Le elezioni presidenziali italiane potrebbero plasmare il futuro dell’Unione Europea

Nel gennaio 2022, il parlamento italiano, insieme ai rappresentanti regionali, terrà una votazione segreta per eleggere il prossimo presidente del paese e la sua scelta avrà ripercussioni molto più ampie di quanto la maggior parte delle persone creda. Abbiamo individuato nelle elezioni presidenziali italiane uno dei tre voti che potrebbero determinare il destino dell’Unione europea nei prossimi anni, gli altri due sono le elezioni federali tedesche di settembre e quelle francesi di aprile e giugno prossimi.

Il presidente italiano è generalmente visto svolgere solo un ruolo cerimoniale. Tuttavia, sebbene la costituzione italiana affermi che la repubblica è una democrazia parlamentare, in cui il governo si affida alla fiducia di un legislatore eletto, questo sistema funziona solo durante i periodi di relativa “quiete”. Quando il sistema politico è dominato da partiti ben funzionanti in grado di assicurarsi una solida maggioranza in parlamento, il ruolo del presidente è marginale, ma in periodi “turbolenti”, quando il sistema politico è debole e incapace di offrire soluzioni praticabili, il presidente diventa una macchina I due strumenti più importanti a disposizione del Presidente italiano sono il potere di nominare il Presidente del Consiglio e di approvare il governo di quel leader; e il potere di sciogliere il Parlamento dopo aver “ascoltato” i capi di entrambe le Camere. Inoltre, in quanto firmatario di fatto di tutte le leggi e ordinanze, il Presidente ha anche il potere di restituire la legislazione al Parlamento. Il presidente è anche comandante in capo dell’esercito e capo dell’organo di governo della magistratura.

Grazie a questi ruoli, in Italia sono da tempo riconosciute due catene trainanti. Il primo è guidato dal primo ministro, che esercita il potere attraverso i ministri e il più ampio sistema politico. Il Primo Ministro è ufficialmente responsabile degli affari interni e ha la maggiore influenza sulla vita quotidiana delle persone. La legittimità politica è la chiave del lavoro di questa posizione. La seconda linea di leadership è più istituzionale che politica. Il presidente è responsabile delle relazioni dell’Italia con l’Europa, compresa la sua adesione ai trattati e alle regole dell’UE, e con alleati come gli Stati Uniti. Il presidente esercita la sua influenza attraverso le strutture tecnocratiche del Ministero dell’Economia e delle Finanze, in particolare il potente Ragioneria e la Banca d’Italia. Nelle passate occasioni in cui il sistema politico italiano sembrava volgersi verso posizioni populiste anti-UE, è stato il presidente a rassicurare gli alleati sull’impegno dell’Italia negli accordi internazionali.

READ  Principali sviluppi COVID-19 nell'Unione europea, aggiornamento politico e normativo n. 48 | Jones giorno

Le elezioni presidenziali italiane si svolgeranno in un momento cruciale. Accettando di ricevere quasi 200 miliardi di euro in sovvenzioni condizionali e prestiti a basso costo dal Fondo di nuova generazione dell’UE da 750 miliardi di euro, l’Italia dovrebbe avviare un ambizioso programma di riforme dal 2022 al 2026. Dimostrando che la ridistribuzione all’interno dell’UE può essere effettuata in modo efficiente e in effetti, l’Italia potrebbe cambiare radicalmente le politiche dell’UE, aprendo la strada a un meccanismo di redistribuzione permanente e alla creazione di un’unione fiscale.

Le implicazioni politiche saranno profonde. L’UE disporrà di maggiori mezzi per collegare il sostegno finanziario alle riforme strutturali nazionali, con l’obiettivo di aumentare il potenziale di crescita del blocco. Allo stesso tempo, la politica monetaria giocherà un ruolo relativamente minore, con la Banca centrale europea che si concentrerà quasi esclusivamente sul controllo dell’inflazione, piuttosto che seguire misure di condivisione del rischio di backdoor in assenza di una tesoreria comune. Ma se l’Italia si dimostra incapace di spendere i soldi dell’UE in modo efficace, la prossima generazione dell’UE sarà ricordata come un esercizio una tantum. Lo stimolo economico continuerà ad essere un compito dei responsabili delle politiche fiscali nazionali e della Banca centrale europea.

È quindi essenziale che l’Italia riesca a rendere più efficiente la propria economia. Questo risultato non è affatto certo, dato il suo track record relativamente scarso nella distribuzione dei fondi dell’UE. L’approvazione da parte della Commissione europea del piano di risanamento italiano deve molto al fatto che l’ex presidente della Banca centrale europea Mario Draghi è ora presidente del Consiglio italiano. La domanda quindi è come garantire al meglio che Draghi continui a guidare le riforme italiane.

READ  Rick Steves: Lago di Como, Dove Luna di Miele Italiani

Ci sono due scuole di pensiero. Il primo considera Draghi in una buona posizione per ricoprire la carica di primo ministro almeno fino alla fine dell’attuale parlamento nel febbraio 2023. Ciò gli consentirebbe di supervisionare l’attuazione iniziale del piano, mentre i partiti centristi tentano di presentare una piattaforma politica che fornirgli una nuova maggioranza nelle prossime elezioni generali. Avrà tempo almeno fino al 2023 (e forse anche al 2028) per attuare l’agenda di prossima generazione dell’UE. La seconda scuola di pensiero pensa che sarebbe meglio che Draghi diventasse presidente. In questo modo potrà presidiare molti elementi del piano di riforma per i prossimi sette anni, assicurando che l’Italia si attenga alla lettera e allo spirito dei trattati dell’UE, anche se un nuovo governo scettico sull’UE prenderà il potere.

La prima opzione sembra più facile, perché l’attuale governo non sarà toccato dalle elezioni presidenziali del 2022; Ma potrebbe incontrare dei problemi l’anno successivo, perché non c’è alcuna garanzia che Draghi ritorni alla carica di primo ministro. Il secondo scenario dipenderà dalla vittoria di Draghi a scrutinio segreto per la presidenza, anch’esso non garantito, ma che manterrà la sua presenza a capo dello Stato per i prossimi sette anni.

L’Italia resta l’anello più debole dell’Eurozona. Ciò significa che la politica italiana sarà la chiave per la sopravvivenza e la prosperità dell’UE nei prossimi anni. Se i partiti populisti tornano al potere con già alti livelli di debito e deficit, l’appartenenza dell’Italia all’eurozona potrebbe essere messa in discussione, prefigurando ogni tipo di turbolenza del mercato. Lungi da una formalità rituale, il prossimo voto presidenziale non potrebbe essere più significativo. © 2021 / Progetto Sindacato

READ  I punti salienti dell'economia creativa nel forum online del Times

Nouriel Roubini e Brunello Rosa sono rispettivamente i fondatori di TheBoomBust.com; È visiting professor presso l’Università Bocconi.

partecipazione a Newsletter alla menta

* Inserisci un’email disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’anime si scatena con gli spettacoli del Cyber ​​Monday di Funimation
Next Post I Rangers Corey Caesar gestiscono le prospettive interne di Marcus Semian