla Stazione Spaziale Internazionale

Riferimento: “Fattori di rischio per lo sviluppo di COVID-19: uno studio longitudinale basato sulla popolazione (COVIDENCE UK)” di Hayley Holt, Muhammad Talay, Matthew Greene, Dominic Zener, Jane Simmons, Claire Rilton, Catherine S. Young, Molly R Davies, Kathryn N. Thompson, Jade Ashman, Sultan Saeed Rajput, Ahmed Ali Kayali, Sarah Al-Rifai, Philippa G Lloyd, David Gulevi, Olivia Themis, Sarah Viner, Stamatina Iliodromiti, Alec Miners, Nicholas Hopkinson, Bodroll Alam, Graham Lloyd Jones, Thomas Dietrich e Ian Chapel, Paul E. Pfeiffer, David McCoy, Gwyneth Davis, Ronan A. Lyons, Christopher Griffiths, Frank Key, Aziz Sheikh, Jerome Brin, Seif O. Shaheen e Adrian R. Martino, 30 novembre 2021, 2021 il petto.
DOI: 10.1136 / Thoraxjnl-2021-217487

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Frankie Dettori: Sky Documentaries per presentare la storia della vita del ciclista ‘animato’ in sella e fuori sella | Notizie sulle corse
Next Post BTS prende la canzone dell’anno a Butter