Le persone che risultano negative al test per Covid-19 nonostante l’esposizione possono avere una “memoria immunitaria” | Corona virus

Conosciamo tutti quella persona che, nonostante tutta la sua famiglia abbia contratto il Covid-19, non è mai risultata positiva alla malattia. Ora gli scienziati hanno trovato una spiegazione, mostrando che una percentuale di persone soffre di una “infezione fallita” in cui il virus entra nel corpo ma viene eliminato dalle cellule T del sistema immunitario in una fase iniziale, il che significa che la reazione a catena della polimerasi (PCR ) e i test anticorpali riportano un risultato negativo.

Circa il 15% degli operatori sanitari monitorati durante la prima ondata dell’epidemia a Londra, in Inghilterra, sembra adattarsi a questo scenario.

Gli scienziati hanno affermato che la scoperta potrebbe aprire la strada a una nuova generazione di vaccini che mirano alla risposta dei linfociti T, che può produrre un’immunità più duratura.

Leo Swadling, immunologo presso l’University College di Londra e autore principale del documento, ha dichiarato: “Tutti avevano prove aneddotiche che le persone erano state esposte ma non soccombevano all’infezione. Quello che non sapevamo era se questi individui fossero davvero riusciti a evitare il virus. completamente o se avessero eliminato il virus in modo naturale prima che fosse rilevato attraverso i test di routine”.

L’ultimo studio ha monitorato ampiamente gli operatori sanitari per segni di infezione e risposte immunitarie durante la prima ondata dell’epidemia. Nonostante l’elevato rischio di esposizione, 58 partecipanti non sono risultati positivi al Covid-19 in nessun momento. Tuttavia, i campioni di sangue prelevati da queste persone hanno mostrato un aumento delle cellule T che hanno reagito contro il Covid-19, rispetto ai campioni prelevati prima dello scoppio dell’epidemia e rispetto alle persone che non sono state affatto esposte al virus. Hanno anche aumenti in un altro marker sanguigno di un’infezione virale.

READ  La contea di Los Angeles non ha segnalato alcun nuovo decesso di COVID-19

Il lavoro indica che un sottoinsieme di persone aveva già cellule T di memoria da una precedente infezione con altri coronavirus stagionali che causano il comune raffreddore, che li protegge dal Covid-19.

Queste cellule immunitarie “annusano” le proteine ​​nel meccanismo di replicazione – un’area di Covid-19 condivisa con i coronavirus stagionali – e in alcune persone questa risposta è stata abbastanza rapida ed efficace da eliminare l’infezione in una fase iniziale. “Queste cellule T preesistenti sono pronte a riconoscere SARS-CoV-2”, ha detto Swadling.

Lo studio si aggiunge allo spettro noto di possibilità dopo l’esposizione a Covid-19, dalla fuga completamente dall’infezione all’essere gravemente ammalati.

“Questo studio identifica [a new] Risultato intermedio: esposizione sufficiente ai virus per attivare parte del sistema immunitario, ma non abbastanza per manifestare sintomi, rilevare livelli significativi di virus o aumentare la risposta anticorpale. ”

Questa scoperta è particolarmente importante perché il braccio delle cellule T della risposta immunitaria tende a conferire un’immunità più duratura, di solito per anni anziché mesi, rispetto agli anticorpi. Quasi tutti i vaccini Covid-19 esistenti si concentrano sulla preparazione di anticorpi contro la proteina spike vitale che aiuta il SARS-CoV-2 a entrare nelle cellule. Questi anticorpi neutralizzanti forniscono un’eccellente protezione contro le malattie gravi. Tuttavia, l’immunità diminuisce nel tempo e una potenziale debolezza dei vaccini a base di spike è che questa regione del virus è nota per mutare.

Al contrario, la risposta delle cellule T non tende a svanire così rapidamente e il meccanismo trascrizionale intrinseco che la prende di mira è altamente conservato tra i coronavirus, il che significa che un vaccino che colpisca anche questa regione probabilmente proteggerebbe da nuovi ceppi – e forse anche contro ceppi completamente nuovi. Patogeni.

READ  La Terra è buia - a causa del cambiamento climatico

“Le idee di questo studio potrebbero essere fondamentali per la progettazione di un diverso tipo di vaccino”, ha affermato Andrew Friedman, Reader in Infectious Diseases presso la Cardiff University School of Medicine. “Un vaccino che innesca l’immunità delle cellule T contro diversi bersagli proteici virali condivisi tra molti diversi coronavirus completerebbe i vaccini spike che inducono anticorpi neutralizzanti. Poiché questi sono componenti all’interno del virus, gli anticorpi sono meno efficaci, invece le cellule T svolgono un ruolo .

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Fortnite annuncia l’uscita del crossover Naruto Shippuden la prossima settimana
Next Post CFDA Awards 2021: Moda – In diretta dal tappeto rosso