Le economie del G7 potrebbero perdere quasi $ 5 trilioni all’anno entro il 2050 a causa dei cambiamenti climatici: studio

TORONTO – Le economie del G7, compreso il Canada, si ridurranno del doppio rispetto alla pandemia di COVID-19 se non affronteranno il cambiamento climatico, Secondo un nuovo studio.

La ricerca, condotta da Oxfam e dallo Swiss Re Institute, mostra che si prevede che le maggiori economie industriali del mondo perderanno l’8,5 per cento del PIL all’anno, o quasi 5 trilioni di dollari, entro il 2050 se i loro leader non metteranno in atto un piano più ambizioso. . Cambiamento climatico.

Secondo i risultati, le economie delle nazioni del G7 – Canada, Regno Unito, Stati Uniti, Giappone, Francia, Germania e Italia – si sono ridotte in media del 4,2% durante la pandemia, portando a massicce perdite di posti di lavoro e a grandi pacchetti di incentivi. .

In un comunicato stampa, Oxfam ha affermato che le economie dovrebbero riprendersi da questi effetti a breve termine della pandemia, mentre l’impatto del cambiamento climatico si farà sentire ogni anno.

Il Canada, insieme agli Stati Uniti e al Regno Unito, perderebbe dal 6 al 7% del PIL entro il 2050 se ci fosse un aumento della temperatura globale da 2 a 2,6 gradi Celsius e fino al 9% del PIL se la temperatura aumentasse 3,2 gradi Celsius e, secondo lo studio, non cambiano le loro attuali politiche climatiche

Per fare queste previsioni, i ricercatori dello Swiss Re Institute modellano come i cambiamenti climatici influenzeranno le economie attraverso rischi climatici graduali e cronici come stress da calore, effetti sulla salute, aumento del livello del mare e produttività agricola.

Oxfam ha affermato che mentre si prevede che tutti i 48 paesi intervistati vedranno una contrazione delle loro economie, alcuni saranno molto peggiori di altri.

READ  Le battaglie dell'Italia hanno continuato ad affrontare sfide di stabilità politica

Ad esempio, si prevede che l’India perderà il 27% della sua economia e le Filippine dovrebbero perdere il 35% in più.

Canada, Stati Uniti e Germania sono invece tra i primi dieci meno esposti ai cambiamenti climatici perché sono meno esposti ai rischi associati e dispongono di migliori risorse per affrontarli.

“Si trovano tutti a latitudini più elevate, il che indica meno stress sulla produttività da temperature più elevate. Hanno anche un’infrastruttura di mitigazione più robusta”, afferma lo studio.

Ma per i paesi a basso reddito, i ricercatori di Oxfam hanno avvertito che le conseguenze del cambiamento climatico potrebbero essere molto maggiori, citando questo studi recenti dalla Banca Mondiale che ha indicato che tra 32 milioni e 132 milioni di persone in più dovranno affrontare la povertà estrema entro il 2030 a causa del cambiamento climatico.

“La crisi climatica sta già devastando la vita dei paesi poveri, ma le economie più avanzate del mondo non ne sono immuni”, ha dichiarato lunedì Danny Sriskandragah, amministratore delegato di Oxfam Great Britain, in un comunicato stampa.

Inoltre, Sriskandragah ha esortato il governo britannico ad assumere un ruolo guida nello sviluppo di un piano per ridurre le emissioni di gas serra quando i leader del Gruppo dei Sette nazioni si riuniranno per un vertice a Cambridge, nel Regno Unito, questo fine settimana. Oltre ad ospitare il vertice del G7, il Regno Unito terrà colloqui sul clima delle Nazioni Unite, chiamati COP26, a Glasgow a novembre.

“Il governo del Regno Unito ha un’opportunità irripetibile di guidare il mondo verso un pianeta più sicuro e più vibrante per tutti noi”, ha affermato Sriskandragah.

READ  L'Italia ha segnalato 344 morti per coronavirus mercoledì, con 13.385 nuovi casi

“Ogni nervo deve lottare per la diplomazia per garantire il miglior risultato possibile in G7 e COP26 e dare l’esempio trasformando le promesse in azioni”.

E mentre i governi del G7 hanno già svelato nuovi obiettivi climatici in vista del vertice COP26, Oxfam ha affermato che la maggior parte di essi non soddisfa ciò che è necessario per limitare il riscaldamento globale a meno di 1,5 gradi Celsius.

“Come alcuni dei più grandi emettitori storici del mondo – responsabili di un terzo delle emissioni di anidride carbonica dal 1990 – devono dare l’esempio in questo anno cruciale”, ha affermato l’ente benefico.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Liam Payne descrive in dettaglio le lotte “estreme” per la salute mentale e la sobrietà in 1D
Next Post Clippers vs. Jazz Score, Takeaways: Donovan Mitchell guida lo Utah a riconquistare Los Angeles in gara 1