Le azioni globali chiudono un anno forte con perdite

I mercati azionari globali hanno chiuso in ribasso venerdì, l’ultima sessione di negoziazione del 2021, un anno di guadagni generalmente solidi mentre le economie si riprendono nonostante le restrizioni in corso derivanti dalla pandemia di coronavirus.

A Wall Street, l’ampio indice S&P 500 ha registrato il suo miglior dicembre in oltre un decennio, registrando per il terzo anno consecutivo guadagni a due cifre con un balzo del 27,1%. L’analista Sam Stovall ha affermato che l’indice ha colpito 70 volte quest’anno, “secondo solo al 1954”.

Il 2021 è stato un anno molto positivo”. Il benchmark Dow Jones Industrial Average ha vinto il 18,7%, mentre i titoli high-tech hanno spinto il Nasdaq in rialzo del 21,4%. Il benchmark di Londra FTSE 100 è sceso dello 0,3 percento in una sessione di negoziazione ridotta prima del nuovo anno, segnando un aumento del 14 percento per l’anno.

Il Paris CAC 40 è aumentato di circa il 29% quest’anno, il suo miglior risultato da oltre 20 anni. Il DAX tedesco ha concluso il suo anno giovedì, dopo aver registrato un balzo di quasi il 16% nel 2021.

Mentre i mercati hanno registrato un rally nel 2021, hanno oscillato negli ultimi mesi poiché gli investitori erano preoccupati per un ritorno all’inflazione, la prospettiva di porre fine alla generosità della banca centrale e la pandemia di coronavirus in corso.

READ  Aggiornamenti in tempo reale su Covid News: il governo di Haryana emette l'ordine di estendere il blocco fino al 12 luglio con un po' di relax nello stato
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post È morto a 88 anni Max Julian, star di The Mack
Next Post Taccuino del Rose Bowl: Chris O’Leary delizia il successo dello stato dell’Ohio, Lathan Ransom si rompe una gamba, Gate Storer inizia da Linebacker e Noah non determina il futuro