Le aziende dei pesi massimi godono di enormi ricompense mentre l’economia si riprende

Ora, mentre il mondo ricco si riprende dallo shock, i pesi massimi stanno aumentando quella leadership, spendendo di più in investimenti e acquisizioni, coltivando talenti, assumendo big data e sfruttando nuove tecnologie.

Il loro successo potrebbe portare a uno scontro con i regolatori dell’antitrust.

L’amministrazione Biden sta spingendo nuove politiche volte a stimolare la concorrenza nell’economia statunitense, avvertendo che meno grandi attori controllano una parte maggiore del mercato. Il potente regolatore antitrust dell’Unione europea sta rivalutando il modo in cui l’economia digitale è politicizzata.

Gli economisti ritengono che il divario tra grandi e piccole imprese abbia contribuito a spiegare la debole crescita della produttività prima della pandemia. Tradizionalmente, le innovazioni si sono diffuse da un’azienda all’altra, aiutando l’economia in generale. Ma negli ultimi anni, le grandi aziende hanno ricevuto enormi bonus e ampi segmenti di aziende più piccole hanno avuto difficoltà a tenere il passo.

Le prove dalla crisi finanziaria globale di un decennio fa suggeriscono che maggiori investimenti, in particolare in beni immateriali, si traducono in margini di profitto più ampi e una crescita più rapida, poiché i giganti esercitano una maggiore influenza sui prezzi al consumo e sui salari.

Secondo uno studio McKinsey su 5.500 aziende statunitensi ed europee, i due terzi della crescita della ricerca e dello sviluppo nell’anno fino al terzo trimestre del 2020 sono arrivati ​​da grandi aziende altamente produttive. Inoltre, queste società non hanno visto alcun calo delle loro vendite durante lo stesso periodo, mentre altre società hanno perso in media l’11% dei loro ricavi.

Il Fondo monetario internazionale ha avvertito a marzo che a causa della pandemia, la concentrazione del settore potrebbe ora aumentare nelle economie avanzate almeno quanto ha fatto nei 15 anni fino al 2015.

La concentrazione del settore, definita come il rapporto tra le vendite delle quattro maggiori società e le vendite delle 20 maggiori società del mercato, è aumentata di oltre il 30% dal 1980, secondo una ricerca dell’FMI in tutti i settori e paesi. Dopo la pandemia, i Big Four detengono in media il 60% di quelle vendite, rispetto al 56% se la pandemia non si fosse verificata, secondo le proiezioni del FMI.

READ  E l'Italia, che ospita il G20, chiederà regole più severe per l'"economia del lavoro temporaneo"

Ma alcuni economisti ed esperti di antitrust affermano che non è chiaro come o se i regolatori dovrebbero rispondere alla crescente influenza delle grandi aziende esperte di tecnologia.

“C’è un’enorme quantità di innovazione che esce da queste aziende. Le politiche che metti in atto possono avere effetti negativi su molte persone”, ha affermato Prasana Tambi, assistente professore presso la Wharton School dell’Università della Pennsylvania.

Durante la pandemia, le grandi aziende avevano la potenza finanziaria e le capacità digitali per riorganizzare rapidamente i loro modelli di business e sviluppare nuovi prodotti, mentre molti concorrenti più piccoli si stavano indebolendo e si concentravano sulla sopravvivenza.

Il Gruppo Voith, una società di ingegneria tedesca che è uno dei tre produttori di grandi turbine idroelettriche negli Stati Uniti, ha sfruttato i dati dei clienti per servire le centrali idroelettriche all’estero quando i suoi dipendenti non possono attraversare il confine.

Gli ingegneri dell’azienda hanno verificato l’acustica delle sale macchine delle centrali elettriche e hanno sviluppato un algoritmo per identificare suoni insoliti che potrebbero indicare un malfunzionamento.

Voith, che ha più di 20.000 dipendenti e circa 4,2 miliardi di euro di fatturato annuo, l’equivalente di 4,98 miliardi di dollari, offre ora la manutenzione remota per le centrali idroelettriche. Toralf Haag, amministratore delegato della società, ha affermato che la società ha recentemente acquisito una società di servizi digitali con uffici a Monaco e Berlino per aiutare a creare nuovi prodotti digitali e attrarre dipendenti giovani e esperti di tecnologia.

Voith ha investito circa 200 milioni di euro in ricerca e sviluppo lo scorso anno, sostanzialmente in linea con l’anno precedente.

Anche le grandi aziende hanno la possibilità di scegliere i candidati migliori, mentre le aziende più piccole lottano con una carenza di lavoratori e possono superare i concorrenti più piccoli nell’acquisto di materiali.

A Pittsburgh, Colin Wheeler sta lottando per competere con le grandi aziende per lavori di ingegneria e vendite per la sua piccola azienda, Optimus Technologies, un produttore di componenti per motori a biodiesel con 13 dipendenti.

Paga anche prezzi molto più alti per componenti e materiali. Mr. Hoyler ha affermato che i concorrenti più grandi hanno tasche più profonde e che i fornitori non vogliono deludere i loro maggiori clienti. Ciò significa che “non siamo in grado di intensificare il potere quanto vorremmo. Gli investimenti e l’occupazione stanno rallentando”.

READ  La legislazione sull'"economia circolare" è destinata ad avere un impatto enorme

I margini di profitto netti per le società S&P 500 sono saliti a un record del 12,8% nel primo trimestre del 2021, rispetto all’11% circa prima della pandemia, secondo FactSet. I margini per le piccole società quotate erano intorno al 6% prima e dopo la crisi.

Diageo PLC, il produttore del whisky Johnnie Walker, ha utilizzato strumenti noti come analisi predittiva che raccolgono e analizzano grandi quantità di dati sui consumatori per lanciare cocktail da portare a casa, consegne a domicilio e nuovi prodotti per i consumatori casalinghi, compresi quelli al gusto di billy torta di mele. E il Capitano Morgan affetta una mela.

Ciò ha contribuito a compensare un forte calo delle vendite esentasse e le restrizioni su bar, ristoranti e impianti sportivi. La trasformazione online ha aiutato Diageo ad aumentare la sua quota nel mercato dei liquori.

Lo shock della pandemia ha contribuito ad amplificare il valore del “capitale digitale” immateriale – gli investimenti complementari necessari per creare valore dalle nuove tecnologie – che le grandi aziende in particolare hanno accumulato negli ultimi anni, ha affermato Tambi di Wharton.

Poiché creano strumenti per altri luoghi di lavoro, aziende come Google e Microsoft sono state in grado di sviluppare prodotti molto rapidamente durante la pandemia sfruttando i loro dati sulle abitudini quotidiane di questi lavoratori. “Come può competere una piccola azienda che offre soluzioni di intelligence per la forza lavoro?”, ha affermato Tambi.

Secondo i dati Refinitiv, l’attività globale di fusioni e acquisizioni è balzata a 1,5 trilioni di dollari nei tre mesi fino a giugno, più di qualsiasi secondo trimestre registrato.

“Stiamo semplicemente vedendo che i piccoli giocatori non saranno in grado di tenere il passo”, ha detto il CEO di Intel Corp Pat Gelsinger durante la chiamata sugli utili di luglio della società.

La società sta esplorando un accordo per acquistare il produttore di chip GlobalFoundries per circa 30 miliardi di dollari, hanno detto il mese scorso persone che hanno familiarità con la questione. Questa sarà la più grande acquisizione di Intel di sempre.

READ  Dopo essere in ritardo, l'Europa sta recuperando terreno sugli Stati Uniti nei vaccini

Lo ha detto Mario Marinello, ex funzionario antitrust dell’Unione Europea.

L’importanza della scala rappresenta una sfida particolare per l’Europa perché la sua economia è dominata da aziende più piccole, soprattutto nel sud. Solo il 20% circa degli italiani lavora per aziende con più di 250 dipendenti, contro circa il 60% degli americani.

Nell’industria automobilistica, i grandi fornitori richiedono sempre più alle piccole e medie imprese di connettersi a piattaforme digitali avanzate, il che richiede nuove tecnologie e investimenti. I grandi birrifici hanno approfittato delle loro dimensioni per mettere da parte risorse e materiali scarsi, mentre i birrifici artigianali hanno dovuto interrompere la produzione.

Nella costruzione, le grandi aziende hanno investito in droni, alcuni dei quali costano $ 40.000 ciascuno, e software di intelligenza artificiale per mappare i siti, misurare ciò che è stato costruito, confrontare i piani e monitorare la presenza dei lavoratori nei cantieri. Un pilota di droni può raccogliere le stesse informazioni durante un breve volo che un ispettore edile potrebbe impiegare diverse ore per raccogliere a piedi.

Stefano Valentini, presidente del produttore francese Drone Volt SA, ha affermato di vedere una forte domanda di droni da parte delle grandi aziende del nord Europa e degli Stati Uniti sulla scia della pandemia, ma poca domanda dal sud Europa, dove le aziende più piccole e meno capitalizzate. sono la norma. Per quelle aziende, molte delle quali hanno tardato a riprendersi dalla crisi finanziaria, “il Covid è il chiodo nella bara”, ha affermato.

La stessa Valentini Company si è recentemente parzialmente fusa con un concorrente americano. “Il Covid richiede grandi spalle per prendere il colpo”, ha detto.

Questa storia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo

partecipazione a Newsletter alla menta

* Inserisci un’email disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post “Abbiamo fatto molta strada”
Next Post Square Acquista “Compra ora, paga dopo” Giant After Bay paga un affare da $ 29 miliardi – TechCrunch