Le inondazioni distruggono i raccolti e annegano il bestiame in una delle regioni gastronomiche italiane

Andreas Solaro/AFP/Getty Images

Le inondazioni hanno inondato un allevamento di maiali e i campi circostanti nella città di Lugo il 18 maggio, dopo che forti piogge hanno causato allagamenti nella regione settentrionale italiana dell’Emilia-Romagna.


Roma, Italia
Cnn

Quando la scorsa settimana ha iniziato a piovere in Emilia-Romagna, una delle principali destinazioni gastronomiche in un paese famoso per il suo cibo, l’agricoltore Andrea Betti ha temuto il peggio.

All’inizio di maggio, sei mesi di pioggia sono caduti in due settimane, interrompendo anni di siccità, ma non nel modo desiderato. Successivamente sono caduti altri sei mesi di pioggia, questa volta in 36 ore.

“La terra era arida a causa della siccità, si sono formate delle crepe e, come sappiamo, la terraferma è diventata impermeabile”, ha detto Petit, che è anche vicepresidente dell’organizzazione agricola Confagricoltura Ravenna. Poi l’acqua scivola via e distrugge tutto.

Sono scomparsi anche i frutteti, i vigneti e le colture pronte per il raccolto. Migliaia di fattorie sono ancora sott’acqua e un numero imprecisato di bestiame è morto o rischia di morire di fame. I video mostravano maiali che nuotavano nelle acque alluvionali. E la pioggia continua.

Confagricoltura fissa il prezzo del danno a 6.000 euro ($ 6.500) per ettaro per seminativi come grano, orzo, mais, soia, girasole, erba medica e altre colture da seme.

Andrea Karuba/Agenzia Anadolu/Getty Images

Un trattore esce di strada dopo un’alluvione fuori Ravenna, in Emilia-Romagna, il 20 maggio.

Il costo di frutteti, vigneti e uliveti è più di cinque volte superiore, a 32.000 euro per ettaro.

Il gruppo afferma che 40 comuni con tali colture sono sott’acqua. Se l’acqua scorre via, i raccolti rimanenti potrebbero sopravvivere. Ma più a lungo ristagna l’acqua, maggiore è il rischio di marciume radicale, il che significa che quelle colture devono essere ripiantate.

READ  UniCredit si conferma leader di mercato nei microbond: 100 piccole e medie imprese italiane sono ora garantite da 690 milioni di euro (+51% in un anno)

Coldiretti, il sindacato nazionale degli agricoltori del Paese, ha affermato in un comunicato che il danno è stato “incalcolabile” e che il settore più colpito è stato quello ortofrutticolo.

“Il lento flusso d’acqua lasciato nei frutteti ‘soffoca’ le radici degli alberi fino a farle marcire e il rischio di distruggere intere piantagioni richiederà anni prima che tornino a essere produttive”, ha detto il gruppo.

Anche le colture già raccolte sono a rischio. «In alcuni casi l’acqua è entrata anche nei magazzini e il grano umido non sarà vivibile con ingenti danni economici», ha avvertito in un’intervista radiofonica Massimo Masetti, direttore del Consorzio agrario ravennate.

L’Emilia-Romagna è una delle regioni più ricche d’Italia. La regione produce il 9,1% del PIL del paese. Occupazione 68 per cento, quasi il triplo rispetto al sud del Paese.

Conosciuta come la “Valle del cibo”, l’area ospita 19 musei che celebrano il cibo e i prodotti regionali, tra cui il parmigiano, il prosciutto, l’aceto balsamico e altre prelibatezze per le quali la regione è famosa.

Andrea Karuba/Agenzia Anadolu/Getty Images

I vigili del fuoco vengono a soccorrere le persone e recuperare i loro averi dopo che le inondazioni hanno colpito la zona di Furnas Zarateni a Ravenna il 20 maggio, in Emilia-Romagna.

Ci sono più ristoranti stellati pro capite in questa regione che in qualsiasi altra in Italia. I tour gastronomici portano ogni anno milioni di persone nella regione.

In altre parole, era uno dei luoghi più vivibili del paese, fino ad ora.

Quando nel 2012 un devastante terremoto colpì a nord della zona alluvionale, i danni al cuore del Paese, il “Made in Italy”, ammontarono a più di 13 miliardi di euro.

READ  Le azioni europee salgono a record dopo i dati sui posti di lavoro "Riccioli d'oro" negli Stati Uniti

Quell’alluvione potrebbe triplicare, secondo la Coldiretti, ma il vero costo non sarà calcolato fino a quando le acque non si ritireranno. La Coldiretti teme che annegheranno migliaia di capi di bestiame.

Le organizzazioni agricole affermano che attualmente sono più di 5.000 le aziende agricole con serre/vivai, stalle e fienili “allagati”, ma non hanno nemmeno iniziato a esaminare aziende agricole e comunità ancora isolate dalle frane.

Quelle città in cima alla collina non avrebbero subito i danni delle inondazioni, ma dopo giorni senza cibo, acqua ed elettricità, hanno iniziato a ricevere segnalazioni di condizioni disastrose.

Il maltempo come quello accaduto questo mese in Emilia-Romagna lascia perplessi anche gli esperti. Luca Mercalli, presidente della Società meteorologica italiana, ha detto ai giornalisti sul posto che non c’era modo di prevedere tali disastri.

“L’unica cosa nuova che si può dire sulle recenti inondazioni è che due record sono stati battuti in 15 giorni nella stessa area. Un evento come quello del 2 maggio potrebbe accadere una volta ogni secolo, ma poi un altro 15 giorni dopo… ci sono due occasioni di pioggia battente in un lasso di tempo così breve, e nella stessa area, è ciò che è davvero sorprendente.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *