Le parentesi per accordi globali per la siccità mentre i consigli di amministrazione tengono l’espansione

Gli accordi globali stanno entrando in una stagione secca poiché l’iperinflazione e il crollo del mercato azionario frenano l’appetito di molti consigli aziendali di espandersi attraverso acquisizioni.

L’invasione russa dell’Ucraina a febbraio ei timori di un’imminente recessione hanno inferto un duro colpo alle attività di fusioni e acquisizioni (M&A) nel secondo trimestre.

Il valore delle offerte annunciate è sceso del 25,5% anno su anno a $ 1 trilione, secondo i dati di Dealogic.

“Le aziende stanno ritirando le fusioni e acquisizioni a breve termine perché si concentrano maggiormente sull’impatto della recessione sulle loro attività. Arriverà il momento per concludere gli accordi, ma non credo che sia ancora arrivato”, ha affermato Alison Harding-Jones. Responsabile fusioni e acquisizioni presso Citigroup Inc., Europa, Medio Oriente e Africa.

I dati di Dealogic hanno mostrato che l’attività di fusioni e acquisizioni negli Stati Uniti è scesa del 40% a 456 miliardi di dollari nel secondo trimestre, mentre l’attività nella regione Asia-Pacifico è scesa del 10%.

L’Europa è stata l’unica regione in cui gli accordi non sono crollati.

L’attività è aumentata del 6,5% nel trimestre, trainata principalmente da un’ondata di accordi di private equity, tra cui un’offerta pubblica di acquisto privata da 58 miliardi di euro (61 miliardi di dollari) della famiglia Benetton e il fondo di acquisizione statunitense Blackstone del gruppo infrastrutturale italiano Atlantia.

Le entrate globali della quotazione sono diminuite dell’84% a $ 33 miliardi nel secondo trimestre, secondo Dealogic, poiché solo 274 società hanno tentato di raccogliere denaro tramite un’offerta pubblica iniziale (IPO) rispetto alle 852 dello stesso trimestre dell’anno scorso.

READ  Il Covid-19 ha colpito l'Everest, ma non ha fermato la stagione delle scalate

“Siamo preoccupati per la seconda metà dell’anno, ma gli accordi sono ancora in corso”, ha affermato Mark Shaffer, co-responsabile globale di fusioni e acquisizioni di Citigroup.

La transazione più importante del trimestre è stata l’acquisto da parte di Broadcom Inc di 61 miliardi di dollari in contanti e azioni di VMWare Inc negli Stati Uniti.

Altri includono l’acquisizione di Twitter da 44 miliardi di dollari proposta da Elon Musk e la mossa di HDFC Bank, il più grande prestatore privato indiano, di rilevare il maggiore azionista in un accordo da 40 miliardi di dollari per creare un gigante dei servizi finanziari per attingere alla crescente domanda di credito.

Con i mercati azionari che affrontano continue turbolenze, i board sono diffidenti nel fare scommesse costose.

“È improbabile che vedremo un gran numero di mega affari e acquisizioni in corso nei prossimi due trimestri. È difficile fare fusioni e acquisizioni quando le aziende vengono scambiate al minimo di 52 settimane”, ha affermato Mark Cooper, CEO di US Consulting Salomone. partner.

Il volume delle transazioni transfrontaliere è diminuito del 25,5% nei primi sei mesi dell’anno. Nessuna ondata tradizionale di investimenti americani in Europa si è verificata sulla scia del conflitto russo-ucraino.

L’offerta da 16 miliardi di dollari di Philip Morris International per il rivale più piccolo Swedish Match è stata l’unica eccezione degna di nota oltre confine in un trimestre dominato dagli accordi locali.

ha affermato Andre Kelleners, Presidente di M&A Europa, Medio Oriente e Africa di Goldman Sachs Group Inc.

READ  Gli standard di qualità europei salvano la giornata in un raccolto difficile 2021


problema del debito

Il finanziamento delle acquisizioni è diventato più costoso per le aziende poiché le banche centrali alzano i tassi di interesse per combattere l’inflazione.

Anche coloro che hanno i contanti per fare un’operazione – o usano le loro azioni come valuta – trovano difficile concordare un prezzo in mercati volatili.

“La volatilità del mercato azionario è un importante ostacolo per fusioni e acquisizioni strategiche.

“Quando c’è volatilità nel mercato azionario, è difficile avere conversazioni di valore e rende difficile utilizzare le azioni come valuta”, ha affermato Damien Zubek, co-responsabile della pratica aziendale statunitense e delle fusioni e acquisizioni presso Freshfields Bruckhaus Deringer.

In Europa, il forte deprezzamento dell’euro e della sterlina ha reso le aziende vulnerabili alle iniziative opportunistiche degli investitori di private equity.

L’acquisto di denaro è stato uno dei principali fattori trainanti degli accordi globali, generando finora 674 miliardi di dollari di accordi quest’anno.

“Le turbolenze di mercato rappresentano un’opportunità per i fondi di private equity con valutazioni inferiori”, ha affermato Umberto Giacometti, co-presidente degli sponsor finanziari EMEA di Nomura Group.

“C’è molto lavoro di screening in corso sulle società quotate sia per acquisizioni private che per acquisizioni di partecipazioni in società pubbliche. Ma senza l’adeguamento dei prezzi, l’attività non può riprendere correttamente”, ha affermato Giacometti.

Ha previsto che il volume medio degli accordi di private equity si sarebbe ridotto quando le banche avrebbero chiuso i rubinetti ai finanziamenti e ha messo in guardia i fondi fiduciari privati ​​​​dal firmare grandi assegni.

Andando avanti, i dealmaker si aspettano che le transazioni transfrontaliere tra Stati Uniti ed Europa alla fine rimbalzino, sulla scia di un dollaro forte e di un divario crescente tra le valutazioni delle società statunitensi ed europee.

READ  Le sanzioni economiche possono danneggiare la Russia, ma è improbabile che si tireranno indietro

“Con una visibilità leggermente superiore a quella che avevamo all’inizio di quest’anno, puoi aspettarti che gli afflussi di capitali riprendano e l’attività di negoziazione aumenti, anche sul lato finanziario”, ha affermato Goldmans Cleaners.

Ma prevale la cautela poiché le aziende continuano a cercare di recidere i legami con la Russia o di ridurre la loro esposizione alla regione.

“I clienti guardano sempre più all’interno piuttosto che all’esterno”, ha affermato Harding Jones di Citigroup.

(1 dollaro = 0,9508 euro)

(Questa storia non è stata modificata dai dipendenti di Business Standard e viene generata automaticamente da un feed condiviso.)

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Quordle Risposta 153: 26 giugno 2022 Risolvi le parole
Next Post I mistici hanno battuto i migliori assi WNBA nei tempi supplementari