Le cerimonie vaticane di routine sono state scosse dalle dimissioni di Benedetto nel 2013

CITTÀ DEL VATICANO (AP) – La giornalista veterana Giovanna Cherry sta cominciando ad appisolarsi nella sala stampa vaticana durante una lenta pausa quando all’improvviso, il latino che ha imparato al liceo la stressa – e le dà lo scoop di una vita.

Era l’11 febbraio 2013 e Cherry stava guardando la copertura televisiva a circuito chiuso di Papa Benedetto XVI che presiedeva una prima riunione di cardinali per programmare tre messe imminenti.

Ma al termine della cerimonia, invece di alzarsi e uscire dalla sala armonica del Palazzo apostolico, Benedetto è rimasto seduto, ha tirato fuori un solo foglio di carta e si è messo a leggere.

“Vi ho chiamato in questa cappella, non solo per il bene delle tre canonizzazioni, ma anche per informarvi di una decisione di grande importanza per la vita della Chiesa”, ha detto Benedetto con calma nel suo tedesco estratto in latino.

Sherry ha continuato, ma ha iniziato a rendersi conto del significato di ciò che stava accadendo solo quando ha sentito Benedict pronunciare la frase “ingravescente aetate”. Il termine è latino per “età avanzata”, ed è il titolo di un regolamento vaticano del 1970 che impone ai vescovi di andare in pensione al raggiungimento dei 75 anni di età.

Conoscendo bene i regolamenti latini e vaticani, Cherry inizia lentamente a rendersi conto che Benedict ha appena annunciato che anche lui andrà in pensione, alla fine del mese, perché crede di essere troppo vecchio per il lavoro.

Questa è stata la prima rinuncia papale in 600 anni, e Cherry, corrispondente dal Vaticano per l’agenzia di stampa ufficiale ANSA, stava per dare la notizia al mondo.

“Sentendo questo ‘ingravescente aetate’ ho iniziato a sentirmi male fisicamente, una reazione davvero violenta”, ha ricordato Cherry anni dopo.

READ  L'uscita dell'Italia dai Mondiali dopo una strepitosa sorpresa in Macedonia del Nord: è la fine dell'era di Roberto Mancini?

La sua testa sembrava un palloncino gonfiato. La sua gamba sinistra iniziò a tremare in modo così incontrollabile che dovette stringerla con una mano mentre iniziava a telefonare alle sue fonti vaticane per assicurarsi di aver sentito bene Benedetto.

Dopo aver finalmente ricevuto conferma da un portavoce vaticano, Cherry ha inviato l’indirizzo espresso all’ANSA alle 11:46.

“Il Papa lascerà il pontificato, a partire dal 28 febbraio”, si legge nel comunicato.

Benedetto è deceduto sabato, quasi un decennio dopo quel giorno memorabile.

Anni dopo, Sherry sta ancora cercando le parole giuste per esprimere il burnout emotivo, fisico, professionale e intellettuale causato da quel titolo e da tutto ciò che implicava.

“Sono rimasta inorridita dalla notizia, che non avrei potuto immaginare”, ha detto.

A parte il fatto che era veramente innamorata di Benedetto come Papa, Cherry non poteva immaginare che un teologo tedesco conservatore che aveva passato la vita a sostenere le regole e il dogma della Chiesa avrebbe compiuto il passo rivoluzionario delle dimissioni.

“Sono passati otto anni ormai e ci siamo abituati”, ha detto in un’intervista nel 2021. “Ma otto anni fa, l’idea che un papa potesse dimettersi era più lontana (dalla realtà). Era un’ipotesi teorica” ​​che era tecnicamente possibile ma è stata respinta più e più volte dai papi nel corso dei secoli.

Cherry ha ottenuto riconoscimenti per avere la capacità intellettuale di capire cosa è successo e i nervi d’acciaio per riportarlo per primo e accuratamente tra le principali organizzazioni di notizie: un’impresa non da poco data l’autorità semi-ufficiale che il titolo ANSA detiene nel coprire il Vaticano.

Quel giorno era una festa in Vaticano – l’anniversario dei Patti Lateranensi tra l’Italia e il Vaticano – e solo pochi altri giornalisti erano in sala stampa per ascoltare la trasmissione interna della cerimonia.

READ  Gli italiani si dichiarano colpevoli di una truffa sui manoscritti che ha scosso il mondo letterario

Ma Sherry era lì, la persona giusta al posto giusto al momento giusto.

Del curriculum della scuola secondaria pubblica classica italiana, Cherry ha detto: “Certo, se non fossi stato un italiano che ha studiato latino negli anni ’70 in Italia, non avrei capito niente”.

Ha aggiunto: “Inoltre, poiché il Papa stava leggendo con tanta calma, era come se ci stesse dicendo cosa aveva mangiato a colazione quella mattina”.

Solo più tardi, è stato rivelato che Benedict aveva in programma di ritirarsi da diversi mesi. Un tramonto durante un viaggio in Messico nel 2012 gli confermò che non aveva più la forza per resistere alla spietatezza del papato nel ventunesimo secolo.

Benedetto sapeva benissimo cosa era necessario per rendere legittima una dichiarazione: sebbene solo pochi papi lo avessero fatto prima, il diritto canonico consentiva le abdicazioni papali purché fossero “liberamente fatte e debitamente manifestate”.

Alcuni tradizionalisti e teorici della cospirazione avrebbero successivamente discusso con la formula grammaticale usata da Benedetto, sostenendo che rendeva nulla la dichiarazione e che Benedetto era ancora papa.

Ma Benedetto ha soddisfatto entrambi i requisiti previsti dalla legge: ha affermato di essere arrivato alla decisione liberamente, l’ha resa pubblica in una cerimonia vaticana usando la lingua ufficiale della Santa Sede, e l’ha ripetuta per anni a venire per togliere ogni dubbio.

“Per quanto riguarda il diritto canonico, è impeccabile”, ha detto Cherry.

E a chiunque presti attenzione, Benedict ha accennato per anni alle sue intenzioni.

Nel 2009, durante una visita alla città devastata dal terremoto dell’Aquila, Benedetto ha pregato sulla tomba di papa Celestino V, il papa eremita che si è dimesso nel 1294 dopo soli cinque mesi in carica. Sulla tomba di Celestino Benedetto ha lasciato un labro, una semplice stola di lana bianca simbolo del papato.

READ  Novak Djokovic batte l'inizio costante per raggiungere i quarti di finale degli US Open, Notizie sportive

Nessuno ci pensava molto in quel momento. Ma in retrospettiva, il papa che ha lasciato un potente simbolo del papato sulla tomba del pontefice dimesso porta un messaggio.

Un anno dopo, in un libro-intervista del 2010, Benedetto ha affermato senza mezzi termini che i papi non solo possono e devono dimettersi in determinate circostanze, anche se sottolinea che il pensionamento non è un’opzione per sfuggire a un certo fardello.

Ha detto Benedict in “Global Light”.

Ha esposto essenzialmente la stessa logica dei cardinali in quella fredda mattina di febbraio.

“Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio”, ha detto, “sono giunto alla certezza che le mie forze, a causa dell’avanzare dell’età, non sono più adatte per un corretto esercizio del ministero petrino (di San Pietro)”.

Nel mondo moderno, ha affermato, “è necessaria la forza della mente e del corpo, una forza che negli ultimi mesi si è deteriorata a tal punto che ho dovuto riconoscere la mia incapacità di svolgere adeguatamente il servizio che mi è stato affidato”.

Concludendo le sue osservazioni, Benedetto ha ringraziato i cardinali per il loro amore e servizio e ha implorato il loro perdono per le sue mancanze.

In una promessa che ha mantenuto fino alla fine, ha promesso di continuare a servire la Chiesa “con una vita dedicata alla preghiera”.

___

Segui la copertura AP della morte del Papa Emerito Benedetto XVI https://apnews.com/hub/pope-benedict-xvi

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post aggiornamenti in tempo reale di coronavirus in india, casi di coronavirus oggi, casi di covid 19 in india, casi di micron covid, casi di covid in india 1 gennaio
Next Post Una splendida galassia a spirale avvistata dal telescopio Hubble in una nuova immagine