Le impronte umane più antiche trovate in Nord America nel New Mexico | notizie di scienza e tecnologia

Impronte fossili risalenti a 23.000 anni fanno risalire la storia conosciuta quando il continente fu colonizzato migliaia di anni fa.

Secondo i ricercatori, negli Stati Uniti sono state scoperte impronte risalenti a 23.000 anni fa, indicando che gli umani si stabilirono in Nord America molto prima della fine dell’ultima era glaciale.

I risultati annunciati giovedì posticipano di migliaia di anni la data in cui il continente è stato colonizzato dai suoi primi abitanti.

Le impronte sono state lasciate nel fango sulle rive di un lago prosciugato da tempo, che ora fa parte del deserto del New Mexico.

I sedimenti hanno riempito le lacune e si sono solidificati nelle rocce, proteggendo le prove dei nostri antichi parenti e dando agli scienziati uno sguardo dettagliato sulle loro vite.

Le prime impronte sono state trovate sul fondo di un lago asciutto nel Parco Nazionale di White Sands nel 2009. Gli scienziati dell’US Geological Survey hanno recentemente analizzato i semi bloccati nelle impronte per determinare la loro età approssimativa, che va da 22.800 a 21.130 anni fa.

“Molte delle tracce sembrano essere per adolescenti e bambini; “le impronte di adulti più grandi sono meno frequenti”, hanno scritto gli autori dello studio pubblicato sulla rivista americana Science.

Un’ipotesi per questo è la divisione del lavoro, in cui gli adulti si impegnano in compiti che richiedono abilità mentre “prendere e trasportare” è delegato agli adolescenti.

“I bambini accompagnano gli adolescenti e insieme lasciano più impronte”.

I ricercatori hanno anche trovato impronte lasciate da mammut, lupi preistorici e persino bradipi giganti, che sembrano essere state più o meno nello stesso periodo in cui gli umani hanno visitato il lago.

READ  Nuova teoria: i giorni della Terra più lunghi hanno stimolato la crescita dell'ossigeno

Scoperte storiche

Le Americhe sono state l’ultimo continente raggiunto dall’umanità.

Per decenni, la teoria più popolare è stata che i coloni arrivassero in Nord America dalla Siberia orientale attraverso un ponte di terra, l’attuale Stretto di Bering.

Dall’Alaska, dirigiti a sud per un’atmosfera molto più piacevole.

Le prove archeologiche, comprese le punte di lancia usate per uccidere i mammut, suggeriscono da tempo un insediamento di 13.500 anni legato alla cosiddetta cultura Clovis, che prende il nome da una città del New Mexico.

Questa era considerata la prima civiltà del continente e il predecessore dei gruppi che divennero noti come nativi americani.

Tuttavia, l’idea della cultura di Clovis è stata messa in discussione negli ultimi 20 anni, con nuove scoperte che hanno riportato indietro l’era dei primi insediamenti.

In generale, anche questa stima differita dell’età dei primi insediamenti non superava i 16.000 anni, dopo la fine del cosiddetto “ultimo massimo glaciale” – il periodo in cui le calotte glaciali erano più estese.

Questo episodio, durato fino a circa 20.000 anni fa, è cruciale perché si ritiene che con il ghiaccio che copre gran parte delle parti settentrionali del continente, la migrazione umana dall’Asia al Nord America e oltre sarebbe stata molto difficile.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Calcio in diretta: come guardare le migliori partite del fine settimana, tra cui Chelsea vs Man City, Arsenal e Tottenham
Next Post Lauren Hill parla di una riunione dei Fugees