Le aziende monitorano da vicino l’andamento delle precipitazioni globali

Le aziende hanno intensificato il monitoraggio dell’andamento del monsone a livello globale, tra le fluttuazioni selvagge dei prezzi delle materie prime agricole negli ultimi sei-sette mesi.

Secondo i dirigenti del settore, due ragioni principali della maggiore volatilità sono il cambiamento delle condizioni meteorologiche e l’aumento dei rischi geopolitici. Mentre le condizioni meteorologiche avverse hanno danneggiato la produzione agricola e costretto molti paesi a imporre restrizioni alle esportazioni, l’escalation della tensione sul conflitto tra Cina e Taiwan minaccia di esacerbare una catena di approvvigionamento già interrotta dalla guerra russo-ucraina.

“Quest’anno è stato particolarmente volatile”, ha affermato Angshu Malik, amministratore delegato di Adani Wilmar, che vende oli commestibili, riso e legumi con il marchio Fortune. “Il nostro partner globale, Wilmar, sta monitorando da vicino le tendenze dei monsoni poiché influenzeranno direttamente il modo in cui i prezzi si muovono in India”.

Gli osservatori del commercio hanno affermato che le prospettive per un agosto caldo e secco negli Stati Uniti mettono a rischio il raccolto di soia. È probabile che i semi di soia perdano il raccolto da agosto e all’inizio di settembre, perché la preparazione e il confezionamento della capsula avviene ad agosto e in quel periodo necessita di piogge frequenti.

Una carenza nella fornitura di olio di soia può non solo aumentare i suoi prezzi, ma anche rendere più costosi altri oli commestibili. Tuttavia, i prezzi si sono raffreddati dal picco, poiché l’Indonesia e la Malesia hanno allentato le restrizioni sulla spedizione dell’olio di palma, uno dei principali prodotti alimentari dell’India.

“Il monitoraggio ravvicinato del monsone globale è diventato molto importante dopo la guerra russo-ucraina, che ha gravemente colpito la catena di approvvigionamento globale. Lo facciamo regolarmente, ma ora è ancora più importante”, ha affermato Pradeep Choudhury, amministratore delegato di Gemini Edibles & Fats.

READ  Milano Bergamo riceve il 737-8200 'rivoluzionario' con Ryanair

Secondo Siraj Agarwal, amministratore delegato di Rice Villa Agro Consumer Products, la siccità in Italia e Giordania ha reso i prezzi del riso indiano più costosi poiché questi due paesi hanno iniziato ad acquistare pesantemente dall’India.

Anche le aziende, in India e all’estero, tengono d’occhio il monsone indiano. Quest’anno fino al 29 luglio, l’area coperta dal riso, il raccolto di base durante la stagione Khareef, era del 13,3% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, poiché gli agricoltori dei principali stati produttori di Uttar Pradesh, Bihar, Jharkhand e West Bengal hanno rallentato . per mancanza di pioggia. Anche Odisha e Chhattisgarh hanno visto meno semine. Con una resa media di 2,6 tonnellate per ettaro, l’area bassa mette alla prova quasi 10 tonnellate.

Qualsiasi riduzione della produzione di riso complicherebbe ulteriormente la disponibilità di cereali alimentari a prezzi accessibili. Potrebbe anche danneggiare le forniture e aumentare i prezzi a livello globale perché l’India è attualmente il più grande esportatore, rappresentando circa il 40% del suo commercio globale.

Anche le forti piogge rappresentano una minaccia, poiché possono causare inondazioni e danneggiare le colture agricole.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La meteora Perseide è in arrivo, ma c’è un grosso problema
Next Post Il presidente dello Sri Lanka Ranil Wickremesinghe chiede un accordo bilaterale con chi vogliamo